SILVIO SAVELLI Signore di Ariccia

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

SILVIO SAVELLI  Signore di Ariccia. Fratello di Antonio e di Troiano, cugino di Troilo; cognato di Carlo Orsini; genero di Giampaolo di Ceri.

+ 1515

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1498 Orsini Colonna Lazio

E’ attaccato in Cretone con il fratello Troiano dai colonnesi: è costretto alla resa. Il castello è messo a sacco.

1501
Nov.

Nemico di Cesare Borgia riceve dal campo di Consalvo di Cordoba a Taranto una lettera anonima che il Savelli si affretta a divulgare. Il messaggio rappresenta l’attacco più virulento nei confronti di Cesare Borgia e dei Borgia in quanto vi sono illustrati tutti i   delitti e le  nefandezze della famiglia.

1502
Dic. Colonna Orsini Lazio

Lotta contro gli Orsini;  con Jacopo Savelli si impadronisce dei castelli di Palombara Sabina e di Tirano appartenenti al cardinale Latino Orsini.

1503
Gen. Lazio

Con Muzio Colonna occupa Palombara Sabina. Vi si incontra con il cardinale Federico da San Severino che tenta di fargli abbracciare la causa pontificia ai danni degli stessi Orsini. Il Savelli chiama a suo sostegno Fabio Orsini: è raggiunto con  150 cavalli dopo che a tale condottiero è stato concesso libero passaggio a Fiano Romano.

Feb. Savelli Chiesa Lazio

Chiesti invano soccorsi ai veneziani si rafforza in Palombara Sabina con 300 fanti e 100 cavalli. Si incontra con il Borgia;  è catturato e condotto a Roma.

Mar. Chiesa Orsini Lazio

Rilasciato, consegna ai pontifici il castello di Palombara Sabina;  accetta pure di appoggiarli contro gli Orsini.

Sett. Lazio

Alla morte di Alessandro VI irrompe in Roma, rioccupa il palazzo che i Borgia gli hanno confiscato, arma i suoi partigiani e libera tutti i prigionieri politici, tra cui il fratello Antonio,  rinchiusi in Tor di Nona.

Ott. Lazio

Difende a Roma con un grosso contingente di fanti il Borgia dagli attacchi portati dai fautori degli Orsini: si scontra a Porta Torrione (Porta Cavalleggeri) con Bartolomeo d’Alviano, Fabio Orsini e Renzo di Ceri.

1505
…………… Firenze Pisa Lazio

E’ assoldato a Roma dai fiorentini per combattere i pisani.

Ago. Firenze Comp. ventura 60 lance Toscana

Partecipa alla battaglia di Campiglia Marittima contro l’Alviano il cui obbiettivo è quello di ristabilire i Medici nella signoria di Firenze.

Sett. Lazio e Toscana Ai primi del mese si trova a Viterbo con Giulio Colonna. Viene a trovare i due condottieri l’ambasciatore fiorentino Piero Bartolini che li esorta  a rientrare in Toscana. Dopo pochi giorni giunge al campo di Cascina con Giulio e Muzio Colonna. I tre condottieri sono al comando delle loro compagnie di cavalli  e di 250 fanti spagnoli. Si collegano con il commissario generale Antonio Giacomini; chiedono il denaro delle paghe.
1510
Gen. Spagna Venezia

E’ contattato dai veneziani;  preferisce passare al soldo degli imperiali.

Mag. Lazio ed Emilia

Dall’Austria si reca a Roma con 1500 fiorini. Si dirige a Ferrara;  arma per conto degli imperiali 2 galee e 2 fuste.

Ago. Veneto

Combatte i veneziani inquadrato nel colonnello di Andrea da Capua.

1511
Gen. Chiesa Francia Emilia

Raggiunge a Mirandola il campo di pontifici: si lamenta degli imperiali per i quali ha speso la somma di 2000 ducati che non gli è stata riconosciuta.

1512
Giu. Firenze Francia Venezia Lombardia

Alla difesa di Bergamo con Luca Savelli.

Lug. Lombardia Le lance della sua compagnia sono svaligiate dai veneziani di Giampaolo Baglioni mentre lasciano Pavia:  il salvacondotto loro rilasciato in precedenza è, infatti, ritenuto scaduto. Segue uno scontro tra milizie veneziane e quelle svizzere per la divisione del bottino: nella rissa sono uccisi quindici fanti elvetici.
Dic. Milano Francia Lombardia

Passa  agli stipendi del duca di Milano Massimiliano Sforza, che gli riconosce uno stipendio annuo di 10000 ducati. Assedia Trezzo sull’Adda.

1513
Gen. Lombardia

Ottiene  Trezzo sull’Adda dal barone di Bernia,  lasciato andare libero con la moglie e dodici altri francesi; gli altri difensori sono costretti ad arrendersi a discrezione.

Feb. mar. Lombars.

Si sposta all’assedio del Castello Sforzesco a Milano al posto di Sacramoro Visconti; è respinto in una scaramuccia dagli avversari.

Mag. Milano Francia Venezia Lombardia

E’ sempre impegnato a Milano all’assedio del Castello Sforzesco; a fine mese è   obbligato a desistere dalle operazioni.

Giu. Piemonte

E’ assediato in Novara con gli svizzeri dai francesi del la Trémouille e di Gian Giacomo da Trivulzio; gli svizzeri lasciano con spavalderia aperta una porta affinché i nemici assaltino il castello; nel contempo impediscono loro lo scavo di un fossato a protezione della stessa e la costruzione di terrapieni in appoggio alle mura. Il Savelli prende parte alla  battaglia di Novara in cui i francesi vengono sbaragliati.

Lug. Lombardia

Riprende ad assediare il Castello Sforzesco; lo fa circondare da un fossato per impedirne l’uscita ai difensori.

Ago. 60 lance Lombardia

Si avvia a Bergamo con 500 cavalli  e 2700 fanti (di cui 400 spagnoli); saccheggia il Monte di Brianza;  viene sconfitto da Renzo di Ceri tra Ombriano e Pandino.

Sett. Lombardia

Cerca di recuperare Bergamo con Cesare Fieramosca; si accampa nei borghi presso la chiesa di Sant’Antonio al comando di 60 lance, 300 cavalli leggeri, 700 fanti e 2000 cernite brianzole capitanate da Soncino Secco e da Ludovico Suardi. Sconfigge 600 cavalli veneziani tra uomini d’arme e cavalli leggeri e 500 fanti, usciti dalla città agli ordini di Mariano da Lecce e di Cristoforo Albanese. L’intervento del Fieramosca si rivela decisivo in quanto  obbliga i veneziani a darsi alla fuga, chi verso i monti e chi verso Crema. Per il successo il viceré di Napoli Raimondo di Cardona fa consegnare al Savelli ed al Fieramosca un premio di 300 ducati ciascuno; altri 200 ducati sono consegnati a dodici capitani delle fanterie italiane, 30 allo svizzero Grisone. Il Savelli continua a devastare il bergamasco.

Nov. Lombardia

E’ segnalato a Paullo con 150 archibugieri e 40 cavalli per sorvegliare i guadi dell’ Adda; si ferma a Zelo Buon Persico a spese degli abitanti. Rientra a Milano.

1514
Gen. Lombardia

Con il Grechetto assedia il Ceri in Crema. Il blocco alla città costa agli sforzeschi 12000 ducati il mese.

Feb. Lombardia

Perde in una scaramuccia 50 fanti tra catturati ed uccisi in combattimento.

Apr. Lombardia

Si trova ad Ombriano con 400 fanti, 100 cavalli leggeri e 50 lance. Escono da Crema Andreazzo da Perugia, Silvestro da Perugia e Mariano da Lecce che lo sorprendono sul Termine mentre sta marciando con gli uomini non perfettamente in ordine. 60 fanti sono uccisi o muoiono annegati ed altri sono fatti prigionieri.  Il Savelli è catturato  nel corso dello scontro due volte; in entrambe le occasioni riesce a sfuggire alla prigionia.

Mag. Lombardia

A Pandino con Prospero Colonna. Espugna una bastia nei pressi della città, ne rafforza le opere difensive e vi colloca un presidio di 400 fanti; si impossessa poi della chiesa di Santa Croce alla cui difesa cadono 80 fanti cremaschi contro quattro uomini d’arme di Silvio Savelli; la chiesa è data alle fiamme.

Giu. Lombardia

Ad Offanengo.

Ago. Lombardia

Staziona ancora ad Ombriano. Vi è sorpreso dal  Ceri con le sue lance e 2000 fanti mentre alloggia nella casa parrocchiale presso i frati di San Benedetto. Si accorge delle fiamme che i veneziani hanno dato al suo accampamento; salta dal letto armato con il solo scudo e cerca di confortare i suoi; ferito tre volte, si dà alla fuga e si salva con soli 50 cavalli leggeri a Capergnanica. A seguito della rotta è accusato presso il duca di Milano da Girolamo Morone di tenere un comportamento ambiguo per avere permesso il controllo del suo campo agli esploratori avversari e di non avere curato la disciplina delle sue truppe use sia a vendere a chiunque i foraggi raccolti nelle campagne, sia ad allontanarsi campo. Gli è pure  addebitata una condotta contrassegnata da  vigliaccheria, imperizia, petulante millanteria ed avidità.

Sett. Lombardia

A Pandino con 50 lance, 100 cavalli leggeri e 200 fanti svizzeri: costoro lasciano  il campo a seguito di una rissa sorta  tra soldati che appartengono a vari cantoni. Il tafferuglio  termina con l’uccisione di molti fanti.

Ott. nov. Lombardia

Si muove attorno a Pizzighettone allo scopo di  contrastarvi Bartolomeo da Villachiara; a Pandino con 800 fanti. Con Prospero Colonna assedia il Ceri in Bergamo: batte con le artiglierie il tratto di mura antistante il borgo di Sant’Antonio   procurandovi ampie brecce. A novembre il Ceri si arrende a patti: Silvio Savelli tenta inutilmente di opporsi a tale soluzione che, viceversa, viene accettata da Prospero Colonna. Se ne lamenta con Raimondo di Cardona.

Dic. Lombardia

Tocca Paullo, Zelo Buon Persico, Mulazzano, Dusano e Villano;  è trasferito dal milanese.

1515
…………… Capitano g.le fanteria Lombardia

Massimiliano Sforza, oltre che a concedergli il comando delle fanterie, lo nomina consigliere ducale e senatore di Milano.

Primavera Piemonte

Entra alla difesa di Alessandria con molti cavalli e fanti: deve ritirarsi di fronte all’offensiva francese.

……………

Muore nell’anno. Sposa Porzia di Ceri figlia di Giampaolo. Matteo Bandello gli dedica una delle sue novelle.

CITAZIONI

“Che si dice essere il miglior omo de la casa.” GIUSTINIAN

“per altro era huomo nobile e valoroso, poco liberalmente attender al guadagno, e frodava i soldati delle paghe loro.” GIOVIO

“Fu fortissimo soldato.” LITTA

“Anco egli valoroso soldato..Valentissimo capitano.” ROSEO

Con Cesare Fieramosca e Prospero Colonna “Celebris nominis ..ductoribus.” FARINA

“Fu nobilissimo soggetto ne tempi medesimi.” SANSOVINO

Contro Renzo di Ceri “El signior silvio savello valoroso, e franco/ fra li marcheschi col caval si caccia/ facendo assai di lor venir a meno/ perché feriva con ambe le braccia/ hora dal dritto, & hora dal lato stanco/ sì che molti li volsero la faccia/ mostrar, che ristar morti a la pianura/ dal suo valor che par sopra natura.” DEGLI AGOSTINI

“Capitano di molta prudentia.” CONTILE

Fonte immagine: wikipedia

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email