CARLO DA FOGLIANO Conte

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

CARLO DA FOGLIANO  Conte. Signore di Scandiano, Carpineti, Valestra,Casalgrande, Arceto, Salvaterra, Viano, Minozzo, Montecavolo, Toano, Sologno e San Romano.

Figlio di Guido Savina, suocero di Ottobono Terzi.

+ 1423 (ottobre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario

 

Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1390 Fogliano Ferrara  

 

Emilia

E’ scacciato da Modena da Niccolò degli Obizzi.

1395  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Fogliano Ferrara  

 

Emilia

Si collega  con Francesco da Sassuolo, Guido da Correggio ed Ato di Rodiglia ai danni degli estensi. Il comune di Bologna e la Serenissima intervengono a placare le parti in causa.

Fogliano Fogliano  

 

Emilia

Si nasconde nella chiesa di Rondinara; aspetta che esca dalla rocca il parente Niccolò da Fogliano per assistere alla messa e lo uccide a tradimento: in questo delitto gli sono accanto i figli di Boccadoro da Fogliano. Subito dopo si propone di  impadronirsi di Viano:  cattura Boccadoro, lo fa condurre   a Rondinara ed in tale località il congiunto è  ammazzato. Diviene signore anche di  Viano e di San Romano.

1396  

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Montegarulli Lucca  

 

Emilia

Aiuta Obizzo da Montegarulli contro i lucchesi. Si impadronisce di Roccapelago e di Sestola.

Primavera Fogliano Ferrara  

 

Emilia

Con Francesco da Sassuolo e Guido da Correggio (400 cavalli), assedia la rocca di Sassuolo i cui difensori sono presto costretti alla resa.

1402  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Milano Bologna  

 

Emilia

Partecipa alla battaglia di Casalecchio di Reno inquadrato nella sesta schiera con Jacopo dal Verme: nel combattimento ha il compito di portare l’arma della casa di Francia ed il biscione milanese.

1403 Firenze Milano  

 

Emilia

E’ condotto con il vescovo Giacomo dei  Rossi;  gli è concessa una provvigione mensile di 2000 fiorini per tutta la durata della guerra.

1404  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Emilia

Appoggia gli estensi alla conquista di Reggio Emilia.

Autunno Ferrara  

 

 

 

Emilia

I fiorentini gli cancellano ogni tipo di sovvenzione e di pensione di cui ha goduto. Si trasferisce  allora al servizio degli   estensi.

1405  

 

 

 

 

 

 

 

………….  

 

 

 

 

 

Emilia

Interviene su Ottobono Terzi affinché sia cancellata in Parma, nel Palazzo dei Notai, la pittura infamante che rappresenta Pietro dei Rossi ed il fratello Giacomo impiccati per un piede.

Ott.  

 

 

 

 

 

Emilia

A Parma per le esequie della madre di Ottobono Terzi che avvengono nella chiesa dei frati minori.

Nov.  

 

 

 

 

 

Emilia

Al fianco di Ottobono Terzi a Fiorenzuola.

1406  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Emilia

Tiene a battesimo un figlio naturale di Niccolò d’Este.

Mag.  

 

 

 

 

 

Emilia

Stipula un trattato di alleanza con gli estensi.

Lug.  

 

 

 

 

 

Emilia

Presta soccorso ad Obizzo da Montegarulli impegnato in un duro conflitto con gli estensi.

Nov.  

 

 

 

 

 

Emilia

Rinnova l’alleanza con Niccolò d’Este.

1407  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Emilia

Viene scelto dal marchese di Ferrara per comporre alcune vertenze con i Terzi; sempre nel mese, ha, a sua volta, alcune contese con Frignano da Sesso per delle proprietà poste tra Carpineti e Casteldaldo.

1408  

 

 

 

 

 

 

 

…………. Parma Ferrara  

 

Emilia

Ottiene Scandiano da Guido Torelli;  stimola il genero Ottobono Terzi a riprendere il conflitto con gli estensi.

Apr.  

 

 

 

 

 

Emilia

Si reca a Parma con Pietro dei Rossi; lo riconcilia con Ottobono Terzi.

Mag.  

 

 

 

 

 

Emilia

Scorre nel modenese con Ottobono Terzi.

Estate  

 

 

 

 

 

Emilia

Francesco da Sassuolo ed Ato di Rodiglia gli tolgono Valestra;  si impadroniscono di 12000 capi di bestiame ivi raccolti.

Ago.  

 

 

 

 

 

Emilia

Molesta in Gesso Guido da Fogliano.

1409  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Veneto

Accompagna Ottobono Terzi a Padova. Combatte ancora gli estensi.

Mar.  

 

 

 

 

 

Emilia

Con l’ espugnazione di Dinazzano si rinchiude nella rocca. Ne esce in un secondo momento per riparare a Fiorenzuola d’Arda.

Mag. giu.  

 

 

 

 

 

Emilia

E’ presente ai colloqui tra il Terzi ed il marchese di Ferrara Niccolò d’Este, che si svolgono sulla strada tra Reggio Emilia e Rubiera. Nell’occasione viene ucciso a tradimento il suocero  da Muzio Attendolo Sforza e da Micheletto Attendolo. Carlo da Fogliano   riesce a salvarsi fuggendo a piedi con Niccolò Terzi; ripara a Salvaterra.  Niccolò d’Este gli toglie Casalgrande e la rocca di Dinazzano.

Lug.  

 

 

 

 

 

Emilia

Si rinserra in Montecchio Emilia  con Giovanni e Niccolò Terzi al comando di 600 uomini tra cavalli e fanti. Viene in breve spossessato di tutti i suoi beni.

1419  

 

 

 

 

 

Emilia

Abita  a Quercioli.

1423  

 

 

 

 

 

 

 

Ott.  

 

 

 

 

 

 

 

Muore. Sposa in prime nozze Isotta Visconti, figlia naturale di Bernabò.  Il matrimonio viene presto  annullato nonostante la nascita di un figlio.

 CITAZIONI

“Fu l’ultimo de’ Fogliani, a’ quali fosse permessa la violazione di tutte le leggi dell’umanità.” LITTA

“Si può dire che fosse il fine della riputatione e della grandezza del suo sangue.” SANSOVINO

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBRUNORO DA FORLI
Next articleCESARE FARINA Corso
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email