MARZIO ORSINI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1314      MARZIO ORSINI  (Mario Orsini) Signore di Monterotondo. Figlio di Giulio, padre di Giulio, fratello di Valerio.

+ 1529 (dicembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1503
Feb. Orsini Chiesa Lazio

Si trova a Bracciano con Capuano dall’Occhio (50 cavalli e 200 fanti); cerca di raccogliere altri 300 fanti.

1509
Apr. Lazio

E’ arruolato dai veneziani con 400 cavalli per combattere le truppe della lega di Cambrai: il papa Giulio II si oppone alla  condotta e lo minaccia di scomunica in caso di sua accettazione.

1513
Apr. Lazio

A Roma per l’incoronazione del papa Leone X.

1515
………….. Firenze

Milita agli stipendi dei fiorentini con l’incarico di luogotenente di Lorenzo dei Medici.

Ago. Toscana

A Firenze, per la rassegna dei suoi uomini.

1517
Gen. Firenze Comp. ventura Marche

Contrasta Francesco Maria della Rovere, teso alla riconquista del ducato di Urbino. E’ di stanza a Corinaldo; tenta di entrare in Montalboddo (Ostra ) con l’accordo di Giovanni Bernardino dell’Anguillara, che ne comanda il presidio, per collocarvi i suoi alloggiamenti: gli abitanti non lo fanno entrare e gli consegnano del foraggio  gettato  dall’alto delle mura. Lascia il territorio con l’Anguillara.

1519
Dic. Chiesa Fabriano Marche

Affianca Renzo di Ceri per scacciare da Fabriano il signore della città Battista Zibicchio. Si porta a Porcarella con Masio Cima. E’ qui colto di sorpresa da Tebaldo da Fabriano: si dà alla fuga con Masio Cima facendosi calare dalle mura. Tra i pontifici vi sono più di 70 morti contro uno solo degli abitanti di Fabriano.

1521
Dic. Comp. ventura Perugia Chiesa Umbria

Segue Camillo Orsini nella sua azione contro Gentile Baglioni: è inviato a Perugia per tentare un accordo tra i vari membri della famiglia Baglioni.

1522
Gen. Umbria

Ogni ipotesi di trattativa fallisce; attacca Perugia con Camillo Orsini, il della Rovere, Malatesta ed Orazio Baglioni.

Feb. Umbria

Entra in Perugia con Baldassarre Signorelli. Si colloca alla guardia di Porta Borgna allorché i pontifici capitanati da Giovanni dei Medici si avvicinano alla città.

1523 Spoleto Norcia Umbria

Con Giovan Corrado e Valerio Orsini è chiamato in soccorso da Spoleto per fronteggiare Norcia ed i colonnesi: assedia invano Sellano alla testa di 10000 uomini.

1526
Sett. nov. Impero Chiesa Francia Lazio Abruzzi

Combatte il papa Clemente VII con Ascanio, Vespasiano e Pompeo Colonna, il duca di Sessa Luigi Fernandez di Cordova ed il viceré di Sicilia Ugo di Moncada. Irrompe in Roma e prende alloggio nel palazzo dei Santi Apostoli appartenente al cardinale Pompeo Colonna: mette a sacco il Borgo Leonino. I pontifici escono da Castel Sant’Angelo, recuperano piazza San Pietro ed il Vaticano. L’Orsini è catturato con Cesare Gaetani nel Palazzo Apostolico;  viene rinchiuso in Castel Sant’ Angelo. A novembre contrasta sempre i pontifici a favore dei colonnesi. Lascia Napoli ed è segnalato con 200 fanti a Celle (Carsoli) alla ricerca di rifornimenti per le sue truppe.

1527
Gen. Lazio

Assedia in Frosinone Renzo di Ceri, Vitello Vitelli ed Orazio Baglioni; ferito in uno scontro sotto le mura con Fernando Alarcon, è fatto prigioniero. Il papa lo fa liberare  e gli dona 600 ducati da lui dovuti ai colonnesi.

Giu. Francia Impero Umbria

Passa agli stipendi della lega dopo il sacco di Roma. Sempre nello stesso mese è contattato dagli spoletini affinché la città sia risparmiata dalla guerra.

Ott. Lazio

Con Michelantonio di Saluzzo e Federico Gonzaga da Bozzolo (che   hanno il comando della cavalleria e di 2000 fanti) organizza un assalto di sorpresa contro la cavalleria imperiale alloggiata a Monterotondo ed a Mentana senza particolari misure di sorveglianza: l’attacco non riesce in quanto i francesi sono scoperti quasi subito procedendo, a loro volta, con poco ordine.

1528
Apr. mag. Campania

Segue il Lautrec nella sua spedizione nel regno di Napoli. Entra in Capua. A maggio è segnalato nei pressi di Vicovaro.

Estate Campania

Prende parte all’assedio di Napoli.

1529
Giu. Firenze Chiesa Impero 150 cavalli leggeri Umbria

Ha il comando di 150 cavalli leggeri con Giorgio di Santacroce. E’ inviato in Umbria a Perugia per prestare soccorso a Malatesta Baglioni.

Ago. Umbria

Si reca ad Arezzo; a fine mese passa alla difesa di Spello.

Sett. Toscana

Alla guardia di Cortona. Anche tale città è costretta ad arrendersi agli avversari.

Ott. Toscana

Si trasferisce alla difesa di Firenze;  con 3500 fanti pone i suoi alloggiamenti a fianco di quelli di Stefano Colonna a sinistra rispetto al poggio di San Francesco (Monte San Miniato). Colloca un pezzo di artiglieria su un campanile: quando il principe d’ Orange pensa di occupare due colli vicini per limitare i danni che egli provoca dall’alto, attacca gli avversari dal colle di Giramonte. Nello scontro sono feriti Alessandro  Vitelli e Piermaria dei Rossi mentre stanno caricando i fiorentini con i loro cavalli. L’Orsini si fa pure notare in un’altra sortita in cui tra gli imperiali sono uccisi 70 uomini ed è ferito Anguillotto da Pisa.

Nov. Toscana

Si reca a Pistoia ed a Prato a supervisionarne le opere di fortificazione. Consiglia di abbandonare entrambe le località. Sempre nel mese muove verso Borgo San Sepocro (Sansepolcro) in soccorso di Napoleone Orsini  in difficoltà di fronte ad Alessandro Vitelli.

Dic. Toscana

Presenzia alla rassegna delle truppe tenuta da Malatesta Baglioni al Monte di San Miniato. Copre con le artiglierie del bastione di San Francesco la sortita, effettuata da Stefano Colonna a Santa Margherita a Montici ai danni di Sciarra Colonna. Anche l’Orsini esce dalle mura di Firenze con i suoi uomini: il Baglioni fa  suonare in anticipo la ritirata e fa perdere ai fiorentini un’occasione di vittoria. Coadiuva Ivo Biliotti in una nuova sortita. Si sposta  a Banduccio da dove compie numerose azioni offensive  impedendo al principe d’Orange di porre i propri alloggiamenti sui colli di Arcetri e di Santa Margherita a Montici. Muore con Giorgio di Santacroce al Monte di San Miniato per un colpo di colubrina proveniente dai colli dirimpetto al Gallo (la villa dei Lanfredini): il tiro atterra il pilastro di una pergola che crolla sui presenti ; si salva invece il Baglioni con il quale il condottiero si trova a colloquio. E’ sepolto con Giorgio di Santacroce nella chiesa di San Marco: le esequie sono solenni e vi partecipano duemila frati preceduti da cento poveri, ciascuno con una torcia in mano. Secondo una cronaca coeva, in punto di morte l’Orsini avrebbe confessato di essere stato in contatto con gli imperiali. Sposa Virginia della Rovere.

 CITAZIONI

“Rinomato condottiere, prese parte alle continue lotte della fazioni dei suoi tempi.” ARGEGNI

“Condottier d’armi di chiaro nome, molte volte nominato nelle continue fazioni delle guerre de’ suoi tempi.” LITTA

“Di vivido ingegno, pratico de’ uomini e di guerre.” A. VALORI

Con Giorgio di Santacroce “Capitani valorosi e prudenti.” ULLOA

Con Giorgio di Santacroce “Valorosi e prudenti.” ROSEO

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email