PIETRO DA BAGNO

0
1772

PIETRO DA BAGNO  (Pietro da Modigliana, Pietro Guidi)

Conte di Modigliana. Signore di Bagno di Romagna. Figlio di Guido da Bagno, padre di Riccardo da Bagno.

  • 1420 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1390
Nov.A fine mese presenzia alla ratifica della lega stipulata tra i fiorentini ed il re di Francia Carlo VI.
1392PesaroChiesaUmbriaMilita agli stipendi del signore di Pesaro Malatesta Malatesta.
1393
…………..TodiFuoriuscitiUmbria

Cattura e fa decapitare in Orte Catalano degli Atti; la vedova dell’ ucciso, assistita da milizie perugine, leva a tumulto Todi e lo costringe ad abbandonare la città.

…………..Firenze
1396FranciaE’ testimone alla ratifica della lega conclusa tra Firenze  ed i suoi alleati da un lato, ed il re di Francia Carlo VII dall’altro.
1398MilanoFirenzeLombardiaAgli stipendi del duca di Milano Gian Galeazzo Visconti.
1401
Mar.Con la pace di Venezia è liberato dai fiorentini da ogni bando.
1403
…………..da BagnoFirenzeRomagna

Con Riccardo da Bagno assale  nottetempo Montegranelli ed ottiene il castello per trattato;  vi cattura la moglie ed i figli di Antonio da Montegranelli.

Nov.Toscana

E’ bandito dai fiorentini.  E’ condannato al confino per le trame da lui tenute a San Miniato con molti fuoriusciti collegati con i viscontei.

1404
Apr.MilanoGuelfiEmilia

A Piacenza. E’ assediato nella cittadella di Fodesta da Ottobono Terzi; con Pietro da Bagno alla difesa della città si trovano anche Niccolò Crivelli e Cornelio da Rho. Gli avversari sono costretti a desistere.

Mag.da BagnoFirenzeRomagna  Toscana

Viene attaccato nelle sue terre dai fiorentini; gli sono tolte Bagno di Romagna, Corezzo ed altri castelli che saranno concessi, più tardi, dai suoi avversari ai Gambacorta.

1406
Ago.PerugiaFuoriuscitiUmbria

E’ condotto dai perugini per due mesi;  combatte le truppe di Braccio di Montone. Si muove verso Assisi. I fiorentini temono possibili azioni da parte sua e fanno pressioni su pontifici e perugini affinché non gli siano dati passo e vettovaglie.

………….PisaFirenzeToscanaViene assoldato dai pisani. Il legato pontificio di Perugia gli vieta di lasciare l’Umbria.
1410
…………..OrdelaffiAntipapa400 cavalliRomagnaAffianca Giorgio Ordelaffi alla conquista di Forlimpopoli e di Forlì.
………….RomagnaAlla difesa di Forlimpopoli allorché la città viene minacciata dagli avversari.
1413
Apr.IsraeleAccompagna il marchese di Ferrara Niccolò d’Este nel suo pellegrinaggio al Santo Sepolcro a Gerusalemme.
Lug.UrbinoAl suo rientro in Italia stipula, per conto di Guidantonio da Montefeltro, un patto di alleanza con fiorentini e pontifici.
Sett.AntipapaNapoliRomagna

E’ assediato nella rocca di Forlimpopoli da Giorgio Ordelaffi: la città cade nelle mani nemiche anche perché Andrea Malatesta impedisce ai feltreschi di portargli soccorso.

Nov.Emilia e Lombardia

Transita per Parma;  scorta a Lodi l’antipapa Giovanni XXIII  che si deve incontrare in tale località con l’imperatore Sigismondo d’Ungheria.

1414UrbinoMontone
1415
Gen.LazioRicopre l’incarico di senatore di Roma per un semestre.
…………..MontoneChiesaUmbria
1416
Lug.PerugiaUmbriaDopo l’ingresso trionfale di Braccio di Montone in Perugia Pietro da Bagno rimane al governo della città come suo luogotenente.
Sett.UmbriaA seguito di un tumulto invia al confino, a Gubbio, Ludovico dei Michelotti con altri 9 esponenti del partito popolare dei raspanti.
1419
Ott.ChiesaPerugiaUmbria

Al servizio del papa Martino V contro il signore di Perugia Braccio di Montone. A metà mese affianca Conte da Carrara, Bernardino degli Ubaldini della Carda, Angelo della Pergola, Guidantonio da Montefeltro nell’entrare di sorpresa in Assisi. Rapida è la reazione del Montone che, dopo pochi giorni, recupera la località a seguito di un combattimento che dura cinque ore e che costa ai pontifici 200 morti e 400 prigionieri.

1420
Gen.UmbriaAlla difesa di Gubbio con Bernardino degli Ubaldini della Carda, Perugino dal Lago, Ludovico dei Michelotti e Ludovico d’Assisi. La città è assalita da Braccio di Montone e da Niccolò Piccinino. Dopo 3 giorni di aspri combattimento gli avversari sono costretti ad abbandonare le operazioni. Pietro da Bagno muore nello stesso anno.

 CITAZIONI

-“Fu huomo bellicoso.” GAMURRINI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi