GIROLAMO MATTEI Di Roma

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1055      GIROLAMO MATTEI  Di Roma. Amico di Giovanni dei Medici.

+ 1530 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1515  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Chiesa  

 

 

 

 

 

Gode di una provvigione annua di 300 ducati.

1518  

 

 

 

 

 

Lazio

Viene offeso con Stefano Colonna da Camillo Orsini nell’abitazione di Giulia la Patrizia, famosa cortigiana romana. Interviene a suo favore Giovanni dei Medici.

1524  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Francia Impero Venezia 400 fanti Lombardia

E’ preposto con Battistino Corso alla difesa di Garlasco. Attaccato dai veneziani di Francesco Maria della Rovere e dal Medici, che comanda un corpo di spagnoli, è costretto alla resa: nell’assalto infligge ai nemici la perdita di più di 200 soldati tra i quali vi sono alcuni gentiluomini che combattono a piedi.

1526 Chiesa Colonna  

 

Lazio

 

A novembre muove i pontifici alla conquista di Rocca di Papa.

 

1527  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. mag. Chiesa Impero  

 

Lazio

A fine marzo è inviato da Clemente VII, con 800 fanti, alla custodia del castello di Paliano, per difendere le ragioni di Isabella Colonna e della matrigna Giulia Gonzaga, vedova di Vespasiano Colonna, minacciate da Ascanio Colonna a causa della divisione dell’eredità. A maggio prende parte alla difesa di Roma allorché la città viene investita dai lanzichenecchi e dagli spagnoli guidati dal Connestabile di Borbone. Con 200 cavalli affianca Giovanni Antonio Orsini e Valerio Orsini alla difesa di Porta Settimiana e di Ponte Sisto.

Lug.  

 

 

 

 

 

Umbria

Si trova al campo di Ponte Nuovo sul Tevere.

1528  

 

 

 

 

 

 

 

Mag. giu. Chiesa Colonna  

 

Lazio

Segue Luigi Rodomonte Gonzaga alla conquista di Paliano: la località è espugnata. Tra i prigionieri vi è Fabrizio della Valle suo mortale nemico. Girolamo Mattei risparmia la vita all’avversario che gli viene consegnato dal Gonzaga. Rimane a sorvegliare Paliano con 800 fanti. Di seguito deve intervenire in Roma con 50/60 cavalli e 100 fanti in conseguenza delle intemperanze di Napoleone Orsini e di Amico d’Arsoli. Si incontra pure con il cardinale della Valle mostrandosi desideroso di ricomporre i dissidi con i Colonna.

Lug.  

 

 

 

 

 

Marche

Affianca Giampaolo di Ceri.

1529  

 

 

 

 

 

 

 

Ago. Chiesa Firenze  

 

Lazio

Cattura nei pressi di Bracciano un emissario fiorentino che dovrebbe consegnare a Napoleone Orsini 3000 fiorini, necessari per  arruolare per conto della repubblica 1000 fanti per il periodo di un mese.

1530  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Un altro Hector Troiano.” CELEBRINO

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email