TADDEO D ESTE

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura 1

0617      TADDEO D’ESTE  Di Este. Marchese. Genero di Filippo Arcelli.

1385 ca. – 1448 (giugno)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1403
Feb. Veneto

A Padova per i festeggiamenti legati al matrimonio di Giacomo da Carrara con Belfiore da Varano: partecipa pure ad un torneo al cui termine gli viene aggiudicato il premio per il miglior combattente della parte verde, mentre a Niccolò d’Este è assegnato quello relativo alla parte azzurra.

1413
Apr. Venezia Croazia

Ha l’incarico di capitano a Zara. Accoglie nella città Niccolò d’Este diretto in pellegrinaggio verso la Terrasanta.

1414/1416 Venezia Venezia Impero Lizzana 20 lance Croazia Veneto Trentino

A Zara. Ha il comando della cavalleria veneziana al fine di contrastare in Dalmazia gli ungheri dell’ imperatore Sigismondo (giugno). Nel marzo 1415 chiede  l’autorizzazione di rimanere ad Este per potere meglio seguire l’andamento di certi affari di famiglia, compromessi dalla recente morte del padre Azzo, del ramo cadetto dei marchesi di Ferrara. Gli è concessa. nel 1416 è impegnato nelle operazioni militari che portano i veneziani alla conquista di Rovereto a spese di Aldrighetto di Lizzana.

1417
Gen. mar. 50 lance Veneto

I padovani vogliono costringere Taddeo d’Este a contribuire alle spese di 100 lance e di 100 fanti. Interviene il doge, su sollecitazione del comune di Este, che intima ai rettori di Padova di desistere da tali pretese. A marzo, dopo avere servito a Verona, viene richiamato a Venezia; gli è aumentata la condotta a 50 lance di fronte alla sua richiesta di essere dispensato dal servizio a causa dei debiti che richiedono una più attiva presenza nelle sue terre. E’ rinviato sul confine orientale.

1418 Venezia Impero 70 lance Friuli

Combatte agli ordini di  Filippo Arcelli le truppe di Sigismondo d’Ungheria. La condotta gli è portata a 70 lance (metà settembre). Con la sua compagnia staziona a Brugnera alla difesa dei confini.

1419
Ago. Friuli

E’ nominato governatore di Sacile, conquistata da Filippo Arcelli. Soccorre Aviano con 300 cavalli e 40 fanti;  sorprende nelle vicinanze Nicolusio di Prata, Antonio di Sacile e Federico di Porcia reduci da una scorreria: degli avversari sono uccisi 400 uomini.

Ott. Veneto

Al campo di Portobuffolè.

Nov. dic. 100 lance Friuli

Si sposta a Cividale del Friuli per difendere con Tristano Savorgnano la località investita dal patriarca di Aquileja Ludovico di Teck e dai capitani ungheri come il bano di Schiavonia Dionigi di Machali (Dionigi Machal). In una sortita fa prigioniero il conte Enrico di Gorizia, che è condotto a Ferrara; costui sarà  liberato dopo alcuni mesi solo dietro il pagamento di una grossa taglia. L’assedio si scioglie a metà dicembre.

1420
Gen. ott. Friuli V.Giulia

Combatte sempre gli imperiali in Friuli ed in Venezia Giulia. Nel proseguo della campagna perviene in suo potere il castello di Gorizia, che gli avversari abbandonano, e quello di Duino che  appartiene ai Walsee. La guerra si conclude a giugno. A settembre sposa Maddalena Arcelli, figlia di Filippo. Ad ottobre è nuovamente segnalato in Friuli.

1421
Gen. mar. Friuli V.Giulia

A fine gennaio è sollecitato a recarsi ad Udine e da lì muoversi alla volta dell’Istria. E’ nominato governatore generale al posto del convalescente Arcelli in cura a Padova. Si trova a Muggia.

Mag. Friuli

Persuade Ropreto di Zucco, Enrico di Partistagno e gli Strassoldo ad allearsi con i veneziani contro gli ungheri.

Giu.    1422 Autunno Capitano g.le Veneto Friuli Croazia

Acquista da Dorotea Descalzo la Valle Scardovara nel territorio di Carmignano di Brenta, la Val Villana, metà delle valli di Vescovana, tutte le valli della Boma ed alcune poste di mulini a Padova. A fine luglio, a seguito della morte dell’Arcelli gli è ancora concesso il comando delle truppe. In Croazia. Ottiene a patti (agosto) dopo un lungo assedio i castelli  di Pinguente (Buzet) e quello di Pietra Pelosa. Agli inizi del 1422 porta a compimento la conquista dell’Istria interna. Alla fine del conflitto rientra nelle sue terre; gli è mantenuta la compagnia, nonostante che ad altri condottieri siano ridotti gli organici degli uomini a loro disposizione.  Nell’ autunno l’esercito della Serenissima viene ridotto al livello più basso degli ultimi anni (400 lance).  Taddeo d’Este continua ad avere il comando delle rimanenti (100).

1424
Mag. Veneto

Con il fratello Francesco viene investito da Niccolò d’Este di una valle posta nel contado di Vighizzolo d’Este: ha l’obbligo di riconoscere ogni anno al marchese di Ferrara un collare ed un laccio per cane.

1426
Mar. Venezia Milano 100 lance Lombardia

Lotta contro i viscontei agli ordini del Carmagnola. Ai primi del mese entra in Brescia. Nel combattimento rimane ferito da un colpo di lancia.

1427
…………….

Ha ai suoi ordini 500 cavalli.

Ott. Lombardia

Partecipa alla battaglia di Maclodio.

1430
Lug. Chiesa Bologna Emilia

Agli stipendi del papa Martino V. I Canedoli si ribellano ai pontifici. Taddeo d’Este tocca Cento; giunge a Corticella ed a San Giovanni in Persiceto per muovere contro Bologna agli ordini di Jacopo Caldora e del legato il vescovo di Tarpeja.

1431
……………. Venezia Milano 140 lance
Nov. Venezia Impero Friuli

Contrasta ancora una volta gli ungheri dell’ imperatore Sigismondo. Respinge un rinnovato assalto del patriarca di Aquileja sollecitato dai Visconti ad aprire un nuovo fronte sui confini orientali. 6000 uomini tra ungheri e tedeschi invadono il Friuli. Con il provveditore Francesco Loredan e Stefano Maramonte impegna gli avversari in azioni di disturbo in attesa dell’arrivo del Carmagnola e della cavalleria pesante veneziana (1500 cavalli). I nemici sono messi in fuga dopo essere stati sconfitti a Rosazzo.

1432
Mar. Lombardia

Viene informato in anticipo dai veneziani  della carcerazione per tradimento del Carmagnola.

Autunno Lombardia

Occupa la Val Sabbia; affianca  il provveditore Giorgio Corner in Valtellina al fine di reprimere la rivolta, che ispirata da Niccolò Piccinino e guidata da Stefano Quadrio, procura serie difficoltà alle vie di comunicazione tra il Veneto e le recenti conquiste in Lombardia.

Nov. Lombardia

A fine mese è sconfitto e fatto prigioniero a Delebio dal Piccinino e da Guido Torelli, dopo che gli è uccisa la cavalcatura nel corso del combattimento. Sono catturati nella circostanza anche Cesare da Martinengo, Taliano Furlano ed il Corner.

1433
Apr. Lombardia

Viene liberato a fine mese a seguito della pace tra i contendenti ed al pagamento di un esoso riscatto. I veneziani gli riconfermano la condotta e lo destinano al presidio di Orzinuovi.

1434
Giu. Venezia Milano Romagna e Emilia

Si trova in Romagna a difesa dei pontifici. Si porta a Bologna con 800 uomini, tra cavalli e fanti, in aiuto del Gattamelata e di Brandolino Brandolini per togliere a Gaspare Canedoli San Giovanni in Persiceto e Castel Bolognese.

Ago. Emilia

E’ sconfitto a Castel Bolognese con il Gattamelata e Niccolò da Tolentino; è   catturato con 3500 cavalli e 1000 fanti. E’ riscattato dalla Serenissima.

1435
Mar. Veneto

Da Este raggiunge Padova a causa dell’arrivo di Marsilio da Carrara, teso a sollevare il contado padovano ai danni dei veneziani.

Apr. Veneto

Con la cattura di Marsilio di Carrara e dei suoi complici è chiamato a Venezia a far parte del Maggior Consiglio. Gli è donato un palazzo a Padova.

Lug. Romagna

Da Ravenna si sposta nel cesenate;  vi si congiunge con Francesco Sforza.

Ago. Venezia Fortebraccio Marche

Con Cristoforo da Tolentino ed il Gattamelata scende con 800 cavalli per la via di Visso; fronteggia Niccolò Fortebraccio,  sconfitto ed  ucciso a Fiordimonte.

Sett. Romagna

Si trova a Ronco.

1437
Apr. Venezia Milano Marche

Nella marca di Ancona; si dirige a Loreto; nel suo passaggio per Fano è accolto dalla cittadinanza per ordine di Sigismondo Pandolfo Malatesta. E’ ospitato ad Osimo  da Alessandro Sforza.

Sett. Lombardia Affianca sull’Oglio Gian Francesco Gonzaga. E’ coinvolto nella sconfitta di Calcinato sull’ Oglio ad opera di Niccolò Piccinino.
Ott. Lombardia

Fronteggia i viscontei verso Palazzolo sull’ Oglio ed a  Paratico.

1438
Lug. Lombardia

Con Diotisalvi Lupi (1000 fanti) ha l’incarico di difendere Brescia (600 cavalli) dagli attacchi portati da Niccolò Piccinino. Ha in particolare il compito di garantire la difesa del borgo di Sant’Alessandro e della cittadella vecchia. Cerca vanamente di raggiungere la bassa Riviera del Garda e di pervenire così a Verona attraverso la Val Sabbia: informato che Lazise e Bardolino sono cadute nelle mani di Gian Francesco Gonzaga,  rientra a Brescia.

Ago. Lombardia

Batte i viscontei a Rovato.

Sett. Lombardia

Rimane alla difesa di Brescia con 600 cavalli e 1000 fanti allorché il Gattamelata si allontana dalla città per trasferirsi a Verona.

Ott. Lombardia

Alla difesa di Brescia con Francesco Barbaro: i cittadini gli regalano cera, formaggi e spelta per le cavalcature. Vi è subito assediato dal Niccolò Piccinino che ha ai suoi ordini un esercito di 10000 uomini; i difensori possono contare invece su 4000 uomini fra soldati ed abitanti armati. L’assedio durerà molti mesi. Taddeo d’Este si colloca al borgo di Sant’Alessandro e si distingue per la sua attività  organizzativa. Pianta due grosse bombarde a Canton Mombello, una nel rivellino di Torrelonga ed una al Ravarotto, altre due a San Martino.

Nov. Lombardia

Fa scavare a Brescia una fossa ed un terrapieno da San Pietro in Oliveto fino alla torre di Sant’Andrea ed alla Maddalena. Alla notizia che alcune schiere ducali si sono allontanate dal campo a cercare vettovaglie, esce con molte truppe ed attacca all’ improvviso il nemico distruggendo il castello fatto costruire presso la chiesa di Sant’ Apollonio: ritorna in città con alcuni prigionieri (pochi per non doverli mantenere) e un buon bottino.

Dic. Lombardia

Respinge un assalto portato da Gian Francesco Gonzaga. Si colloca con la cavalleria al Ravarotto da dove accorre secondo le necessità. Rintuzza altri attacchi portati da Niccolò Piccinino.

1439
Gen. Trentino  Lombardia

Con Paride di Lodrone e Diotisalvi Lupi sconfigge a Lodrone Taliano Furlano: nello scontro fra i ducali rimangono uccisi 500 fanti per lo più tedeschi, altri 1500 sono fatti prigionieri con 300 cavalli. Assedia Salò con Diotisalvi Lupi e Pietro Avogadro.

Apr. Lombardia

Per proteggere l’attività di vettovagliamento a Brescia fa fortificare la strada che da Sant’ Eufemia della Fonte conduce a San Bartolomeo ed a  Campagnola.

Lug. Lombardia

Lascia Brescia con Pietro Avogadro e Tebaldo Brusati, che comandano a loro volta 300 fanti; assale Salò con l’aiuto della flotta. Taliano Furlano si allontana da Castenedolo e batte Taddeo d’Este a Rezzato. Incalzato sulla strada di Gavardo, riceve soccorsi da Francesco Barbaro; supera il Chiese a Soprazzocco.

Sett. Lombardia e Veneto

Si ritira a Toscolano-Maderno con 300 cavalli; è ancora attaccato per terra e per lago dai ducali di  Taliano Furlano e di Niccolò Piccinino. Ferito, è catturato; è condotto prigioniero a Peschiera del Garda con Evangelista Manelmi. Le galee e le imbarcazioni veneziane, bersagliate da terra e spinte contro il lido dalla soverchiante flotta viscontea, sono in parte disperse ed in parte cadono in potere degli avversari.

1440
Nov. Veneto

Liberato, ritorna nel veronese con la sua compagnia alle stanze invernali.

1441
Feb. Veneto

Si reca a Venezia per le nozze del figlio del doge Francesco Foscari, Jacopo, con la figlia di Leonardo Loredan: nell’ occasione le sue compagnie partecipano in piazza San Marco a due giostre assieme con i soldati del Gattamelata e di Francesco Sforza. Il primo dei due tornei, che si svolge davanti a 30000 persone, è vinto da un suo uomo d’arme, il Furlano, assieme con un armigero dello Sforza.

……………. Lombardia

Affronta ancora Niccolò Piccinino;  si segnala all’ assedio di Martinengo.

1443
Sett. Venezia Chiesa Napoli Emilia Romagna Marche

Esce da Bologna, raggiunge Ravenna;  viene inviato con Guido Rangoni e Tiberto Brandolini in soccorso del marchese della marca Francesco Sforza, assediato in Fano da  pontifici ed aragonesi.

Ott. Romagna

Al campo di San Giovanni in Marignano con 800 fanti.

Nov. Romagna e Marche

Si inoltra sino a Rimini; prende parte alla battaglia di Montelauro dove Niccolò Piccinino è battuto grazie al suo intervento. Di seguito affianca  Francesco Sforza alla conquista di alcuni castelli del pesarese quali Tomba, Pozzo, Montelauro ed all’assedio di Novilara.

Dic. Marche

Abbandona la marca di Ancona.

1444
Gen. Romagna

A Ravenna.

Mar. Marche e Veneto

Rientra nella marca d’Ancona; si porta a Fermo con Stefano da Riva; al ritorno si imbarca per Rimini e giunge a Venezia.

1445
Sett. Venezia Milano Emilia

Nel bolognese per contrastarvi il condottiero ducale Luigi da San Severino.

Ott. Emilia

Compie una scorreria nella Valle del Reno fino a Luminasio; espugna Sasso da Glosena (Sasso Marconi) dove è ucciso il fuoriuscito Pacifico di Panico.

Nov. Emilia

Assedia San Giovanni in Persiceto ed Argelato che attacca con le bombarde: il castello sta per arrendersi quando giunge Luigi da San Severino con 4300 cavalli. Taddeo d’Este fa dare alle fiamme il suo campo  preferendo ritirarsi verso Bologna.

Dic. Emilia

Affronta nel bolognese Luigi da San Severino;  lo obbliga a rientrare in Lombardia.

1446
Mar. Emilia

Assale San Lorenzo in Collina con Pietro Navarrino; depreda, di seguito, i territori di Crespellano e Bazzano. Sulla strada del ritorno cade in un agguato teso ai due condottieri da un grande numero di contadini tesi a togliere loro il bottino.

Mag. Emilia

Con Pietro Navarrino si impadronisce dopo dieci giorni del castello di San Lorenzo in Collina, cui segue la resa, sempre a patti, di Crespellano. Penetra nel contado di San Giovanni in Persiceto con Pietro Navarrino, Simonetto da Castel San Pietro e Tiberto Brandolini.

Giu. Emilia

Si uniscono con i suoi uomini anche le milizie di Guidantonio Manfredi e quelle di Romeo Pepoli:  assedia Castelfranco Emilia alla cui difesa si è posto Guglielmo di Monferrato con 500 cavalli e 200 fanti. Contatta in segreto tale   capitano: gli propone la consegna ai bolognesi di Castelfranco Emilia e della rocca di San Giovanni in Persiceto, tenute dai suoi uomini, in cambio di una condotta di 500 lance e di 300 fanti da parte di fiorentini, veneziani e bolognesi. Raggiunto l’ accordo, spedisce un trombetta a Bologna per fare notificare i capitolati; si reca, quindi, anch’egli a Bologna e fa approvare al consiglio quanto da lui predisposto; subito dopo si congiunge con Guglielmo di  Monferrato; insieme i due condottieri puntano su San Giovanni in Persiceto. Il castellano, nipote del Monferrato, fa entrare 300 fanti bolognesi; Carlo Gonzaga cerca invano di opporsi alla loro azione. I terrazzani aiutano gli attaccanti  contribuendo alla sconfitta del capitano visconteo i cui uomini d’arme sono svaligiati. Con  la vittoria Taddeo d’Este può recuperare Sant’Agata Bolognese e Crevalcore; si sposta, da ultimo, a Lavino ed ottiene anche la resa di Argelato.

Lug. Lombardia

Rientra nel bresciano.

Ago. Lombardia

Esce da Toscolano-Maderno, attraversa l’Oglio e si ferma nel cremonese a Robecco d’Oglio; tocca San Giovanni in Croce e tenta di liberare Cremona dall’assedio che vi è stato posto da Francesco Piccinino. Giunge a Casalmaggiore.

Sett. Lombardia

Agli ordini di Micheletto Attendolo sconfigge i ducali sul Mezzano, un’isola sul Po ad un miglio da Casalmaggiore: alla fine della giornata gli sono consegnati, a titolo di bottino, seicento cavalcature sulle 4000 tolte ai ducali.

Nov. Lombardia Attraversa l’Adda a Spino;  è qui lasciato da Micheletto Attendolo alla guardia del ponte di barche servito ai veneziani per penetrare nel bergamasco. Si avvicinano 2 galeoni ed un’altra imbarcazione dei ducali per rompere il ponte. Taddeo d’Este sconfigge e cattura gli avversari.
1447
Ago. Venezia Milano Lombardia

Alla morte di Filippo Maria Visconti viene contattato da un’ambasceria dei piacentini; con il loro consenso si impadronisce  di Piacenza e di tutto il territorio. I veneziani lo prepongono con il provveditore Gerardo Dandolo alla difesa della città con 2000 cavalli ed altrettanti fanti. Taddeo d’Este fa costruire oltre i due fossati esistenti, anche un terzo vicino alle mura.

Ott. Lombardia

E’ assediato in Piacenza da Francesco Sforza. Micheletto Attendolo non riesce a prestargli soccorso; vanno a vuoto anche i tentativi di ricevere soccorsi via Po.

Nov. dic. Lombardia

Piacenza è assalita da più lati (Carlo Gonzaga via fiume alla Porta Fausta; Guidantonio Manfredi e Luigi dal Verme tra la Porta di San Raimondo e la Porta Stravelata). Gli sforzeschi si muovono con una fascina in mano e le armi nell’altra per colmare il terzo fossato: i difensori reagiscono con pietre, cenere, calcina ed acqua bollente respingendo agli inizi ogni tentativo. Taddeo d’Este corre alla difesa delle mura abbattute dalle bombarde con Gerardo Dandolo ed Alberto Scotti. Si accorge tardi che non è stato tagliato un ponte che unisce i fossati con i ripari più interni; invia Giorgio Schiavo a riparare all’ errore. Costui resta ucciso da un colpo di bombarda. Riprende lo scontro; in breve è obbligato ad arretrare con il Dandolo e lo Scotti nella rocca di Sant’Antonino prima e nella cittadella poi ove resiste solo due giorni per la mancanza di vettovaglie. Nel contempo i cittadini si perdono d’animo, abbandonano la difesa delle mura e la città cade in preda del nemico. Piacenza rimane per un mese  alla mercé delle soldatesche: case e chiese sono saccheggiate, le donne sono stuprate, imprigionati gli uomini. Fatto prigioniero, Taddeo d’Este è condotto a Cremona dove si rivela utile a Francesco Sforza nel comporre le continue liti nel campo della Repubblica Ambrosiana per la spartizione del bottino. E’ liberato dallo Sforza che gli dona armi e cavalcature.

1448
Giu. Lombardia

Muore a fine mese a Mozzanica, forse per veleno perché sospettato di avere tradito la causa della Serenissima alla difesa di Piacenza. E’ sepolto con solenni esequie nella chiesa di San Francesco a Brescia; le sue ceneri saranno più tardi trasportate ad Este per essere poste accanto al figlio Bertoldo nella cappella di famiglia collocata nella chiesa di San Francesco  presso l’altare maggiore. Nel suo testamento Taddeo d’Este lascia il denaro per la costruzione ad Este della chiesa di Santa Maria delle Grazie, di seguito ricostruita con annesso convento dei domenicani.

  CITAZIONI

“Redava dal padre (Azzo) la vigoria nello adoperare le armi da farsene uno de’ guerrieri più famigerati de’ suoi giorni.” NUVOLATO

“Huomo egregio nell’arte della guerra..Più atto a difendere, che ad offendere.” CORIO

“Personaggio nelle militari leggi scientissimo.” POGGIALI

“Homo experto in arte militare.” CAGNOLA

“Huomo molto bellicoso.” ALBERTI

“Il qual fu uno solicito homo e portete (alla difesa di Brescia) grande faticha in far repari e in governar la terra.” DA SOLDO

“Vir et longo belli usu et fide egregia clarus..Qui et annis et corpore gravis ad defendendum quam offendendum aptior peritiorque erat.” SIMONETTA

“Uno de’ più distinti condottieri de’ suoi tempi.” LITTA

“Huomo bellicoso.” SANSOVINO

Con Diotisalvi Lupi “Diedero della lor virtù paragone molto chiaro ed illustre.” SPINO

“Vir impiger, ac bello utilis.” BRACCIOLINI

“Uno dei più distinti condottieri del suo tempo.” BOSI

“Vir bello utilis.” SANT’ANTONINO

Con Cesare da Marinengo e Taliano Furlano “Capitani di nome fiorito.” VERDIZZOTTI

“Illustrissimo capitano.” BROGLIO

“Figura di spicco tra i capitani veneziani.” MALLETT

“Il governo veneziano non si lasciò sfuggire l’opportunità di legare stabilmente al suo servizio un condottiero, presumibilmente dimostratosi versato nell’esercizio delle armi fin dalle prime prove cui venne chiamato, ma indubbiamente tenuto a riservare alle insegne marciane quella fedeltà e quella lealtà che la sua condizione di suddito..dovevano consigliargli..In ogni caso l’Este non seppe o non volle oppure ancora non gli fu permesso daglio avvenimenti a dallo stesso governo veneto, salire a quelle posizioni di primissimo piano tra i principali capitani degli eserciti veneziani che le premesse giovanili lasciavano presagire…Nel giudizio dei cronisti coevi venne ritenuto più adatto a compiti strettamente difensivi piuttosto che offensivi, per quanto gli fossero unanimamente riconosciute doti di coraggio, ardimento e spregiudicatezza.” F. ROSSI

Sulla  tomba sua e del figlio Bertoldo è riportato il seguente epitaffio. “Hic Veneti decus imperii, certissima quondam/ Praesidia, insignes armis belloque Tadeus,/ Bertoldusque iacent, pater ille, hic filius: ambos/ Stirps Estensis, genitor decessit ad oras/ Cenomammum, servata canit cui Brixia laudes./ Hic Turcis Isthmo expulsis, prope Corinthi/ Moenia procubuit: pietas tua maxime Borsi,/ Cognatos cineres sub eodem marmore clausit.

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleSIGISMONDO D ESTE
Next articleUGOLINO ETHON/HUGH ACTON
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email