OBIZZO RASPONI Di Ravenna

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1590      OBIZZO RASPONI  Di Ravenna. Ghibellino.

               + 1530

Anno, mese

Stato. Comp. ventura

Avversario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

………

 

 

 

 

 

 

Romagna

Ricopre più volte in Ravenna l’incarico di magistrato.

1513

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.

Venezia

Spagna

300 fanti

Romagna e Veneto

Raccoglie 300 fanti a Ravenna, si porta a Chioggia e passa alla difesa di Padova. E’ inquadrato nel colonnello di Giacomo Novello. Ha l’incarico di controllare il tratto di mura intercorrente da Porciglia al bastione Impossibile.

1515

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ott.

 

 

 

 

300 fanti

Veneto

A Chioggia con 300 fanti radunati in Romagna per la Serenissima. Si trova a Venezia ed a Treviso.

1517

 

 

 

 

 

 

Romagna

Uccide a Ravenna per gelosia di Antonia Jacobazzi, moglie di Giacomazzo di Cola, Pietro Tosetti: ciò riaccende nella città l’odio delle fazioni tra quella ghibellina dei Rasponi e quella guelfa dei Lunardi.

1518

 

 

 

 

 

 

Romagna

Con alcuni accoliti violenta sulla strada per Bologna una vedova che con la figlia sta aspettando un carro per recarsi in tale città. Viene scacciato da Ravenna.

1523

Numai

Morattini

 

 

Romagna

Contrasta Giovanni da Sassatello e Girolamo Morattini che vogliono rientrare in Forlì ai danni dei Numai: nel ritornare a Ravenna con Ludovico Rasponi tocca Massa nel ravennate.  Cerca di uccidervi il rettore della chiesa Francesco Focaccia; ne  ammazza il fratello e ne saccheggia le case.

1527

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.

Rasponi

Venezia

 

 

Romagna

Tenta di rientrare in Ravenna con l’aiuto di Guido Rangoni.

Lug.

Impero

Venezia

 

 

Romagna

Ripete il tentativo di rientrare in Ravenna con Guido Vaina. Si presenta a Venezia nel Collegio dei Pregadi; si offre di consegnare il castello cittadino alla Serenissima, si scusa per le sue azioni precedenti, si lamenta perché le sue proprietà a Ravenna sono state messe a sacco dai veneziani.  Si offre di arruolare per la Serenissima 1500 fanti e 400 cavalli. E’ rimproverato per i suoi attacchi alla  città dal doge Andrea Gritti: sono accettate le sue giustificazioni.

1530

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleNICCOLO ROBERTI
Next articleONOFRIO RUFALDO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email