SIMONETTO ORSINI

0
2658
Il-castello-di-Soriano-nel-Cimino
Il castello di Soriano nel Cimino

Last Updated on 2023/11/30

SIMONETTO ORSINI (Simonetto di Mugnano) Del ramo di Campese. Signore di Soriano nel Cimino, Mugnano, Borgo San Pietro, Orte.

+1410 ca

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1368
Lug.PerugiaChiesaLazioContrasta i pontifici nel Patrimonio.
1369
Lug. ott.PerugiaChiesaLazio

Si unisce con i perugini e Francesco di Vico per combattere le truppe del papa Urbano V: dà in ostaggio un figlio in cambio di denari e di armati. Assale lo stato della Chiesa. Si accorge che gli alleati gli inviano in soccorso più cavalli dei 500 da lui richiesti:  4000, agli ordini di Flach di Risach e di Giovanni di Raten. Si insospettisce, si accorda con il pontefice fermo a Viterbo e fa fermare tali truppe. Urbano V gli concede in feudo Soriano nel Cimino, Mugnano, Borgo San Pietro, Corelano, Elcia e Cottanello. I perugini incarcerano l’ostaggio, salvo ad accorgersi in ritardo che la persona in loro potere non è figlio dell’Orsini ma un servo che gli assomiglia.

Nov.LazioI perugini sfogano la loro rabbia con un’incursione nel territorio di Viterbo. Si portano sotto le mura cittadine dove fanno correre il palio delle meretrici. Si spingono poi verso Roma portando le loro scorrerie fin sotto le mura aureliane.
1375
Nov.FirenzeChiesaLazioSi ribella allo stato della Chiesa. Contrasta i pontifici nella guerra degli Otto Santi. Si insignorisce di Orte.
1378
Mag.Lazio

A Roma con Tommaso da San Severino: viene contattato dai perugini.  Si pone come paciere tra il comune e lo stato della Chiesa. Per la sua mediazione è considerato dai perugini loro alleato.

Sett. ott.ChiesaAntipapaUmbria

Capo dei mercorini ad Orvieto, è in lotta nella città con Rinaldo Orsini che appoggia invece i beffati. Contrasta la compagnia dei bretoni spesso con successo. Scacciato da Orvieto da Rinaldo Orsini  danneggia il contado e scorre fin sotto le  porte cittadine. Fa distruggere sistematicamente i raccolti ed affama gli abitanti di Orvieto: costoro, sotto buona scorta dei bretoni di stanza a Bolsena, sono costretti a recarsi nei monti vicini nel territorio di Baschi per provvedere alle necessarie provviste.

1382
…………..ChiesaAntipapaUmbria

Con Ugolino da Montemarte e Giovanni degli Ubaldini entra in Monteleone d’Orvieto e Montegabbione e ne espelle Pier Giovanni e Ranuccio da Marsciano.

…………..LazioOccupa Montefiascone.
1383LazioDifende Montefiascone dagli attacchi portati dalla compagnia dei bretoni comandati da Bernardo della Scala.
1386ChiesaAntipapaLazio

Ospita in Castel di Piero (San Michele in Teverina) Taddeo Pepoli in marcia contro le milizie dell’antipapa Clemente VII. Si unisce  con il Pepoli ed Ugolino da Montemarte;  con costoro assedia Bernardo della Sala in Montefiascone. Con la conquista della città ne viene nominato governatore.

1391ChiesaAntipapaUmbriaCon Anselmo Orsini organizza un complotto per restituire Orvieto allo stato della Chiesa: il tentativo va a vuoto.
1392
Gen.UmbriaCon Simonetto da Castel di Piero aiuta Iacopuccio di Iano ad impadronirsi della rocca di Bolsena appartenente a Corrado ed a Luca Monaldeschi: intervengono Bernardo della Sala e Nicola Farnese che catturano Iacopuccio di Iano e recuperano la fortezza.
1405UmbriaRientrato ad Orvieto con Ranuccio Farnese, agevola ancora una volta i partigiani della fazione dei mercorini ai danni degli aderenti a quella dei beffati. Sempre nel periodo assale le terre di Monaldo di San Casciano che si è dato ai senesi.
1410Muore. Sposa Paola Orsini.

 CITAZIONI

-“Fu potente signore in Sabina e Umbria.” BRIGANTE COLONNA

-“Huomo in que’ tempi e di genti e di stato molto potente.” PELLINI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi