ROBERTO DI BATTIFOLLE

0
2437

ROBERTO DI BATTIFOLLE (Roberto da Poppi) Della famiglia Guidi. Conte di Poppi e di Battifolle. Signore di Poppi, Battifolle, Fronzola, Castel Castagnaio, Montemignaio, Mercatale, Borgo La Collina, San Leolino, Caiano.

  • 1375 (gennaio)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1349BattifolleUbertiniToscana
1351FirenzeMilanoToscana
1353
Feb.ToscanaCon il congiunto Guido di Battifolle è compreso nella confederazione apprestata dai comuni di Firenze, Perugia e Siena a difesa dello stato della Chiesa e della parte guelfa.
Sett.BattifolleBardiToscanaAssedia i Bardi ed altri fuoriusciti fiorentini nel castello di Vicorati. Intervengono i fiorentini per portare la pace tra i contendenti.
1356
Apr.BattifolleTarlatiToscana

Le sue terre subiscono continue scorrerie da parte di Marco Tarlati.  Raduna numerosi armati ed assedia il castello di Reggiolo. Negli stessi giorni il freddo è così intenso che Roberto di Battifolle è costretto a fare costruire baracche di legno per dare un riparo adeguato ai suoi uomini. Il Tarlati chiede l’intermediazione dei fiorentini. Gli è ordinato di ritirarsi, per cui a metà mese rientra in Casentino.

1357
…………Toscana

E’ nominato arbitro in una contesa sorta tra i congiunti Bandino di Montegranelli e Pietro di Romena per il possesso di Castello di Romena. Sostiene le pretese del primo, per cui Pietro di Romena ricorre ai fiorentini. Il comune acquista le ragioni di Pietro da Romena per 3500 fiorini. Bandino di Montegranelli, nel passato podestà della stessa Firenze, si reca nella città, offre la località e tutte le sue terre al comune e ne ottiene in cambio 6000 fiorini.

1358
Lug.FirenzeComp. venturaToscanaAffronta la Grande Compagnia del Conte Lando. E’ tra i protagonisti della vittoria alle Scalelle.
1359
…………..FirenzeComp. ventura200 fantiToscanaContrasta nuovamente la compagnia del Conte Lando.
Giu.ToscanaSegue il signore di Pesaro Pandolfo Malatesta in Val di Pesa.
Ago.FirenzeTarlatiToscanaAffianca i fiorentini nell’assediare in Bibbiena Marco e Leale Tarlati. Si impadronisce a spese dei rivali di tutte le fortezze e dei castelli in prossimità di tale località.
1362
Giu.FirenzePisaToscana
1363
Apr.ToscanaE’ invitato dal cardinale Egidio Albornoz a recarsi a Faenza per combattere a favore dei pontifici contro i viscontei.
1365
Feb.ToscanaOspita nelle sue terre il poeta Francesco Petrarca.
1369
Ago. dic.FirenzeMilanoToscana

Affianca Giovanni Malatacca nel tentativo di recupero di San Miniato, ribellatasi ai fiorentini. Nell’assediare la località  respinge tutti i tentativi portati da Giovanni Acuto e da Giovanni di Raten volti a rompere il blocco degli attaccanti.

1370
Gen.Toscana

Mentre i viscontei con Giovanni di Raten attraversano l’Arno per stringere da Vicino Firenze. Roberto di Battifolle entra per trattato in San Miniato per una porta non sorvegliata e murata a secco; la fa rompere ed ordina, nel medesimo tempo, un vigoroso attacco alla città dalla parte opposta. Altre truppe penetrano per la porta verso  Cigoli, dove un certo Luparello, che ha la sua casa sulle mura cittadine, permette l’ingresso alle milizie fiorentine. Sono catturati e lapidati dagli abitanti i principali cittadini che hanno favorito la conquista di San Miniato da parte viscontea; altri come  Ludovico e Biagio Ciccioni e Filippo Lazzarini sono condotti a Firenze per esservi più tardi decapitati.

1375
Gen.Muore. Sposa Selvaggia degli Alberti.

 CITAZIONI

-“Fidatissimo ed esperto”. CIUCCIAVINO

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi