OTTONE DI BRUNSWICK/OTTONE DI BRAUNSCHWEIG-GRUBENHAGEN

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

OTTONE DI BRUNSWICK/OTTONE DI BRAUNSCHWEIG- GRUBENHAGEN Di Landshut.

Duca, principe di Taranto, conte di Acerra. Signore di Asti, Alba con i nipoti figli di Giovanni di Monferrato, Saint Lambert in Provenza, Acerra, Teano, Eboli.

1319 – 1393 (aprile)

Anno, mese Stato.  Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1339 Monferrato Piemonte

Si trasferisce alla corte del marchese del Monferrato, suo cugino;  passa al suo servizio con dieci cavalli.

1345
Apr. Monferrato Napoli Piemonte

Fronteggia gli angioini. Partecipa alla battaglia di Gamenario.

1346
………….. Piemonte

E’ presso il conte di Savoia.

Dic. Piemonte

Si trova a Ceva allorché Tommaso di Saluzzo si riconosce feudatario di Giovanni di Monferrato per una parte di Ceva e per altre località finitime.

1347
Giu. Piemonte

Presenzia all’atto di dedizione degli abitanti di Valenza nelle mani del marchese: la cerimonia avviene nella chiesa di San Giorgio a Montasio.

Ago. Lombardia

E’ segnalato a Milano per la stipula di una lega tra il marchese e Giovanni Visconti, arcivescovo di Milano.

1349
Giu. Monferrato Acaia Piemonte

Con il Monferrato affronta nel Canavese Giacomo di Savoia-Acaia. E’ ferito in modo grave all’assedio di Strambino, dove rimane ucciso il marchese di Busca.

Ott. Piemonte

Si trova a Casale Monferrato;  nel castello di Ciriaco presenzia alla stipula della  pace con il conte Amedeo di Savoia.

1350
………….. Monferrato Acaia Piemonte

Conquista Caluso che gli è concessa in feudo.

Mar. Piemonte

A Casale Monferrato allorché gli abitanti, tramite Giovanni Cane, riconoscono la signoria del marchese del Monferrato sulla città.

1351 Francia Inghilterra Francia

Combatte gli inglesi al servizio del re Giovanni II.

1352
………….. Francia

Al cospetto del sovrano francese sfida a duello il duca di Lancaster Enrico Plantageneto per certe sue affermazioni fatte al riguardo dei nobili e dei cittadini di Colonia.

Dic. Francia

Il duello ha luogo davanti ai re di Francia e di Navarra, al duca di Borgogna ed a altri nobili francesi. Enrico di Lancaster ha la meglio;  il re di Francia è costretto ad intervenire per interrompere l’incontro.

………….. Piemonte

Rientra in Italia; ancora al servizio del marchese del Monferrato.

1355
Feb.  Mar. Lazio

Con il Monferrato scorta l’imperatore Carlo di Boemia a Pisa ed a Roma.

Apr. Lazio

Presenzia a Roma alla cerimonia in cui Carlo di Boemia viene incoronato imperatore dal cardinale di Ostia.

Mag. Toscana

Si trova a Pisa. Viene concesso da Carlo di Boemia a lui ed al marchese il vicariato imperiale di Pavia e del relativo territorio. L’imperatore gli conferisce pure alcuni feudi in Provenza nella diocesi di Carpentras. Il Brunswick vi si reca ed occupa il castello di Saint-Lambert con un’azione che provoca le proteste del vescovo locale. Il papa Innocenzo VI invita Carlo di Boemia a revocare l’infeudazione; il Brunswick è obbligato a rinunciare a tali feudi  ed a rientrare in breve nel Monferrato.

………….. Monferrato Acaia Piemonte
1357
Gen. Monferrato Milano

Spinge il conte Lando a prendere il soldo con la lega antiviscontea.

Giu. Piemonte

Sconfigge a Valenza un corpo di cavalleria comandato da Francesco da Pisa.

1361
Nov. Monferrato Milano  Conte di Savoia Piemonte A Rivarolo Canavese. Presenzia alla stipula della convenzione tra la “Compagnia Bianca” di Alberto Sterz ed il marchese del Monferrato
1362 Piemonte

Affianca la “Compagnia Bianca” di Alberto Sterz. Sulla fine dell’ anno con lo Sterz si incontra a Valenza con gli emissari di Galeazzo Visconti, Giovanni Pepoli ed il conte Lando con i quali stipula una tregua.

1363
Gen. Piemonte

Cerca di impadronirsi con li Sterz di Borgomanero: scoperta la loro presenza, ripiega a Valenza con alcune perdite.

1366
Ott. Piemonte

Si porta a Chivasso dove Alberto e Bartolomeo di San Giorgio si dichiarano vassalli del marchese del Monferrato.

1368
………….. Monferrato Milano

Combatte le truppe di Bernabò Visconti.

Ago sett. Impero

 

Firenze

 

Toscana

A fine agosto raggiunge Pisa con il patriarca di Aquileja alla testa di 100 cavalli. Si sposta a San Miniato; con il capitano imperiale Bernabò da Parma, che ha il comando dei cavalli tedeschi ed italiani al servizio dell’ imperatore. Ad essi si affiancano  anche 1000 cernite del pisano. Ottone di Brunswick effettua una breve scorreria nel fiorentino. Di seguito si reca a Siena presso Carlo di Boemia.

1369
Gen. Piemonte

Ad Asti.

1371
Giu. Piemonte A Mazzè, per il battesimo di Giorgio Valperga, figlio di Antonio. La funzione religiosa è officiata nella cappella gentilizia del locale castello intitolata ai Santi Gervasio e Protasio.
1372
Mar. Piemonte e Lombardia

Muore a Volpiano il marchese Giovanni di Monferrato. Con il conte Amedeo di Savoia assume la tutela dei figli del defunto  Secondotto, Giovanni,  Teodoro e Guglielmo. Suo obiettivo è quello di respingere le eventuali le minacce portate dai Visconti. Si reca a Pavia per dare inizio a  trattative di pace: alla richiesta di cedere Asti con il suo distretto i negoziati si interrompono subito.

………….. Monferrato Milano Francia

Ad Avignone alla ricerca di alleati con i quali contrastare i viscontei.

Giu. Piemonte Francia

Conclude un’alleanza con il conte Amedeo VI di Savoia: costui dietro un compenso di 200000 fiorini si impegna a ricacciare i milanesi dal Monferrato. Il Brunswick dà in pegno ai sabaudi Poirino, Riva, Chivasso ed altre terre sulla riva sinistra del Po. Si reca pure ad Avignone ottenendo l’appoggio del papa Gregorio XI.

Lug.  Ago. Piemonte

Viene attaccato in Asti da Ambrogio Visconti, da Ruggero Cane, da Giovanni Acuto, da Jacopo dal Verme, dal tedesco Arnaldo e da Francesco d’Este.  Giungono viceversa  in suo soccorso 500 uomini d’arme comandati da Gaspare di Montmajeur e da Oddo di Villars. Ottone di Brunswick esce dalla città per venire loro incontro;  il dal Verme e Ruggero Cane lo obbligano a rientrare nella località. Vi sono numerose scaramucce; alla fine il Brunswick costringe i viscontei a retrocedere, cosicché i rinforzi possono giungere in Asti. Il condottiero è allora in grado di passare al contrattacco, sconfigge gli avversari sul fiume Adverse,  si impossessa di alcune bastie. Si congiunge  con Guglielmo di Grandson e con 400 uomini d’arme compie una scorreria oltre il Tanaro in territori controllati dai viscontei. Si pone davanti al castello di Malemort dove si trovano 50000 ducati destinati alle paghe dei nemici: viene affrontato dal dal Verme che è circondato e fatto prigioniero.

Sett. Piemonte

I viscontei si ritirano anche perché il tedesco Arnaldo, indispettito per alcune mene a suo danno perpetrate alla corte milanese, preferisce abbandonare gli stipendi viscontei per quelli del legato pontificio. Ottone di Brunswick  recupera la fortezza di Volpiano che ottiene dagli alleati.

1373
Feb. Lombardia

Affianca Amedeo di Savoia nella sua offensiva nel milanese. Attraversa il Po ed il Ticino e giunge a Vimercate; da qui cavalca sotto Milano e Pavia sino a razziare nel parco di Mirabello le scuderie di Galeazzo Visconti.

Mag. Lombardia

E’ sconfitto a Montichiari da Francesco d’Este (700 morti d’ambo le parti e catturati più di 500 cavalli nelle sue file). Il Brunswick si rifa nei giorni successivi e con l’Acuto (passato nelle file pontificie) sgomina i viscontei scoperti a marciare in disordine sul ponte del Chiese a Gavardo.

………….. Piemonte

Rientra nel Monferrato.

Ago. Piemonte Conquista Centallo.
Ott. Piemonte

Si collega con il capitano pontificio Pietro Guichard ed il capitano generale angioino per il Piemonte Niccolò Spinelli. Si impadronisce di Vercelli.

1374 Piemonte

Viene nominato vicario imperiale del marchesato con Secondotto di Monferrato.

1375
Dic. Piemonte

Vengono firmati in Asti i patti prenuziali con la regina di Napoli Giovanna d’Angiò, i quali gli proibiscono di assumere sia di usare il titolo regio, sia di farsi incoronare re di Sicilia: in cambio gli è assicurata l’investitura del principato di Taranto, devoluto alla corona a seguito della morte dell’ultimo principe.

1376
………….. Piemonte

Giungono ad Asti, per scortarlo a Napoli con 40 cavalli,  il conte di Nola Roberto Orsini, il conte di Cerreto Giovanni Sanframondi, il conte di Sant’Angelo Giacomo Zurlo ed il conte di Caserta Luigi della Ratta.

Mar. Campania

Il giorno dell’Annunciata entra in Napoli da Porta Capuana; viene accolto con molto entusiasmo dal popolo che si affolla lungo il tragitto che porta a  Castelnuovo dove lo attende Giovanna d’Angiò; ha modo di armare cavaliere il conte di San Severino e molti nobili del regno.

Apr. Napoli Andria Campania

 

Mag.

 

Campania

 

E’ investito della contea di Acerra, di Teano, Eboli, Montella e Guardia dei Lombardi, beni confiscati al duca d’Andria Francesco del Balzo,  ribelle alla corona.

Lug. Piemonte

Si imbarca con i suoi famigliari e cortigiani su quattro galee napoletane e ritorna ad Asti.

Ago. Campania

Rientra a Napoli con il fratello Baldassarre.

Ott. nov. Liguria Francia e Toscana

Si trova a Genova ed è presente al lodo curato dal cardinale Roberto di Ginevra per la pace tra il marchese Secondotto di Monferrato ed i Visconti. Si imbarca a Marsiglia con il papa Gregorio XI e sedici cardinali. A novembre è raggiunta Livorno.

1377
Mar. apr. Campania  Liguria e Toscana

Si imbarca a Napoli su due galee con Niccolò Spinelli, grande siniscalco di Provenza, e sbarca a Portopisano; si reca a Pisa per vedersi con l’inviato del papa, il cardinale di Amiens, e gli arcivescovi di Narbona e Pamplona per iniziare le prime trattative di pace nella guerra degli Otto Santi che ha visto su campi diversi fiorentini e pontifici. Gli sono donati quattro caratelli di vino, cento libbre di cera e cinquanta di confetti. Le trattative si svolgono a Sarzana; si ammala in tale località. Dopo alcuni giorni il cardinale di Amiens, i prelati ed il Brunswick si spostano a Pietrasanta. Le trattative si avviano ad un binario morto: a fine mese arriva la notizia della morte del pontefice a Roma. Ai primi di aprile lascia Pisa, si dirige a Piombino con il cardinale di Amiens, si imbarca su una galea e si porta verso Roma per il conclave.

Giu. Monferrato Milano Piemonte

Si trasferisce nel Monferrato e sostiene i suoi pupilli contro i viscontei. A metà giugno è stipulata a Pavia tra i contendenti. Questa viene suggellata dal matrimonio del marchese Secondotto di Monferrato con Valentina Visconti, vedova di Lionello di Clarence. La dote è stabilita in 30000 fiorini: Gian Galeazzo Visconti si impegna pure a cedere Casale Monferrato due mesi dopo la morte del padre Galeazzo.

………….. Piemonte

Espugna nel Canavese il castello di Lombardore: è presto obbligato a restituirlo all’abate di San Benigno (San Benigno Canavese) su pressione del conte di Savoia.

1378
Feb. Liguria

Segue ancora a Sarzana i negoziati di pace.

Mar. Piemonte Toscana e Lazio

Si reca ad Asti. Secondotto di Monferrato è riconosciuto in modo formale signore della città da Galeazzo Visconti: rettore ne è, invece, nominato il cognato Gian Galeazzo. Il Brunswick ritorna a Pisa alla morte del pontefice; visita Lucca con Niccolò da Napoli, si imbarca a Piombino su una galea e raggiunge Roma con il cardinale di Amiens. La moglie lo infeuda del principato di Taranto, tolto a Giacomo del Balzo: la sua nuova signoria rappresenta in estensione metà del regno.

Apr. Lazio

A seguito della contrastata elezione del papa Urbano VI da parte dei cardinali francesi, forte della sua vecchia amicizia con il prelato conosciuto quando era arcivescovo di Bari, lascia Napoli e si reca a Roma con un sontuoso corteo (2000 lance e 100 fanti ed i migliori esperti di diritto canonico del regno) e ricchi doni (vettovaglie per il popolo di Roma e la somma di 40000 ducati). Suo obiettivo è quello di fare da mediatore tra le due parti. Il papa lo tratta invece con alterigia e lo umilia in pubblico: infatti, durante un pranzo alla presenza di molti cardinali e dignitari della curia, Urbano VI lo autorizza a versargli da bere salvo a lasciarlo in ginocchio con la coppa del vino tra le mani, senza degnarlo della minima considerazione, fino al momento in cui un cardinale ricorda al pontefice di bere. Per questo atteggiamento arrogante e rigido Ottone di Brunswick definirà Urbano VI con l’appellativo di Turbano.

Lug. Lazio

Non demorde e con tre cardinali italiani si porta a Tivoli ed a Anagni per cercare di comporre le discordie tra Urbano VI ed i cardinali francesi che non ne hanno accettato l’elezione. Anche il Brunswick, alla fine, è talmente disgustato dal comportamento del papa che decide di appoggiare il partito favorevole all’ antipapa Clemente VII (il cardinale Roberto di Ginevra).

…………..

L’imperatore Venceslao di Boemia gli riconferma i suoi privilegi.

1379
Gen. Piemonte

Interviene nuovamente in Piemonte dopo l’uccisione a Langhirano, da parte di un famiglio di Gian Galeazzo Visconti, del marchese del Monferrato  Secondotto. Entra in Asti. Il parlamento generale dei comuni e  dei feudatari, che si è  riunito a Moncalvo, gli concede pieni poteri per governare fino alla maggiore età del nuovo erede, il fratello del defunto Giovanni. Stipula a Santhià una tregua con il dal Verme.

………….. Monferrato Milano Piemonte

Vuole ridiscutere con i Visconti i termini della questione di Asti. Si giunge alla rottura, sorge un breve conflitto; si interpone il conte Amedeo di Savoia che a Santhià stabilisce una tregua con i viscontei alla presenza dei nunzi dell’ antipapa.

Sett. Campania e Puglia

Rientrato nel regno di Napoli, seda alcuni tumulti in Napoli;  si trasferisce nel principato di Taranto.

1380
Gen.

Vi sono le prime avvisaglie di un prossimo conflitto con il pretendente al regno di Napoli, Carlo di Durazzo. A Vercelli, intanto, viene firmata nella piazza di Sant’Agata una tregua tra monferrini e viscontei.

Mar. Toscana

Si incontra a Lucca con l’antipapa ed a Pietrasanta con Bernabò Visconti.

Giu. Napoli Durazzo  Chiesa Campania

Accoglie a Napoli il cardinale Giacomo d’Itri, legato dell’antipapa, e gli rende onore in piazza delle Corregge. Si apposta con scarse truppe sulla strada di San Germano (Cassino) per impedire l’avanzata su Napoli dei durazzeschi. E’ costretto a ripiegare ad Arienzo; si vede nei pressi di Nola con Roberto Orsini e si apposta tra Cancello e Maddaloni. Deve ancora ritirarsi per il superiore  numero degli avversari. Persi venti uomini d’arme in alcune scaramucce, prende la via di Aversa;  si accampa a Casa Nova presso la Porta Capuana del capoluogo, mentre Carlo di Durazzo giunge a Napoli al ponte del Sebeto (ponte della Maddalena) tra il Vesuvio e la città. Gli abitanti aprono la Porta del Mercato al rivale; Ottone di Brunswick cerca di ostacolargli l’ingresso;  riesce ad intercettare solo la retroguardia degli avversari. Sono uccisi nella circostanza 500 venturieri che non fanno in tempo di entrare entro le mura cittadine.  Rientra a Sicciano, presso Marigliano.

Lug. Campania

Si avvia verso Aversa.

Ago. Campania

Pone i suoi alloggiamenti a Dogliuolo (Poggioreale) e toglie l’acqua agli acquedotti di Napoli.  Giovanna d’Angiò è assediata in Castelnuovo per un mese. Ugo da San Severino esce dal castello, si incontra con gli assedianti ed insieme si stabilisce che, se entro il termine di quattro giorni, il Brunswick non giunge, la regina di Napoli si sarebbe arresa a discrezione. La notte del quarto giorno il condottiero decide di assalire gli avversari con le sue truppe tedesche per liberare la moglie assediata in Castelnuovo. Si dirige al castello di Sant’Elmo, unisce le sue forze alla guarnigione del forte;  il mattino dopo  si muove incontro al nemico. Divide l’esercito in tre schiere,  si colloca all’avanguardia, seguito dal fratello Baldassarre e da Roberto d’Artois. La battaglia si presenta aspra per il valore degli avversari e per la violenza del vento che, elevatosi all’improvviso, rende più pericoloso il combattimento.  Roberto d’Artois lo abbandona con i balestrieri e 400 lance;  il Brunswick si trova sempre più in difficoltà;  è sconfitto in moodo pesante  da Carlo di Durazzo e da Villanuccio da Villafranca. Giovanni di Monferrato rimane ucciso mentre combatte al suo fianco; egli stesso,  ferito in modo serio da una freccia tiratagli non si sa se dai nemici o da qualche disertore,  è catturato da Andreolo da Sant’Angelo, un caposquadra di Villanuccio da Villafranca.

Sett. Campania

Viene rinchiuso in Castel dell’ Uovo.

Ott. Puglia

E’ incarcerato nel castello di Altamura mentre Giovanna d’Angiò viene condotta nel castello di San Felice, a Muro Lucano, ove verrà soffocata nel settembre 1382.

………….. Basilicata

E’ incarcerato nel castello di Melfi.

1384
Mar. Puglia

Viene trasferito nel castello di Molfetta.

Apr. Puglia Lazio e Sicilia

E’ liberato alla condizione di allontanarsi dal regno: sembra insussistente la voce di un suo appoggio a Carlo di Durazzo, come il consiglio, che si pretende dato da lui a Barletta, di non cercare la battaglia campale con Luigi d’Angiò e di aspettare, viceversa, lo scioglimento dell’esercito angioino per mancanza di denaro o vettovaglie. Il Brunswick è segnalato a Roma ed in Sicilia.

Mag. Francia

Si reca in Provenza da Luigi d’Angiò.

Dic. Campania Lazio Francia

Si unisce con Bernardo della Sala, attraversa il Garigliano, entra nella contea di  Fondi e si imbarca per Avignone: offre i suoi servizi a Maria di Blois, vedova di Luigi d’Angiò (morto nel precedente settembre), ed all’antipapa Clemente VII. Chiede alla regina la conferma delle concessioni che gli sono state fatte da Giovanna d’Angiò, in particolare l’investitura del principato di Taranto. La donna non nasconde diffidenza nei suoi confronti.

1385
Ott. Francia

Gli è assegnata una rendita mensile di 500 franchi, di cui metà a carico della Camera Apostolica di Avignone.

1386
Gen. sett. Francia Si accorda con la duchessa d’Angiò e regina di Provenza Maria di Blois: nelle more delle trattative gli è accordata dall’antipapa la Rosa d’Oro; gli sono pure promessi 6000 fiorini ed una provvigione mensile di 500 franchi. Accetta il comando supremo delle truppe provenzali e pontificie con le quali muovere alla conquista del regno di Napoli. Le sue pretese, tuttavia, aumentano con il tempo, tanto che per due volte Maria di Blois è sul punto di rinunciare ai suoi servizi.
Ott. Angiò Antipapa Napoli Chiesa Capitano g.le Francia e Campania

Ad ottobre tutto è concluso. Clemente VII gli fa versare subito 6000 fiorini, impegnandosi per altri 32000 ducati, dei quali tre/quarti dalla cassa del tesoro pontificio. Maria di Blois, da parte sua, promette che, a conquista avvenuta del regno, il Brunswick sarebbe stato nuovamente investito del principato di Taranto o di altro feudo equivalente.  Viene nominato con Tommaso da San Severino, conte di Montescaglioso, capitano generale per due anni. Si imbarca ad Aigues Mortes e raggiunge il napoletano per combattervi i durazzeschi.

1387
………….. Campania

Con altri baroni è chiamato a far parte del Consiglio del Buono Stato del Regno.

Giu. Campania

Marcia alla volta di Napoli con il San Severino, incoraggiato dai dissensi esistenti tra Margherita d’Angiò, vedova di Carlo di Durazzo, e le autorità cittadine.

Lug. Campania

Lascia Montefusco con 4000 cavalli e 2000 fanti e tenta di entrare in Aversa alla cui difesa si trova Raimondo Orsini del Balzo. Dopo uno scontro vittorioso con 1000 cavalli nemici, si porta su Volla, nei pressi di Napoli, in attesa che nella città sorgano dei movimenti favorevoli alla sua causa. Ai suoi soldati è permesso di entrarvi per rifornirsi del necessario a gruppi di 50/60 uomini alla volta. I partigiani del papa, invece, e quelli del giovane Ladislao d’Angiò cercano lo scontro, sostenuti pure dal del Balzo che si sta muovendo in loro soccorso. Il Brunswick assale il ponte Guizzardo, giunge alla Porta delle Corregge e sconfigge il rivale presso la chiesa di Santa Chiara. I seguaci del papa Urbano VI ed i durazzeschi si collegano e, capitanati da Giacomo e Tuzzillo Caracciolo, fanno irruzine nella piazza del Mercato. Il Brunswick lancia loro contro i suoi uomini; i due Caracciolo cadono massacrati di ferite. Il condottiero può, infine, sottoscrivere una tregua con il governo cittadino, mentre Margherita d’Angiò è costretta a lasciare Castelnuovo per  rinchiudersi con i figli nella fortezza di Gaeta. Il Brunswick invia subito al confino molti nobili ed altri ne fa imprigionare tra i partigiani dei durazzeschi. Esce da Napoli per la carestia, tocca Mercato San Severino: al ritorno supera nuovamente i nemici al ponte Guizzardo e rifornisce di vettovaglie la città. Sempre con la medesima finalità scorre nei contadi di Ariano Irpino, Padula e Benevento ed annulla i tentativi di blocco messi in essere dagli avversari.

Ago. Campania

Aumenta, pertanto, la sua popolarità in Napoli: si impegna a difendere la città per tutto il mese dietro il pagamento di 6000 fiorini e la fornitura del frumento promesso dal conte di Sant’Agata ai napoletani. Sbarcano nel porto truppe durazzesche trasportate da tre galee; il Brunswick accorre con il San Severino sul lido di fronte a San Pietro Martire e respinge gli assalitori.

Sett. Campania

Scomunicato dal papa Urbano VI, è predicata la crociata nei suoi confronti.

Ott. Capitano g.le Campania e Lazio

Ottiene Castel Capuano dal castellano Ugolino dalle Grotte per 13000 ducati; si dirige verso Eboli e Sarno ed occupa i castelli di Casamari e di San Lorenzo. Abbandona Eboli, allorché giungono dalla Provenza 30000 ducati inviati da Clemente VII per il soldo delle milizie. Tommaso da San Severino paga per prime  le truppe dell’ alleato e rinuncia al suo incarico di capitano generale. Il Brunswick devasta le terre controllate dall’ abate di Montecassino; si sposta nel beneventano allo scoo di permettere il vettovagliamento di Napoli, sempre più ridotta alla fame.  Con le sue manovre obbliga il del Balzo ad abbandonare la Campania ed a rifugiarsi in Terra d’Otranto. Giunge a Napoli la flotta provenzale condotta da Luigi di Montjoie.

Nov. Campania

Sempre con Tommaso da San Severino espugna e mette a sacco Torre del Greco, ne ottiene anche il castello per 4000 fiorini destinati alle paghe dei difensori. Contrasta più volte nei pressi di Aversa Alberico da Barbiano e lo  costringe a ripiegare.

Dic. Napoli Angiò Antipapa Campania

Occupa con Tommaso da San Severino i castelli di Nocera e di Castellamare di Stabia. Si inimica presto con i nuovi venuti dalla Provenza; offeso dal comportamento di Luigi di Montjoie esce da Napoli con Angelino d’Austria e ripara a Sant’ Agata dei Goti. Viene qui raggiunto dagli ambasciatori Giordano Pandone e Giacomo Spadinfaccia che cercano di rappacificarlo con il francese. Sono respinte le sue richieste di avere 4000 fiorini subito ed altri 3000 entro un mese a fronte dei suoi crediti, che l’Università di Napoli sia obbligata ad un’ammenda di 100000 once e che Clemente VII gli consegni il principato di Taranto. Ha a Caserta un colloquio con Luigi di Montjoie; le sue pretese non sono prese in considerazione.  Come risultato accetta di militare nel campo durazzesco mantenendo, peraltro, il titolo di principe di Taranto. Si crede che la decisione sia stata dettata dalla promessa di un matrimonio con la regina Margherita d’Angiò. Il progetto andrà a monte più tardi per volontà della donna, nipote di Giovanna d’Angiò. Ottone di  Brunswick si mette subito in contatto con Ugolino dalle Grotte, sempre castellano di Castel Capuano.

1388
Gen. Campania

La fortezza di Castel Capuano viene assediata dagli angioini. Giacomo Stendardo, postosi alla testa dei baroni e degli uomini d’arme fedeli a Margherita d’Angiò, si avvicina a Napoli, a Casanova (Casa Nova) . Il Brunswick si scontra una prima volta con i mercenari tedeschi di Luigi d’Angiò; si ritira verso Acerra senza aver concluso nulla di serio. Si collegano alle sue milizie il conte di Alife, il conte di Nola Nicola Orsini e gli uomini d’arme di Nello da Camerino e di Domenico da Siena. Lascia Nocera, si unisce a Caivano anche con  l’Acuto ed Alberico da Barbiano;  insieme i tre condottieri tentano di prestare soccorso ai  difensori di Castel Capuano. Si muove verso Napoli con 4000 cavalli e 500 fanti.

Feb. Campania

Il Montjoie esce da Porta Nolana con 1600 cavalli e vince l’Acuto, il Barbiano ed il Brunswick; il capitano tedesco si ferma a Casa Nova al fine di scontrarsi con il capitano avversario. L’attesa si rivela inutile, per cui preferisce rientrare in Aversa. Nei giorni seguenti ripete da solo l’operazione, supera le prime difese; da Napoli vengono fuori 300  cavalli dalla Porta di San Gennaro i quali si accingono a tagliargli le vie della ritirata a Capodichino.  Si accorge della mossa e si porta a Secondigliano.

Giu. Campania

Con Luigi da Capua e Giacomo Stendardo cavalca verso Scafati, cerca di avere per trattato Castellamare di Stabia: Pietro della Corona lo obbliga a ripiegare verso Acerra. In seguito a tali vicissitudini preferisce ritornare nei suoi possedimenti ed alla guardia di Capua rimane Luigi da Capua.

Ott. Piemonte Si reca alla corte del Conte Rosso, Amedeo di Savoia. Ordina ad un suo castellano, il Faussone, di rimettere al vicario sabaudo di Cuneo, Bartolomeo di Chignin, il castello cittadino tenuto da tempo in suo nome.
Nov. Campania

Rientra nel regno di Napoli. Si accampa a Poggioreale con Giacomo Stendardo al comando di 300 cavalli e di molti fanti inglesi; da San Pietro a Paterno esce Pietro della Corona e cattura alcuni saccomanni. Da Napoli arrivano in soccorso al capitano rivale anche 200 cavalli bretoni, molti fanti catalani e balestrieri napoletani guidati da Francesco della Ratta. Il Brunswick viene sconfitto con lo Stendardo da Pietro della Corona che gli cattura 60 cavalli e molti fanti.

1389
Gen. Con Angelino d’Austria si rappacifica con Ladislao d’Angiò.
Mar. Campania

Staziona con l’Acuto tra Aversa, Liburna (San Pietro a Paterno) ed Afragola.

Apr. Campania

Con l’Acuto invia alcuni cavalli a Casalnuovo di Napoli: costoro si scontrano con 200 cavalli e 200 fanti angioini che, usciti dalla località, catturano due capisquadra. A metà mese si muove con l’Acuto per prestare soccorso ai difensori di Castel Capuano. Con l’ aiuto della flotta durazzesca (quattro galee, sei brigantini e molti navigli leggeri) si colloca davanti a Casa Nova  ed a San Pietro all’Ara. Gli assalitori entrano nelle due località mentre 400 armati escono da Castel Capuano per portare il loro contributo alla battaglia. Gli uomini del  Montjoie sono preparati all’ urto e, dopo un lungo sanguinoso scontro, costringono l’Acuto ed il Brunwick a rientrare ad  Afragola. Subito i difensori di Castel Capuano  ammainano la bandiera di Ladislao d’Angiò e quella di Butillo Prignano, nipote del papa.

Mag. Campania

L’Acuto abbandona il regno di Napoli;  cerca di convincere il Brunswick a passare con lui al soldo dei fiorentini. Si collega, invece, con Luigi da Capua e lo Stendardo;  punta su Castellamare di Stabia. Chiede la resa all’abate Galletto che ne è alla guardia. Costui temporeggia e subito viene in suo soccorso Pietro della Corona. Vinto una volta di più,  Ottone di Brunswick ripara ad Acerra.

………….. Campania

Continua ad assediare Napoli;  logora con continue azioni le forze degli avversari.

1391
Apr. Ladislao d’Angiò ordina a tutti gli ufficiali del regno di versare alla curia regia 3500 fiorini, dai proventi della gabella del sale di Puglia per permettergli di riscattare il feudo di Acerra, da lui pignorato per potere pagare il soldo ad un capitano tedesco ai suoi ordini. La somma gli sarà erogata solo nel successivo agosto.
Ago. Napoli Angiò Antipapa Campania

Con lo Stendardo e Giannello Tomacelli esce da Acerra e punta su Napoli con 600 cavalli: invia in avanscoperta alcuni cavalli che sono messi in fuga a Santa Maria Maddalena da 150 uomini d’arme.

…………..

Stipula una tregua con gli avversari.

1392
………….. Campania e Puglia

Esce da San Bartolomeo in Galdo per congiungersi con il Barbiano in Capitanata e qui fronteggiarvi, con Cecco dal Borgo, le truppe di Luigi d’Angiò.

Apr. Puglia

Si sofferma ad Ascoli Satriano;  gli viene contro all’alba, dopo una marcia di settanta  miglia, il da San Severino che proviene dal fiume Bradano con 5000 fanti e 2000 cavalli. Sorpreso senza che i suoi uomini abbiano neppure il tempo di armarsi, è catturato con il Barbiano.

Giu. Puglia

Per essere liberato è costretto a pagare una taglia di 28000 fiorini, ottenuti con la vendita di Acerra e di Guardia dei Lombardi a Raimondo Orsini del Balzo. E’ pure obbligato a promettere di non combattere più per dieci anni le truppe del duca di Venosa e quelle degli altri membri della famiglia San Severino. Il Brunswick sosta per qualche tempo nel principato di Taranto.

1393
Apr. Puglia

Muore a Foggia. E’ sepolto in tale città.

 CITAZIONI

“Principe di gran senno e valore..Pochi il pareggiavano nel valore e nella saviezza.” MURATORI

“Nobile Tedesco di casa imperiale, uomo savio e valente in armi.” DATI

“Principe dell’imperio e di linea imperiale, signore valoroso.” DI COSTANZO

“Probuus et sapiens.” AZARIO

“Era uno savio e valloroso cavallere.” CRON. MALATESTIANA

“Inter Germanos nobilissimum.” CRIVELLI

“Membro di un’antica famiglia della più alta nobiltà tedesca..il Brunswick non sfuggì al destino di tanti feudatari, grandi e piccoli, costretti a cercare fortuna nel mestiere delle armi. Erede però di una secolare tradizione di prestigio e radicato negli ideali feudali e cavallereschi ai quali era stato educato, il Brunswick non si ridusse mai alla condizione di semplice avventuriero e riuscì sempre a non confondersi con la folla di capitani di ventura senza fede e senza scrupoli che infestò l’Italia nel secolo XIV. Condottiero di gran fama, riuscì presto a inserirsi con un posto di rilievo nel gioco politico italiano senza però primeggiare mai, e senza mostrare eccessive ambizioni personali. Si contentò di garantirsi una solida posizione patrimoniale e una dignitosa condizione di militare e di cavaliere, offrendo un esempio assai inusitato nell’Italia del temp.” ESCH

“Era un buono e valoroso soldato, ghibellino di nascita e di educazione..Ottimo uomo d’arme.. Nonostante le sue disavventure napoletane, era sempre in fama di uno dei migliori capitani d’Europa…Prode guerriero e cortese cavaliere.” CUTOLO

“Qui simplex miles in Italia etiam a sua infantia merendo stipendia militavit.” Da una lettera dei fiorentini al re Ludovico d’Ungheria riportata dal CUTOLO

“Era questi uomo egregio per la bravura del braccio e la rettitudine dell’animo.” MAGENTA

“Erat ..miles valde generosus..statura pulcher et admodum strenuus in armis.” VIT. GREG. XI

“Dux Otto fuit prudentissimus ac strenuus nimis in factis armorum a puericia in talibus potissime in partibus Lombardiae ac pedemontium enutritus, nam a plerisq. audivi, quod ipse in XL bellis campestribus contra praedictos dominos Bernabovem et Galeatium, nec non diversos alios potentes dominos et tyrannos pugnando feliciter triumphasset.” NIEM

“Valoroso quanto astuto”. VALENTE

“Signore molto valoroso.” GRANATA

“De nobilissima progenie.” MINUTI

“Uomo probo in massimo grado, msagnifico, valoroso e capace.” CHRONICON SICULUM

“Il suo corpo (a Foggia) se vede intero, et a li suoi piedi sei diti per ciascuno sicome da lo inclido Hercule duca di Ferrara, e da molti suoi cortegiani per certissima relatione de veduta, havemo inteso.” COLLENUCCIO

“Prode militare.” PALMA

“Valoroso guerriero.” RAIA

Ottone di Brunswick combatte con il marchese del Monferrato contro i viscontei. “Romme Rheiter va esviant/ Le bon marquiz du coeur vaillant,/ Romme Rheiter sus Romme Rheiter/ Dit son causin de Brunsvechic,/ Hote quans ennemix Huster ic.” Da una poesia riportata dal SAN GIORGIO

Ottone di Brunswick combatte contro le truppe di Carlo di Durazzo. ” L’una jente, e l’autra si se mosse a ferire,/ Granne remore in quilo canpo si era,/ Abattere de insegnie, e de regali baniere,/ Crudele guerra fone per onne maniera,/ Allora la jente de re Odo le spalle voltove,/ El re Carlo rizzò la sua baniera;/ El re Odo loco presione isso, el frate fone:/ Granne sconfitta in quilo canpo fone.” A. DI BUCCIO

“Ottone, della imperiale stirpe degli Ottoni di Sassonia, cugino del nostro figlio nobiluomo Giovanni, marchese di Monferrato, del quale ha condotto e conduce energicamente le guerre, cugino altresì dei principi di Cipro, universalmente stimato come uomo probo in massimo grado, magnifico e valoroso e capace, sebbene non disponga di una sua propria potenza, di radunare con la sua prudenza e sollecitudine i soccorsi stranieri.” Da una dichiarazione del papa Gregorio XI riportata dal FROIO

Fonte immagine: wikipedia

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleOSVALDO BULER
Next articlePANFILO BENTIVOGLIO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email