LUDOVICO RASPONI Di Ravenna

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1589      LUDOVICO RASPONI  Di Ravenna. Figlio di Teseo; fratello di Cesare, Prospero e Raffaele.

1507 – 1557

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

……….  

 

 

 

 

 

Romagna

Ricopre più volte in Ravenna l’incarico di magistrato.

1523 Numai Morattini  

 

Romagna

Contrasta Giovanni da Sassatello e Girolamo Morattini che vogliono rientrare in Forlì ai danni dei Numai: nel ritornare a Ravenna con Obizzo Rasponi tocca Massa nel ravennate dove tenta di uccidervi il rettore della chiesa Francesco Focaccia; ne ammazza  il fratello e ne saccheggia le case.

1527  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Chiesa Impero  

 

Lazio

Si trova alla difesa di Roma contro i lanzichenecchi del Connestabile di Borbone.

1532 Chiesa Impero Ottomano 100 cavalli Ungheria

Combatte in Ungheria i turchi agli ordini di Giovambattista Savelli.

1534  

 

 

 

 

 

 

 

 

Autun. Chiesa Urbino  

 

Marche

Fronteggia le truppe di Francesco Maria della Rovere nella guerra di Camerino.

1535 Chiesa  

 

 

 

Marche

Staziona nel fermano.

1543 Impero Francia  

 

Francia

Si segnala nelle guerre in Francia.

1546 Impero Protestanti  

 

Germania

 

1551 Chiesa Francia  

 

Emilia

Prende parte all’assedio di Mirandola. Coinvolto in uno scontro in cui i pontifici stanno per avere la peggio il suo intervento vale a salvare dalla cattura il principe di Macedonia. Si batte con gli avversari  sul Secchia ove riporta numerose ferite causate dal lancio di giavellotti e da colpi di picca.

1552  

 

 

 

 

 

Marche

Al termine del conflitto viene trasferito a Jesi.

1554  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Firenze Francia  

 

Toscana

Combatte nella guerra di Siena. Si distingue nel’azione che porta, a Siena,  alla conquista di uno dei forti di Porta Camollia.

Mar.  

 

 

 

 

 

Toscana

Affianca Ascanio della Cornia a Cortona, lascia Oliveto e scaccia gli avversari da Ponte a Valiano (Valiano); affronta i francesi a Lucignano ed è ferito da un giavellotto. Passa  alla guardia di Montepulciano e difende il ponte Ranaio.

Lug.  

 

 

 

 

 

Toscana

Partecipa alla battaglia di Marciano in cui è disfatto Piero Strozzi.

1555  

 

 

 

 

 

Marche

A Jesi.

1556 Chiesa Impero  

 

Lazio

Fronteggia i colonnesi presso Paliano. Nella guerra il suo comportamento è elogiato dallo  Strozzi. Si unisce con Baldassarre Rangoni alla testa di 80 cavalli e 40 archibugieri;  cade in un’imboscata tesa loro in una palude vicina da Cesare Muzi con molti archibugieri. Ludovico Rasponi ed Alessio Lascaris sono attaccati dalla cavalleria;  gli avversari sono respinti con l’aiuto di Baldassarre Rangoni.

1557  

 

 

 

 

 

Lazio

Muore a Roma a seguito di febbri malariche contratte nella Campagna romana.

 CITAZIONI

“Affaticato e consumato nelle guerre.” PAGLIARINO

Con Cesare e Raffaele Rasponi “Cum et oppugnandis urbibus, et proeliis ineundis Ducis famam praeclere sustinerent.” G. ROSSI

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email