CESARE FARINA Corso

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

 

CESARE FARINA Corso.

  • 1535 ca.
Anno, mese

 

Stato, Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1521
Ago. sett.

 

Chiesa

 

Francia

 

Emilia

 

Si trova alla difesa di Parma;  ha l’incarico di sorvegliare la Porta di San Michele.

1526
……..

 

Francia

 

Impero

 

Fa parte delle Bande Nere.  Milita per i francesi contro gli imperiali agli ordini di Giovanni dei Medici.

Nov.

 

Lombardia

 

Partecipa alla battaglia di Governolo.

1527
Feb.

 

Chiesa

 

Impero

 

Emilia

 

Contrasta gli imperiali nel piacentino. Alla testa di una compagnia di archibugieri affianca Paolo Luzzasco, Claudio Rangoni e Morgante da Perugia in un attacco al campo nemico collocato vicino al Trebbia. Attraversato a guado il fiume, precede con 70 uomini per un miglio il resto delle truppe. Assale Pirro Gonzaga e mette in fuga la compagnia di quest’ ultimo: svaligia gli alloggiamenti degli avversari  impadronendosi di 70 cavalcature, di molte armi e di molti fiaschi di vino. Il rumore mette in allerta il campo imperiale. I nemici si difendono con gli archibugi e quattro sagri. I pontifici nel ripiegamento riescono a riattraversare il fiume.

Giu.

 

Firenze

 

Impero

 

300 fantiMilita sempre nelle Bande Nere anche dopo la morte del Medici. Ha il comando di 300 fanti.
Nov.Per volontà del commissario fiorentino Leonardo Martelli viene licenziato con Morgante da Ferrara (Morgante Dentini) a causa dei disordini provocati dagli uomini delle due compagnie. Viene espulso dalle Bande Nere anche Giannetto Albanese. I tre capitani sono rimpiazzati da Rossino dei Ciai, cui sono affidati 250 fanti, e da Belriguardo da Castiglione, caposquadra di Orazio Baglioni, (200 fanti). Sono inoltre rafforzate due compagnie già esistenti, quella di Scipione da Imola (50 fanti) e quella di Amico da Venafro (altri 25 fanti). La compagnia di Giannetto Albanese, infine, viene affidata ad un altro caposquadra del Baglioni, Giacomo Filippo da Spoleto, nonostante che lo stesso Baglioni designi per tale posizione Bino Mancino Signorelli.
1528
Mar.

 

Giano Fregoso fa pressioni sui veneziani per la sua assunzione.

1529
Ago.

 

Venezia

 

Impero

 

300 fanti

 

Lombardia

 

Si porta con i suoi 300 fanti a Sant’Eufemia della Fonte nei pressi di Brescia.

1535

Muore.

 CITAZIONI

-“Ch’io dico/ che sien per guardia del campo Italiano/ ognun Cesar Amico ognun Romano.” FALUGIO

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleCARLO DA FOGLIANO Conte
Next articleCECCO FARNESE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email