GIROLAMO PEPOLI Conte

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1413     GIROLAMO PEPOLI  Conte.

1494 – 1551

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1522FirenzeComp. ventura25 lanceToscana

Ha l’incarico di luogotenente nella compagnia di Vitello Vitelli. Contrasta Renzo di Ceri da cui è fatto prigioniero nel senese.

1523Emilia e Lazio

Fa parte a Bologna della Magistratura dei Gonfalonieri. Nemico di Melchiorre Ramazzotto cerca di diminuirne l’autorità nella città con la proposta dell’ abolizione delle contee, istituite dal papa Leone X, che smembrano l’unità del territorio comunale. E’ inviato a Roma per difendere il progetto presso il papa Adriano VI.

1526
Ago.Emilia

Uccide un capitano pontificio che milita agli ordini di Federico Gonzaga.

1527
Apr.Emilia

A Bologna.

1528Emilia

Confinato a Cento dal governatore pontificio di Bologna il vescovo Uberto Gambara, il Pepoli, in odio nei confronti del prelato, informa il duca di Ferrara Alfonso d’Este riguardo al tradimento perpetrato ai suoi danni da Bartolomeo Costabili.

1529
PrimaveraEmilia

Entra a contesa con Pompeo Ramazzotto. Sono uccisi  alcuni suoi uomini.

Ago.Emilia

Su intervento del papa Clemente VII si deve riconciliare con Melchiorre Ramazzotto.

Sett.ChiesaFirenzeToscana

Cala in Mugello con Alessandro Pepoli dalla parte di Barberino di Mugello alla testa di 2000 abitanti degli Appennini. Tutto il contado viene messo a sacco in modo selvaggio.

Ott.Toscana

Sempre a Barberino di Mugello, con Giacomo da Bozzo alla testa di 2000 fanti tra bolognesi e corsi: attaccato da Otto da Montauto, che proviene da Prato con 1000 fanti e 50 cavalli, è costretto a ripiegare.

1530
……………..Emilia

Nei primi mesi dell’anno soggiornano a Bologna numerosi spagnoli giunti in città per l’incoronazione dell’ imperatore Carlo V. Per alcuni giorni il Pepoli incita i bolognesi ad ammazzare di notte quanti più spagnoli trovino indifesi per le strade: i cadaveri sono gettati nelle fogne e nei pozzi, pochi sono quelli abbandonati nelle strade.

……………..ToscanaE’ inviato dal papa alla guardia di Pistoia: ha con sé molti soldati con i quali ha il compito di mantenere l’ordine pubblico scosso giornalmente da inconvenienti vari e da tumulti.
1533Emilia

Con la nomina di Francesco Guicciardini a governatore di Bologna preferisce rimanere lontano dalla città.

1534Emilia e Lazio

Rientra a Bologna con Galeazzo Castello: entrambi sono accompagnati da numerosi armati, tra i quali si contano pure alcuni uomini sottoposti a bando. Due suoi fautori  sono arrestati dagli sbirri e sono condannati a morte dal Guicciardini. Il Pepoli, accompagnato da molti partigiani, si dirige verso il palazzo dove alloggia il governatore; è raggiunto in via delle Chiavature da alcuni senatori che lo convincono a desistere dai suoi propositi. Si reca a Roma.

1535
Gen.Emilia

Rientra a Bologna; transita per Santo Stefano; nell’entrare in Strada Maggiore cade da cavallo e si rompe una gamba.

1537
Gen.FuoriuscitiFirenzeEmilia

Lorenzino dei Medici uccide a Firenze il duca Alessandro dei Medici. Prima di raggiungere Venezia costui si ferma a Bologna dove si trovano molti fuoriusciti fiorentini che si stanno si preparando per rientrare con la forza in Toscana. Il Pepoli  raduna anch’egli alcuni soldati a Bologna per aiutare i fuoriusciti a conseguire i loro obiettivi. Interviene il legato apostolico della città, il cardinale di Santa Fiora Guido Ascanio Sforza, che lo convince a desistere (per il momento) da tale proposito.

Apr.Toscana

Favorisce Filippo Strozzi contro il duca di Firenze Cosimo dei Medici;  rifornisce di vettovaglie i fuoriusciti. Per questo fatto è nuovamente diffidato  dal cardinale Guido Ascanio Sforza. I soldati da lui arruolati nella circostanza sono sollecitati a restituire il soldo percepito.

1540
Nov.Emilia

E’ segnalato sempre a Bologna.

1541
……………….Venezia
Ago.Emilia

Invia 200 fanti nel modenese per proteggere il territorio da eventuali scorrerie degli imperiali.

……………….Veneto e Lombardia

Ricopre per la Serenissima gli incarichi di governatore di Verona, Vicenza e Brescia. Ha anche il comando delle cernite.

1550ImperoImpero  OttomanoUngheria
1551Emilia

Muore a Bologna. Sposa Angela Boncompagni.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email