GIANFERMO DA TRIVULZIO

0
2673

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

2026      GIANFERMO DA TRIVULZIO Conte di Musocco (Mesocco), marchese di Vigevano. Signore di Codogno e di Melzo. Figlio di Gian Giacomo da Trivulzio, fratello di Gianniccolò da Trivulzio e di Camillo da Trivulzio, padre di Alessandro da Trivulzio e di Girolamo da Trivulzio.

+1556 (dicembre)

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1507
Mag.Lombardia

A Milano per il solenne ingresso nella città del re Luigi XII. Regge le briglie del cavallo del sovrano con Antonio Maria Pallavicini.

1512FranciaChiesa
1518
Dic.Francia

A Chartres per i funerali del padre. Con Alessandro da Trivulzio, Ludovico Barbiano da Belgioioso e Girolamo Castiglione  regge sulle spalle il feretro nella chiesa di San  Francesco.

1519
Gen.Lombardia

A Milano per le solenni esequie organizzate nella città in onore del padre.

1521
Giu.FranciaImperoEmiliaMette a sacco Busseto, feudo dei Pallavicini.
Ago.500 fantiEmiliaAlla difesa di Piacenza e di Parma alla testa di 500 fanti pagati a sue spese.
1522
Feb.

Viene dichiarato ribelle dal duca di Milano Francesco Sforza.

Mar. apr.FranciaMilanoLombardia

A Castelleone. Ad aprile lascia Cremona con Giovanni dei Medici e si dirige su Correggio e Formigara.

1523
Dic.FranciaImpero Venezia50 lanceLombardia

Si trova sulle sponde del Ticino con il figlio Girolamo.

1524
……….Lombardia

All’assedio di Pavia.

Apr.Piemonte

Si sposta alla difesa di Novara con Teodoro da Trivulzio; con tale capitano, come gesto di cortesia, manda a salutare il provveditore generale veneziano Piero Pesaro che milita nel campo avversario.

Ago.

Ha ai suoi ordini 30 lance.

Nov.FranciaImpero60 lanceLombardia

Scorta un convoglio di rifornimenti; si trova a Melzo con il figlio Girolamo al comando di 60 lance, dei relativi arcieri e di 200 fanti. E’ qui sorpreso  da Ferdinando d’Avalos, uscito nottetempo da Lodi con 100 lance, 200 cavalli leggeri e 2000 fanti. Catturato con il figlio Girolamo e 40 uomini d’arme, è consegnato al capitano avversario. E’ liberato su garanzia del cremasco Alessandro Benevenuti che riconosce un vistoso riscatto al marchese di Pescara.

1526
Mag. lug.Francia e Lombardia

Cade in disgrazia agli occhi del re Francesco I per il suo desiderio di risposarsi con una figlia di Girolamo Morone. Si offre al servizio degli imperiali per mezzo della madre. Fugge dalla Francia a luglio, tocca Bergamo e da qui raggiunge Melegnano.

Ago.ImperoFranciaLombardia

Si accorda con il Connestabile di Borbone e passa al servizio degli imperiali.

1530
Ott.Veneto

Si riconcilia con il duca di Milano; alla fine della guerra  accompagna Francesco Sforza a Venezia.

1532Lombardia

Pone la sua residenza a Milano.

1534
Apr.Lombardia

Presenzia alle nozze del duca di Milano Francesco Sforza.

1538
AutunnoLombardia

E’ mobilitato alla difesa di Milano a seguito dell’ ammutinamento delle truppe spagnole in Piemonte.

1539Guerra privataLombardia

Cita in tribunale Paride Scotti per il possesso di Retegno. Gli è data ragione; il suo rivale, per sfregio, fa impiccare un bandito nella stessa località. Come conseguenza il Trivulzio assale Fombio e Guardamiglio, vi fa numerosi prigionieri e depreda il palazzo degli Scotti. Sempre nell’anno fa uccidere dai suoi bravi a Venezia Giacomo e Ludovico Scotti: per tale fatto, l’anno successivo, sarà bandito dai veneziani.

1549Lombardia

Entra a far parte del senato milanese.

1554

I milanesi lo inviano dall’ imperatore con Luigi Sovico.

1556
Dic.

Muore. Sposa una figlia di Rodolfo Gonzaga, Margherita Valperga e Caterina dei Landi.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi