SEBASTIANO PICENARDI Di Cremona

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1461      SEBASTIANO PICENARDI  Di Cremona. Detto il Martigena per il suo valore.

+ 1554 (marzo)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1528  

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Milano Impero  

 

Lombardia

Preposto alla difesa di Lodi contribuisce a respingere un attacco alla mura in cui agli imperiali sono presi cinque vessilli con l’uccisione di 500 fanti spagnoli e di 800 italiani.

….. Lombardia Ha l’incarico di castellano di Cremona. Scopre la trama ordita da Galeazzo di San Vitale, accampato a Fontanellato nel parmense con gli imperiali. E’ decapitato un ufficiale coinvolto nella congiura: la testa di costui viene posta su un’asta ed il corpo è fatto a pezzi. La testa è appesa sulla Porta di Santa Lucia;  altri lacerti vengono collocati, a titolo di monito, sulle altre porte della città.
1531
Apr. Milano Medici  

 

Lombardia

Combatte il marchese di Musso Gian Giacomo dei Medici. Affianca Alessandro Gonzaga ed Alessandro Bentivoglio all’assedio di Monguzzo difesa con 150 fanti da Niccolò Pelliccione e da Gabriele dei Medici.

1532  

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago. Impero Impero Ottomano  

 

Lombardia

Con Antonio Favagrossa e Francesco del Matto raduna a Cremona 2000 fanti da condurre in Ungheria contro i turchi.

1534  

 

 

 

 

 

Lombardia

Rifiuta reiteratamente di battersi con il proprio concittadino Cesare degli Asii, da lui ritenuto disonesto ed infame.

1538  

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Impero  

 

 

 

Lombardia

Milita agli ordini del marchese di Vasto Alfonso d’Avalos. Si trova alla guardia di Milano con Ludovico Vistarini e Bernardo Manara al comando di un contingente di fanti lodigiani, cremonesi e pavesi.

1547  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Impero  

 

 

 

Lombardia Emilia

Lascia Cremona con Ludovico dal Borgo, Pier Francesco Trecco, Osio Casale e Giovan Francesco dell’Ala per portarsi a Bobbio: è inviato in tale località dal governatore di Milano Ferrante Gonzaga alla notizia del tentativo di Gianluigi Fieschi di impadronirsi di Genova ai danni di Andrea Doria. Raduna truppe a Monticelli d’Ongina ed a Castelvetro Piacentino che appartengono a Pier Luigi Farnese.

………  

 

 

 

 

 

Emilia

Ha l’incarico di castellano a Brescello.

1551 Impero Francia  

 

Emilia

Partecipa alla guerra di Parma.

1554  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Impero Francia  

 

Toscana

Combatte nella guerra di Siena. Muore a Siena in una scaramuccia notturna, avvenuta tra la Porta Romana ed il forte del monastero di Santa Bonda, per un colpo di archibugio ad un fianco. Sposa Giovanna Ruota. Citato da Francesco Zava nelle sue orazioni latine e da altri storici di Cremona quali Vincenzo Conti, Antonio Campi e Giovan Carlo Tiraboschi.

 CITAZIONI

Capitano di somma sperienza e valore.” MANINI

“Strenuo nostro capitano.” LANCETTI

“Noto fra i Cremonesi che combatterono sotto Carlo V.” SOMMI PICENARDI

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email