GIOVANNI MELLA

0
1703
Vallo delle mura di Lecco
Vallo delle mura di Lecco

GIOVANNI MELLA  Di Pessina Cremonese o di Castelleone.

  • 1544 (aprile)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1524
Feb.MilanoFrancia300 fantiPiemonteAlla guardia di Arona.
1525
Feb.PiemonteEsce da Alessandria con Gaspare Maino. Sorprende sull’Orba 2000 fanti italiani che vi si sono accampati senza particolari cautele.
Nov.MilanoImperoLombardia

Con la cattura di Girolamo Morone da parte di Ferdinando d’Avalos viene assediato nel Castello Sforzesco insieme con il duca di Milano Francesco Sforza. Accusato di volere consegnare la fortezza agli imperiali con alcuni commilitoni è incarcerato.

Dic.Lombardia

Riconosciuto in breve innocente, esce dal Castello Sforzesco per compiere alcune sortite in Milano. Attacca i lanzichenecchi di guardia ad una trincea;  rimane ferito ad una gamba da un colpo di archibugio.

1526
Ago.Lombardia

Con la resa del Castello Sforzesco è inviato dal duca presso Gian Giacomo dei Medici. Ha il compito di ottenere la liberazione degli ambasciatori veneziani ai grigioni, fatti prigionieri dal marchese di Musso per ottenere il pagamento dei crediti vantati da tale condottiero nei confronti della Serenissima e dei pontifici. Giovanni Mella ritorna al campo con le richieste del  Medici;  ritorna dal marchese di Musso con le proposte dei pontifici.

Dic.Lombardia

Giunge a Castelleone; con Bartolomeo da Villachiara, Alberto Scotti e Bernardo  Manara assale gli imperiali nelle due rocche cittadine: gli avversari sono costretti a ritirarsi con alcune perdite. Rimane alla guardia della località con il Manara.

1527
Ago.Lombardia

Prende parte all’assedio di Pizzighettone con il Corona ed il barone Somenza: si colloca con i suoi uomini al Pirolo Collumbina ed ha continue scaramucce con gli avversari.

1528
Dic.ImperoFranciaLombardiaAlla guardia di Lecco con Gian Giacomo dei Medici.
1544
Apr.ImperoFranciaPiemonteRimane ucciso nella battaglia di Ceresole Alba.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi