SPINELLO DEI TOLOMEI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1972      SPINELLO DEI TOLOMEI  (Spinelloccio dei Tolomei, Giacomo Spinellozzo) Di Siena. Signore di Castiglioncello del Trinoro.

+ 1390 (giugno)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed   altri fatti salienti

1358 Siena Perugia  

 

 

 

Viene fatto prigioniero dai perugini.

1363  

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Firenze Pisa  

 

Toscana

E’ inviato con Corrado da Jesi (300 cavalli e 200 masnadieri) a prendere possesso di Castiglione di Garfagnana; cade in un agguato tesogli da Rinieri da Baschi.  Ripara su un colle dove si difende bravamente: costretto alla resa è condotto a Pisa.

1372  

 

 

 

 

 

Francia

Ricopre per i senesi l’incarico di ambasciatore di Siena ad Avignone.

1378  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Fuoriusciti Siena  

 

Toscana

Con alcuni Salimbeni e 100 cavalli fornitigli dai fiorentini cattura Meo da Cana: il senatore di Siena Filippino da Sala fa subito imprigionare nella città ventidue membri  della sua famiglia e minaccia di ucciderli tutti se Meo da Cana non sia liberato. E’ conclusa una tregua; al suo scadere Spinello dei Tolomei riprende le ostilità.

…………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Incendia  Poggio alle Mura ed occupa Argiano; depreda le terre dei Salimbeni.

Ago.  

 

 

 

 

 

Toscana

Compie una nuova scorreria a Giuncarico e Lattaia; si dirige verso Radicondoli con il bestiame razziato. Sorpreso dagli abitanti, è costretto a rientrare a Castiglioncello del Trinoro.

1385  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Siena  

 

40 lance Toscana

Riconciliatosi con i senesi, è nominato capitano della maremma. Scontento del trattamento che gli è offerto, passa al servizio di Gian Galeazzo Visconti.

Giu. Milano  

 

 

 

Lombardia

Diviene capitano di Bergamo al posto di Pagano di Panico.

Dic.  

 

 

 

 

 

 

 

E’ bandito dai senesi come ribelle.

1386  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Fuoriusciti Siena  

 

Toscana

Si rafforza in Castiglione;  cerca soccorsi dal conte di Nola e dalla compagnia dei bretoni. Occupa Castello di Cotone e cavalca a Camigliano: per le sue scorrerie sono imprigionati in Siena dodici membri della sua famiglia.

Feb.  

 

 

 

 

 

Toscana

E’ assalito in Castiglione ed in Castello di Cotone dal capitano della maremma Cocco Salimbeni: gli avversari sono respinti con ingenti perdite.

…………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Costretto a lasciare Castiglione fa dare alle fiamme Castello di Cotone ed abbandona il senese. Ad agosto cerca di riannodare le file degli scontenti.

1387 Milano  

 

 

 

Lombardia

Ricopre nuovamente l’incarico di capitano a Bergamo. E’ sostituito da Bernardo da Solaro.

1388

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago. sett.

 

 

 

 

 

 

 

Toscana

 

E’ scoperto a  Siena un suo trattato al fine di occupare  Montorgiali; per tale fatto a settembre è bandito dal senatore di Siena Piero Morosini.

Dic. Milano Padova  

 

Veneto

Combatte i carraresi. E’ inviato a Treviso da Jacopo dal Verme con 400 lance (comandate anche da Ugolotto Biancardo) per ottenere da Francesco da Carrara l’esecuzione dei patti stipulati in precedenza. Ha l’incarico di capitano della cittadella. Subito dopo affianca a Belluno Antonio Conte nella presa di possesso di tale località.

1389  

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago. sett. Comp. ventura Siena  

 

Umbria e Toscana

Si unisce con Bernardo della Sala, Corrado Lando e Giovanni Ordelaffi. Esce con costoro da Orvieto su pressione dei fiorentini; entra in Val d’Orcia, tocca Corsignano (Pienza) e Montepulciano. Irrompe in Val d’Arbia; tocca  Pecano nella Scialenga e  Santa Maria a Pilli alzando ovunque l’arma del popolo di Siena e quella dei Tolomei. Si collega con Bertoldo Orsini e con 300 fanti scala le mura di Montorgiali: ne è respinto con la perdita di diciotto scale e delle bandiere. Scorre fin sulle porte di Siena, dà alle fiamme Rosia, ove si ferma quindici giorni nella vana attesa di tumulti nel capoluogo. Le sue scorrerie comportano per i senesi danni per 300000 fiorini. A settembre Rinieri da Baschi gli toglie Saturnia.

Dic. Firenze  

 

30 lance Toscana

Passa con i suoi famigliari al servizio dei fiorentini che gli riconoscono una provvigione ed una condotta.

1390  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Fuoriusciti Siena  

 

Toscana

Catturato in maremma dagli abitanti di Campiano, è condotto a Siena.

Giu.  

 

 

 

 

 

Toscana

E’ decapitato il primo giorno del mese in Val di Montone.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleSIMONE TEBALDI
Next articleTARLATINO TARLATI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email