GIANFRANCESCO DA TRIVULZIO Di Milano

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

2027      GIANFRANCESCO DA TRIVULZIO  Di Milano. Conte di Bassignana, marchese di Vigevano. Signore di Codogno, Mesocco e Castelnuovo Scrivia. Figlio di Gianniccolò, genero di Teodoro da Trivulzio.

1509 – 1573 (luglio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1513  

 

 

 

 

 

Lombardia

Succede al padre Gianniccolò nei suoi incarichi di gran cacciatore e falconiere del ducato.

1516  

 

 

 

 

 

 

 

Il re Francesco I gli rinnova le investiture dei suoi feudi.

1518  

 

 

 

 

 

 

 

Diviene raccomandato degli svizzeri tramite il nonno Gian Giacomo.

1520 Francia Impero 30 lance Piemonte

Si trova nell’astigiano al comando di 30 lance, che hanno combattuto agli ordini del nonno. Rimane zoppo per un colpo di archibugio al ginocchio.

1521  

 

 

 

 

 

 

 

 
Nov.  

 

 

 

 

 

Lombardia

 Il palazzo di Gian Giacomo da Trivulzio di via Rugabella è messo a sacco dalle truppe imperiali. Gianfrancesco da Trivulzio è preso in custodia da Ferdinando d’Avalos, nipote della nonna Beatrice.
1522  

 

 

 

 

 

 

 

 
Gen.  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ dichiarato ribelle dal nuovo duca di Milano Francesco Sforza.

Mar.  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ segnalato a Castelleone.

1524  

 

 

 

 

 

 

 

 
Apr. Francia Impero  

 

Piemonte

Partecipa alla battaglia di Romagnano Sesia: ferito, si fa condurre ad Ivrea.

Dic.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Alla difesa di San Colombano al Lambro.

1525  

 

 

 

 

 

 

 

 
Feb.  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ attaccato in San Colombano al Lambro da Bartolomeo da Villachiara, che  dispone di 1500 fanti, il Trivulzio ha ai suoi ordini 200 cavalli leggeri e 300 fanti.

1526  

 

 

 

 

 

 

 

 
Apr.  

 

 

 

 

 

Francia

A Saint-Sever.

1529  

 

 

 

 

 

 

 

Con la pace di Bologna l’imperatore Carlo V gli conferma i privilegi ed i feudi che gli sono riconosciuti a suo tempo dai francesi.

1530  

 

 

 

 

 

 

 

 
Feb. Impero  

 

 

 

Emilia

A Bologna, per l’incoronazione di Carlo V. Gli è concessa una condotta di 100 cavalli leggeri.

1534  

 

 

 

 

 

 

 

Gli imperiali gli danno il comando di un colonnello di fanti. Viene accusato con Giannantonio Falletti dell’ avvelenamento del duca di Milano Francesco Sforza; è condannato a morte ed i suoi beni sono confiscati.

1536 Impero Francia  

 

Piemonte e Francia

Sulla fine dell’anno si trova a Lione ed assiste al processo a carico del conte Sebastiano Montecuccoli, accusato di avere avvelenato il delfino su incarico di Carlo V.

1543  

 

 

 

 

 

 

 

L’imperatore dichiara nulla l’accusa che lo riguarda per quanto attiene la morte per veleno del duca di Milano in una causa presieduta dal governatore di Milano Alfonso d’Avalos. Si deve, tuttavia, allontanare poco dopo dalla corte per avere preso a schiaffi un ministro.

1550  

 

 

 

 

 

 

 

E’ condannato in contumacia alla decapitazione per avere tentato di uccidere Ottaviano Bignami, suo procuratore. Due anni dopo sarà ancora assolto dall’imperatore.

1552  

 

 

 

 

 

 

 

 
Ago.  

 

 

 

 

 

Austria

E’ segnalato al fianco di Carlo V allorché l’imperatore abbandona in gran fretta Innsbruck per riparare a Villach a seguito delle minacce rivoltegli dal duca Maurizio di Sassonia.

1571 Chiesa Ugonotti  

 

Francia

Ha il comando di un corpo di cavalleria ad Avignone per contrastare gli ugonotti.

1573  

 

 

 

 

 

 

 

 
Lug.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Muore a metà mese a Mantova. E’ sepolto a Milano nella chiesa di San Nazzaro e Celso. Sposa Giulia da Trivulzio, figlia di Teodoro.

 CITAZIONI

“Celui-ci servit d’abord la France, puis l’Empire, plusieurs petits princes italiens et enfin le pape. Il trahit tous ses maitres et fut plusieurs fois condamné à mort..Il avait, à qu’il semble, changé son nom contre celui de son beau-pére, Teodoro. Il eut un batard digne de lui (Niccolò), qu’il se vit forcé de désavouer.” PICOT

“(Servì) molti principi, indifferente per tutti certamente, e fors’anche a tutti infedele, colmo di delitti privati, senza virtù pubbliche, vero ritratto della degradazione della specie italiana dopo le invasioni degli olttramontani.” LITTA

Sulla sua tomba è riportata la seguente epigrafe “Io. Franciscus Io. Nicolai/ Filius Magni Trivultii/ Nepos marchio Vigevani/ et co. Musochi qui ab/ Adversa fortuna frangi/ Se numq.; passus est, post/ Erecta sepulchra parentum/ Hoc sibi vivens posuit.”

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email