FRANCESCO DELLA BROCCA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

FRANCESCO DELLA BROCCA  (Francesco della Rocca, Francesco Corso)  Corso.

  • 1530 (giugno)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1529
Ott.FirenzeImpero Chiesa 

 

Toscana

Di stanza a Ripoli, a fine mese è segnalato a Prato. Con Alessandro Monaldi e Giovan Francesco Fedini è inviato dal commissario Francesco Ferrucci a Castiglion Fiorentino, I tre condottieri rompono la porta del castello e vi entrano attraverso un muro rotto. Non riescono a catturare un commissario imperiale che riesce a salvarsi gettandosi giù dalle mura. Sono fatti, viceversa, sedici prigionieri cui è imposta una taglia; sono pure razziati una ventina di cavalli e di muli trovati all’interno del castello. Nell’azione sono liberati alcuni prigionieri fiorentini tra cui Vico Machiavelli, figlio di Niccolò.

Nov.Toscanalascia Empoli. Scorta a Volterra il commissario Bartolomeo Tedaldi con il Monaldi.
Dic.ToscanaPresenzia alla rassegna delle truppe tenuta a Firenze da Malatesta Baglioni al monte di San Miniato. Cattura il fuoriuscito Piero del Garbo e gli impone una taglia: le autorità fiorentine intervengono e lo obbligano a rilasciare il prigioniero. Sempre nel mese appoggia Stefano Colonna nella sua azione a Santa Margherita a Montici; rimane ferito da un colpo di archibugio in una sortita tentata da Ivo Biliotti.
1530
Gen.ToscanaCatturato in una scaramuccia sul Cecina dalle truppe di Pirro Colonna, viene presto liberato dietro il pagamento di un riscatto.
Feb. mar. 

 

 

 

 

 

ToscanaVolterra è attaccata dagli imperiali. il della Brocca si colloca con i suoi fanti prima nel convento di San Francesco e, poi, intorno a San Piero. Respinge i primi attacchi portati da Alessandro Vitelli; la popolazione si solleva ai danni dei fiorentini per cui il della Brocca è costretto a ripiegare nella cittadella con Bartolomeo Tedaldi. Ne rimane alla difesa con Goro da Montebenicchi e 300 fanti. Chiede soccorsi perché a disposizione dei difensori vi sono solo vettovaglie per dieci giorni.
Giu. 

 

 

 

 

 

Toscana

Assale con Goro da Montebenicchi le truppe del marchese di Vasto Alfonso d’Avalos e di Diego Sarmiento che si sono accampate al Portone nei pressi di Porta Fiorentina. L’intervento di Fabrizio Maramaldo obbliga i fiorentini a retrocedere.

Lug.ToscanaLascia Pisa per affiancare l’azione del Ferrucci nella sua marcia verso Firenze.
Ago.ToscanaPrende parte alla battaglia di Gavinana. E’ ucciso nel combattimento da un colpo di archibugio alla fronte.

 CITAZIONI

-“Corso strenuissimo del pari che costumato.” GUERRAZZI

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleFRANCESCO DA BOLOGNA
Next articleFRANCO DAL BORGO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email