BERGAMO DA BERGAMO

0
1557

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

BERGAMO DA BERGAMO  (Bergamo Bosello) Di Bergamo.

  • 1525 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1509VeneziaFranciaMilita nella compagnia di Lattanzio da Bergamo.
1510
Apr.135 fantiVenetoStaziona nel veronese.
Mag.150 fantiVenetoE’ inviato come connestabile a Legnago in previsione di un attacco degli avversari.
Giu.VenetoAssediato dai francesi in Legnago, è catturato in una sortita fuori la rocca.
Lug.VenetoLiberato, passa alla difesa di Treviso.
Ago.155 fantiVenetoIl suo operato in Legnago viene elogiato pubblicamente da alcuni gentiluomini veneziani fatti prigionieri nella medesima circostanza.
Dic.80 fantiVenetoAlla guardia di Vicenza.
1512
Feb.VeneziaFranciaVenetoA Montagnana con 140 fanti.
Giu.123 fantiLombardia

Con l’aiuto degli abitanti delle vallate entra in Bergamo su incarico del provveditore Paolo Capello; ne fa uscire 200 lance fiorentine che vi sono alloggiate ed ottiene la città con la rocca a nome dei veneziani. Assedia, infine, il forte della Cappella, alla cui difesa si trovano 1200 fanti.

Lug.PiemonteE’ segnalato al campo di Castellazzo Bormida agli ordini di Giampaolo Baglioni. Si lamenta per il ritardo delle paghe.
Ott.10 fantiVenetoGli sono consegnati 40 ducati e viene avviato a Treviso.
1513
Mag.VeneziaSpagnaVenetoRaccoglie 103 fanti a Vicenza.
Giu.Veneto

Ad Albaredo d’Adige per costruirvi un ponte di barche; agli ordini del Baglioni prende parte alla riconquista della rocca di Legnago. Viene lasciato alla guardia della località;  dopo alcuni giorni, è trasferito a Vicenza con Girolamo Novello.

Lug.Veneto

Alla difesa di Padova. E’  inquadrato nel colonnello di Serafino da Cagli. Ha il compito di controllare il tratto di mura  dal bastione Impossibile alla Saracinesca.

Ago.VenetoSi impadronisce di 13 barche estensi che stanno portando vettovaglie al campo spagnolo.
Ott.77 fantiVeneto

Viene sconfitto e fatto prigioniero nella battaglia di Creazzo, dove dà prova del suo valore. Paga la taglia che gli è stata imposta e ritorna con 60 fanti alla guardia di Padova (nel tratto di mura che intercorre tra la Saracinesca e San Giovanni).

Dic.57 fantiVeneto
1514
Giu.158 fantiVenetoSempre a Padova. Gli è riconosciuta un provvigione di 30 ducati per paga, per otto paghe l’anno.
1515
…………..VenetoA Venezia, alla ricerca di una condotta. Non accetta il trasferimento in Grecia a Napoli di Romania (Nauplia).
1516
Apr.VeneziaSpagna100 fantiVenetoRitornato al servizio della Serenissima, lascia a Padova per portarsi a Legnago.
…………..50 fantiVenetoAl cessare del pericolo rimane nel veronese.
1517
Gen.25 fantiVenetoAl termine del conflitto rientra a Legnago. Gli è concessa una provvigione di 10 ducati per paga,  per otto paghe l’anno.
1518
Giu.GreciaE’ inviato a Corfù con Pietro Maldonado per sovraintendere alle locali fortificazioni.
1519
Mar.50 fantiGreciaA Corfù
1525Muore.

 CITAZIONI

-“El bergamo gagliardo, e d’ardir pieno/ con un lancion  ben s’adoperava/ e ricopriva intorno quel terreno/ d’homeni, e d’armi che sovra el mandava/ tal ch’avrebbe fatto venir meno/ un novo hetor, sì ben se exercitava/ e mentre combatteva quel sir valente/ non ristava a dar cor a la sua giente/.” DEGLI AGOSTINI

-“Nostro contestabile et fidelissimo.” SANUDO

-“Il quale ne’ più calamitosi tempi della Republica fu mandato governator dell’armi nelle nostre terre (Legnago), alla cui diffesa impiegò con sommo valore ogni spirito, rendendo poi, finita la guerra, gratie alla gran madre d’Iddio da tante aversità preservato, come si vede da una iscrittione posta nella chiesa di Santa Maria che dice: Bergomos Boselus Bergomans/ Qui difficillimis reipublicae temporibus inespugnande cohortis praefectus opidum hoc, a Galis iterumque, tertio ab Hispanis Germanisque captum et diruptum, industria fortiter recepit, et summo studio monumentisquae reparavit, hanc aram Deo eiusque Genetrici Mariae summo opere decoravit. XX iunii MDXVII.” PECINALI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi