VENTURA FENAROLI Di Brescia

0
2220
ventura-fenaroli
La chiesa di Santa Maria del Carmine a Brescia, dove Ventura cercò rifugio

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

VENTURA FENAROLI  Di Brescia.

  • 1512 (gennaio)
ventura-fenaroli
La chiesa di Santa Maria del Carmine a Brescia, dove Ventura cercò rifugio
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1508VeneziaImpero100 fantiVenetoContrasta gli imperiali nel veronese.
1509
Mag.VeneziaFrancia300 fantiLombardia

Si trova con i suoi provvigionati alla difesa di Caravaggio; con lui sono anche Bortolo da Cavina, Giannetto Novello e Rigo da Lendinara. E’ costretto ad arrendersi dopo tre giorni a seguito degli incendi sui torrioni e sulle mura dei depositi di polvere da sparo che hanno provocato l’uccisione dei bombardieri.

1511LombardiaSi ritira a Brescia. Prende parte alla congiura tesa a ristabilire la signoria della Serenissima in città.
1512
Gen.Lombardia

Viene scoperta la congiura dei partigiani della Serenissima ai danni dei francesi che  dominano nella città. Ricercato per la sua attività, si rifugia in un sepolcro nella chiesa o nel convento di Santa Maria del Carmine. Rintracciato per la delazione di un confidente, Giovanni Rubini, o per la presenza di un suo cane che lo ha seguito, cerca di uccidersi con un pugnale pur di sottrarsi alla cattura.  Feritosi in modo grave viene trasferito nel castello per essere sottoposto a stringenti interrogatori. Denuncia numerosi complici. Muore dissanguato dopo essersi strappato le bende. Il suo cadavere è ugualmente appeso alla forca in piazza della Loggia. Il suo arresto davanti alla chiesa del Carmine è oggetto di un quadro di Francesco Hayez.

CITAZIONI

-“Quelli paghi non furo, e sì ferito/ Al podestà lo strascinaro avante./ Fenarolo a tal vista inviperito/ Con mano ancor del sangue suo fumante/ Squarcia la propria piaga, e così il lito/ toccò di morte in quel medesmo istante,/ E la turba gridando al sacrilegio,/ In piazza morto l’impiccò per sfregio.” GAMBARA

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi