TOLOSATO DEGLI UBERTI Di Firenze

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

TOLOSATO DEGLI UBERTI  Di Firenze. Ghibellino. Fuoriuscito. Giudice d’Arborea.

  • 1310 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
…………..PisaFuoriusciti Genova

 

Sardegna

E’ preposto dai pisani alla testa del giudicato di Arborea. I fuoriusciti ed i genovesi penetrano dal Logudoro nel giudicato ed infestano con le loro scorrerie tutto il territorio fino ad Oristano. L’ Uberti li fronteggia e li obbliga a ritirarsi. Verso il 1300, infine, sarà privato dagli avversari del giudicato.

1302
Mar.Toscana

Viene bandito dai fiorentini come ghibellino.

Mag.PistoiaFirenze Lucca300 cavalliToscana

E’ assediato in Pistoia da 1000 cavalli  e  6000 fanti fiorentini, nonché da 600 cavalli e 10000 fanti lucchesi. Dopo ventitre giorni di assedio i lucchesi si allontanano per assediare il castello di Serravalle Pistoiese.

1303
Sett.Toscana

Si dirige ad Arezzo con i ghibellini fiorentini, i guelfi bianchi ed i soldati pisani.

Dic.Toscana

Fa decapitare i capitani dei forti della Verruca, Pico di Arrigone e Neri dei Rossi  arresisi ai lucchesi senza opporre resistenza; il giorno seguente, sono impiccati 23 soldati del presidio che hanno seguito il loro esempio; tre invece si salvano perché, secondo le testimonianze, si sono opposti fino all’ultimo alla resa.

1304
…………..Capitano di guerraToscana

Riceve a Pistoia il cardinale Niccolò da Prato inviato dal papa a Firenze per sedare le differenze tra guelfi bianchi e neri. Al fallimento delle trattative riprende il conflitto.

Lug.Toscana

Muove verso Firenze con 300 cavalli e 800 fanti per unirsi alla Lastra con 1600 cavalli e 9000 fanti di ghibellini e guelfi bianchi. Allorché viene a conoscenza del fatto che gli alleati sono giunti prima dell’appuntamento stabilito a Firenze, prende la strada dei monti per poterli raggiungere più velocemente. Baschiera della Tosa non attende viceversa l’arrivo dell’  Uberti; penetra in Firenze per la Porta di San Gallo e giunge fino a piazza San Marco; altre truppe passano per la Porta  degli Spadari e pervengono in piazza San Giovanni alla cui difesa si trovano solo 200 cavalli e 500 fanti. I balestrieri fiorentini rigettano gli assalitori; i bolognesi, che stazionano alla Lastra, si persuadono della sconfitta e fuggono verso il Mugello dove l’ Uberti cerca inutilmente di trattenerli. Il capitano rientra a Pistoia. Riprende l’assedio alla città.

1305
…………..Toscana

E’ riconfermato a Pistoia nei suoi incarichi di podestà e di capitano di guerra.

Mag.Toscana

E’ assediato ancora in Pistoia con 300 cavalli e molti fanti: l’esercito nemico è capeggiato dal duca di Calabria Roberto d’Angiò. Sono costruite dagli avversari alcune bastie nei pressi; sono dati ai difensori tre giorni per uscire dalla città per non essere considerati nemici dello stato della Chiesa e del re di Napoli. L’ Uberti approfitta della concessione per fare uscire dalla città le cosiddette bocche inutili.

…………..Toscana

Pistoia è stretta di assedio. Sono scavate larghi fossati tra una bastia e l’altra per impedire che arrivino soccorsi dall’esterno. Vi sono molti scontri: a coloro che sono sorpresi a fuggire dalla città è tagliato il piede se uomo, il naso se donna. Le donne, i vecchi ed i fanciulli non sono risparmiati dalla crudeltà degli assedianti. Si fa notare per la sua ferocia ser Lando di Gubbio chiamato Longino dai fiorentini. I prigionieri sono uccisi.

Sett.ToscanaA metà mese entrano in Pistoia inviati dal papa due prelati Guglielmo Durante, vescovo di Mende, e Piliforte, abate di Lombez che impongono ai belligeranti una tregua di quindici giorni. Le due parti sono convocate  a Pisa (i pistoiesi) ed a Lucca (fiorentini e lucchesi) per trovare un accordo. Tutto si rivela inutile.
Ott.ToscanaIl comando delle operazioni offensive è preso da Diego della Ratta.
Nov.ToscanaI due prelati citano a Siena i rappresentanti delle due parti. Clemente V emana un breve che impone agli assedianti di abbandonare il campo pena la scomunica, l’interdetto sui loro territori ed altre condanne temporali. I fiorentini, i pratesi ed i lucchesi dichiarano di appellarsi al pontefice e sono scomunicati; Siena, Volterra e San Gimignano richiamano, al contrario, i loro soldati. Gli assedianti raddoppiano di ferocia nella loro azione: Pistoia si trova all’estremo delle vettovaglie anche perché non può più ricevere soccorsi da Bologna e da Pisa.
1306
Apr.Toscana

Deve arrendersi allorché a Bologna sono scacciati dalla città i guelfi bianchi: le mura, le torri e le fortezze di Pistoia sono distrutte contro i capitolati; il contado è diviso tra fiorentini e lucchesi.

1310

Muore.

CITAZIONI

-“Valentissimo uomo d’arme.” COMPAGNI

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleSTEFANO UNGHERO
Next articleAGOSTINO VERZIERO Di Verona
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.