TASSINO DONATI

0
2450

Condottieri di ventura

0602      TASSINO DONATI  (Pazzino Donati, Tazzino Donati) Di Firenze. Fuoriuscito. Fratello di Manno Donati.

  • 1380 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1347
Dic.EmiliaE’ armato cavaliere a Modena dal re Ludovico d’Ungheria in marcia verso il regno di Napoli.
1351MilanoFirenze
1356
Feb.BolognaMilanoEmilia

Al servizio del signore di Bologna Giovanni Visconti da Oleggio. E’ eletto podestà della città; con il fratello Sinibaldo, al comando di 200 fanti, cattura e fa decapitare nella piazza Arrigo Castracani, Bernardo e Galeotto di Panico, Raimondo dei Raimondi (che ha ricoperto l’incarico di podestà in precedenza) e Francesco dei Roaldi, autori di una congiura per consegnare Bologna a Bernabò Visconti. Presenzia, inoltre, all’ atto con cui Giovanni Visconti da Oleggio si allea con i nemici dei Visconti.

1357
Feb.Emilia

Viene sostituito nel suo incarico di podestà di Bologna da Antonio Cattaneo di Ascona, nipote di Giovanni Visconti da Oleggio.

Ott.Emilia e Lombardia

Ha il comando delle truppe bolognesi. A metà ottobre lascia Budrio con la Grande Compagnia del conte Lando per collegarsi nel mantovano con Ugolino Gonzaga capitano generale della lega antiviscontea.

Nov. dic.Emilia e Lombardia

Attraversa il parmense ed il piacentino;  giunge a Pavia; sempre con il conte Lando avanza su Corbetta e Magenta; si ferma a Castano Primo per un mese.

1359
Giu. lug.BolognaForlìRomagnaSi congiunge ai pontifici all’assedio di Forlì alla testa di 17 bandiere di cavalli. Francesco Ordelaffi si arrenderà nel luglio successivo.
1360
…………..BolognaMilano
Mar.ChiesaMilano20 barbuteEmilia

Giovanni Visconti da Oleggio cede Bologna al cardinale legato Egidio Albornoz: Tassino Donati passa agli stipendi dello stato della Chiesa.

1361PadovaVenetoViene bandito dai fiorentini con il fratello Manno. Passa agli stipendi dei carraresi.
………….ChiesaMarcheGovernatore della Massa Trabaria per conto dei pontifici.
1370
Mar.ChiesaComp. venturaMarche

Con il signore di Fano Pandolfo Malatesta interviene alla difesa di Urbino minacciata dalla compagnia di Giovanni Acuto, che appoggia i Montefeltro con i Brancaleoni.

1372PerugiaCapitano di guerraUmbriaHa l’incarico di podestà e di capitano di guerra di Perugia per il primo semestre.
1374ToscanaA Firenze
1375
…………..ChiesaFirenze
Dic.UmbriaA Perugia quando la città insorge ai danni di Gomez Albornoz. Lascia il Palazzo dei Priori per unirsi nella cittadella con l’abate di Montemaggiore Gherardo di Puy. Nella fortezza trovano riparo anche il cognato del papa Ugo de la Roche, Francesco di Santa Fiora, Bulgaro da Marsciano e Bernardo della Sala. I ribelli costruiscono di fronte alla porta della fortezza una sorta di castello in legno per impedire eventuali sortite da parte dei difensori; vengono, inoltre, demolite le ali che collegano la cittadella al cassero di Sant’Antonio a Porta Sole, e con la via che porta alla chiesa di San Lorenzo, tanto larga quest’ultima da permettere il passo a 4 cavalli affiancati. A fine mese i difensori  sono costretti alla resa.
…………..PadovaVenezia
1379Croazia

Viene inviato dai carraresi a Zara per conferire con il capitano della flotta genovese Pietro Doria sul piano di guerra volto alla conquista di Chioggia.

1380Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi