ANGELO SANTO CORSO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

0544      ANGELO SANTO CORSO  (Angelo Santi dalle Vie, Angelo Santo de Levie)  Di Levie, nella Corsica Sottana.

+ 1555 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1529  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Venezia Impero 80 fanti Puglia

Esce da Trani con il provveditore generale Giovanni Vitturi e passa alla difesa di Monopoli: la città è minacciata da Alfonso d’Avalos che conduce 4000 fanti spagnoli e 2000 italiani con dodici pezzi di artiglieria. Si colloca con i suoi uomini ad un lato del porto detto le Pignatte.

Apr.  

 

 

 

 

 

Puglia

Attacca con 120 fanti una trincea nemica, scavata di fronte alla porta vecchia. Camillo Orsini fa dare il segnale con tre colpi di artiglieria; Paolo Antonio da Ferrara tiene i nemici bloccati alla trincea delle Pignatte; il Corso penetra nelle difese imperiali e vi uccide alcuni fanti spagnoli di guardia con molti guastatori.

Giu.  

 

 

 

 

 

Puglia

Con il ritiro degli avversari da Monopoli vi è un ammutinamento dei fanti veneziani per il ritardo delle paghe. Il Corso interviene con Giulio da Montebello e Riccardo da Pitigliano e riesce a calmare gli animi.

Lug.  

 

 

 

 

 

Puglia

Cinque uomini della sua compagnia, che hanno preso alloggio presso uno speziale, uccidono il padrone di casa per rubargli del denaro: due soldati sono subito fatti imprigionare ed impiccare da Giovanni Vitturi nonostante le sue rimostranze.

Ago.  

 

 

 

 

 

Puglia

Si imbarca sulla flotta di Giovanni Contarini Cacciadiavoli;   affianca quest’ultimo nell’attacco contro Brindisi. La città si arrende dopo che sono state approntate le artiglierie.

Sett.  

 

 

 

133 fanti Puglia

A Monopoli. Gli è riconosciuta una provvigione di 18 scudi.

Dic.  

 

 

 

 

 

Puglia

Lascia Monopoli al termine del conflitto.

1530 Firenze Impero  

 

Toscana
1551 Impero Francia

 

 

 

Piemonte

 

Ha il comando di un colonnello di fanti agli ordini di Ferrante Gonzaga. nell’estate affianca Cesare da Napoli nella sua offensiva in Piemonte. Alla conquista del castello di Montemale i cui difensori si arrendono alla condizione di non ricevere soccorsi entro il termine di tre giorni. Il Corso cerca di impedire che un messaggero del Brissac raggiungano la guarnigione incitandola alla resistenza. Costui è catturato mentre sta uscendo dalla località.
………….. Genova
1553
………….. Lombardia Milita in Lombardia. Con Polidoro Corso si offre ai genovesi per combattere i francesi in Corsica.
………….. Genova Francia  

 

Francia

Ha il comando, in Corsica, di una delle quattro compagnie italiane inviate contro Bastia assieme con tre compagnie di spagnoli. Assale la piazza e riesce ad impadronirsene dopo un’accanita difesa; ottiene, successivamente, la resa della cittadella a seguito di un intenso fuoco di artiglieria e degli attacchi agli spalti sorvegliati dai fanti guasconi.

1554 Francia Genova Impero  

 

Francia

Passa al servizio dei francesi contro i genovesi. Si unisce con Sampiero Corso (1000 fanti francesi ed italiani, 3000 fanti corsi e 200 cavalli);  sbarra il passo nella Balagna, a Belgodere, ad Alessandro da Verona, al Brancadoro ed al commissario Paolo Casanova. Gli avversari sono sconfitti con la cattura di 1000 fanti.

1555  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Huomo di grandissimo ardire, e grande inventore di fuochi arfificiati.” PARUTA

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleANGELO DI CAPOSELVI
Next articleANNIBALE DA CAGLI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email