SANTO GAVARDO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

SANTO GAVARDO  Di Capodistria.

  • 1465 ca.
Anno, mese

 

Stato. Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

 

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

………..NapoliMilita inizialmente nel regno di Napoli agli stipendi di Ladislao d’Angiò. Insultato da Nicola de Cesare, un armigero di Capua soprannominato Rossetto, con l’epiteto di “barbaro istriota” si batte a duello con il rivale e lo sconfigge.
1453
Giu.

 

Venezia

 

Milano

 

Veneto e Lombardia

 

Contrasta nel veronese le truppe del duca di Milano Francesco Sforza. E’ catturato nella battaglia di Villabona.

Nov.

 

Lombardia

 

Liberato a seguito di una tregua tra il marchese di Mantova Ludovico Gonzaga e la Serenissima, passa alla difesa di Orzinuovi.

Dic.

 

Lombardia

 

Viene assalito in Orzinuovi dagli sforzeschi;  è costretto ad arrendersi a patti.

1463
Gen.

 

Venezia

 

Trieste

 

Slovenia e V. Giulia

 

Si trova in Istria. Sorge una controversia tra Venezia e  Trieste perché gli abitanti della città impediscono il libero passaggio ai mercanti che dalla Germania sono diretti a Capodistria. I triestini, inoltre, uccidono una guida fornita da Santo Gavardo agli stessi mercanti. Il condottiero penetra nel loro territorio con 60 uomini d’arme e compie alcune scorrerie nella valle di Moccò.

Feb.

 

V. Giulia

 

I veneziani bloccano il porto di Trieste con 60 barche. Santo Gavardo, da parte sua, si muove sul Carso con 400 cavalli;  tocca Nigrignano (Schwarzeneg), Corgnale ed altre terre dei conti di Gorizia sulla strada che da Carniola conduce al capoluogo; sconfigge Giovanni (o Cristoforo) dei Cancellieri che tenta di impedire le operazioni di blocco terrestre a Trieste.

Giu. lug.

 

V. Giulia

 

Continua a dare il guasto al triestino. Giungono in suo soccorso 1400 uomini tra fanti e cavalli (tra cui 300 balestrieri) con il provveditore Vitale Lando. I triestini chiedono una tregua. Non ne rispettano i termini allorché vedono in difficoltà i loro avversari.

Ago.

 

V. Giulia

 

Giungono 4 galee e nuove truppe con il provveditore di Udine Giacomo Antonio Marcello. Il Gavardo prende parte all’assedio di Trieste con Bernardino di Montone, Carlo di Montone e Matteo da Sant’ Angelo. I veneziani si accampano alla fontana di Geppa verso Roiano, a Scorsola lungo un torrente, a Chiadino, a San Vito ed a Sant’Andrea mentre dal mare la città è bloccata da molte navi e da 4 pontoni forniti di grosse bombarde.

Autunno

 

V. Giulia

 

Gli è dato l’incarico di sbarrare la strada ad alcuni cavalli tedeschi venuti in soccorso dei difensori: gli avversari eludono il suo tentativo ed entrano in Trieste a causa di un contrattempo sorto nel campo veneziano, che ha ritardato la sua partenza.

1465

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleRUGGERO GALLI
Next articleSOLDATELLO DA GUBBIO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.