GIAN PIETRO FERRACIN

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

0664      GIAN PIETRO FERRACIN  (Ferracino da Brescia) Di Brescia.

+ 1540 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversario

 

CondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1521
Nov.VeneziaImpero300 fantiLombardia

Ha ai suoi ordini 300 schioppettieri. Chiede di entrare in Pizzighettone con Frate da Pavia (400 fanti): è introdotto nella rocca dal castellano Marco Antonio Cipello. Il giorno seguente ne scaccia i partigiani di Francesco Sforza.

1522
Feb.Lombardia

Si trova al campo di Rovato con 183 fanti; è inquadrato nel colonnello di Rizino d’Asola.

1523
Sett.VeneziaFranciaLombardia

Ha ai suoi ordini 179 fanti.

1524
Feb.200 fantiLombardia

Attraversa l’Adda agli ordini di Francesco Maria della Rovere;  raggiunge il campo di Binasco.

Apr.Lombardia

Alla guardia di Bergamo con 100 fanti.

Giu.

Il Consiglio dei Savi gli riconosce una provvigione di 15 ducati per paga, per otto paghe l’anno. Si sposta alla difesa di Orzinuovi.

1525
PrimaveraVeneto

E’ con altri capitani a Verona;  attende ai lavori di rafforzamento delle opere difensive della città.

1526
Gen.

Il suo nome è in ballottaggio per essere trasferito a Cipro come connestabile.

Giu.VeneziaImperoVeneto

Di stanza a Verona con 200 fanti.

Lug.Lombardia

Ad Orzinuovi. A fine mese è segnalato a Verolanuova con Marcantonio da Martinengo. Si trasferisce nel cremonese e prende parte allo scontro di Pieve San Giacomo nel cui corso viene catturato Luigi Rodomonte Gonzaga.

Ago.Lombardia

Segue Malatesta Baglioni all’ assedio di Cremona; partecipa con 144 uomini all’assalto alle mura verso Porta Moso inserito nella batteria di Camillo Orsini: l’attacco fallisce ed alla successiva rassegna, fra i suoi uomini, si contano sei morti, sedici feriti e dodici dispersi.

Sett.99 fanti
Dic.Lombardia

E’ licenziato dal provveditore Domenico Contarini alla rassegna tenutasi a Palazzolo sull’ Oglio.

1527
Mag.200 fantiLombardia

Viene riassunto; il Consiglio dei Savi gli dà il comando di 200 fanti con i quali si reca in Lombardia agli ordini dello stesso Contarini.

Nov.

Il Collegio dei Pregadi gli riconferma la condotta.

Dic.

Ha il comando di 100 fanti.

1528
Gen.Lombardia

Al campo di Cassano d’Adda.

Feb.Lombardia

E’ segnalato a Caprino Bergamasco per contrastare gli imperiali che provengono da Lecco.

Mar.Lombardia

A Brivio per sostenere l’azione di Gian Giacomo dei Medici nel lecchese: dopo qualche giorno viene richiamato con 80 fanti per passare alla difesa di Bergamo.

Mag.200 fantiLombardia

Il suo operato, come quello di altri capitani, è criticato nel Consiglio dei Savi da Leonardo Emo. E’ trasferito prima a Brescia con 50 fanti e, successivamente, con l’intera compagnia ad Asola.

Giu.Lombardia

Ad Orzinuovi con 150 fanti.

Ago.Lombardia

Attraversa l’Adda con i suoi uomini per congiungersi con i francesi del Saint-Pol.

1529
Feb.

E’ licenziato dal provveditore generale Paolo Nani su ordine del Consiglio dei Dieci. I suoi fanti sono trasferiti in altre compagnie.

1540

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGIANLEONE DA FANO
Next articleGIANNOTTO FRANCESE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.