RICCIO DA MONTECHIARO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1151       RICCIO DA MONTECHIARO  (Riccio da Montichiari, Giannotto Riccio) Di origini non nobili.  Signore di Arpino, Sora, Cassino ed Aquino.

+ 1445 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1423  

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Re d’Aragona Napoli  

 

Campania

Milita agli ordini di Braccio da Montone. E’ inviato a Capua in soccorso del re Alfonso d’Aragona con Bernardino degli Ubaldini della Carda, Arrigo della Tacca, Jacopo Caldora ed Orso Orsini alla testa di 1200 cavalli e 1000 fanti.

Ott.  

 

 

 

 

 

Campania

Prende la via del mare, attraversa la foce del Volturno ed entra in Napoli alla notizia dell’arrivo in città di rinforzi catalani provenienti da Barcellona.

1428  

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago. Chiesa Bologna Capitano g.le fanteria Romagna

Segue Jacopo Caldora in Romagna; giunge ad Imola al comando della fanteria.

1431  

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug. sett. Comp. ventura Chiesa  

 

Lazio

Aizzato dai nemici dello stato della Chiesa, devasta le terre dell’abbazia di Montecassino;  pone a sacco San Pietro in Fiore (San Pietro). Gli vengono contro l’abate Pirro Tomacelli e Francesco Caracciolo con 500 cavalli e 200 fanti: il conflitto avrà termine dopo tre mesi per l’intervento della regina di Napoli Giovanna d’Angiò.

1433  

 

 

 

 

 

 

 

 

Estate Fortebraccio Chiesa  

 

 

 

Appoggia Niccolò Fortebraccio ai danni dei pontifici.

Nov. Baroni Napoli  

 

Puglia

Combatte accanto ai baroni contro il governo centrale di Napoli; con Cicco Antonio de Caris viene sconfitto dal Caldora.

1435  

 

 

 

 

 

 

 

 

Primavera Napoli Re d’Aragona  

 

Campania

Milita agli stipendi del Caldora contro gli aragonesi ed i loro alleati. Con Antonio e Berlingieri Caldora affronta il principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo;  prende parte all’assedio di Capua.

Estate Re d’Aragona Napoli 700 fanti Lazio

All’assedio di Gaeta.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lazio

Gli aragonesi sono disfatti nella battaglia navale di Ponza; come conseguenza il presidio di Gaeta capitanato da Francesco Spinola assale Riccio da Montechiaro e lo mette in fuga con Ruggero e Cristoforo Gaetani.

1436  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Comp. ventura Chiesa  

 

Lazio

Si unisce con Antonio da Pontedera;  devasta il basso Lazio; si trova con tale condottiero a Priverno alla testa di 2000 fanti e di 500/600 cavalli. Affrontato dal cardinale Giovanni Vitelleschi è sconfitto e costretto alla fuga: Antonio da  Pontedera, catturato, è viceversa impiccato.

Lug. Re d’Aragona Napoli Chiesa  

 

Abruzzi

Si collega con Menicuccio dell’ Aquila e Francesco Piccinino;  costituisce un esercito di 2500 cavalli e di 100 fanti per assediare L’Aquila. Costretto a ritirarsi, è assediato a sua volta in Penne dai pontifici del cardinale Vitelleschi comandati da Raimondo Caldora e da Antonuccio dell’ Aquila. Gli avversari ripiegano.

Ago.  

 

 

 

 

 

Abruzzi e Lazio

Viene assalito nella valle di Oliveto;  in breve è ridotto allo stremo. Il cardinale Vitelleschi si volge allora verso San Germano (Cassino), gli conquista tale castello con quelli di Aquino e di Arpino.

Sett.  

 

 

 

 

 

Lazio ed Abruzzi

Blocca il passo ai pontifici; assediato in Ceprano, si accorda con gli avversari per una tregua. Nominato con Menicuccio dell’ Aquila viceré dell’Abruzzo approfitta della lontananza del  Caldora in Puglia per scorrere la regione.

Ott.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Sempre con Menicuccio dell’ Aquila si impossessa nottetempo di Pescara e vi cattura Lionello Accrocciamuro.

Nov.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli sono consegnati 1000 ducati per le necessità dei suoi uomini.

1437  

 

 

 

 

 

 

 

 

………….  

 

 

 

 

 

Lazio

I pontifici gli tolgono Ceprano ed altre terre.

Ago.  

 

 

 

 

 

Campania

Si congiunge con Giovanni Ventimiglia; si porta a Tocco Caudo per tagliare la strada di Benevento ai pontifici mentre il principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo si accampa nei pressi di Montefusco con 1500 cavalli e 800 fanti. Riccio da Montechiaro non riesce ad impedire che le milizie alleate cadano in un agguato e che sia catturato lo stesso Orsini del Balzo.

Dic.  

 

 

 

 

 

Campania

Viene a sua volta sorpreso dal Caldora e dal cardinale Vitelleschi con le truppe regie a Giugliano in Campania: i suoi uomini sono spogliati delle armi.

1438  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli sono consegnati 500 ducati per provvedere di armi le proprie compagnie.

Mar.  

 

 

 

 

 

Campania e Lazio

Si ferma a Sessa Aurunca per alcuni giorni;  vi fronteggia le truppe di Renato d’Angiò; muove contro la Rocca Janula di Cassino e se ne impossessa forse per trattato. Ne è espulso l’abate di Montecassino favorevole alla fazione angioina: al castellano sono fatti consegnare dal re Alfonso d’Aragona 50 ducati e 25 ducati sono dati a quindici soldati che vi sono entrati per primi.

Ago.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Viene lasciato alla guardia di Castelvecchio Subequo.

1439  

 

 

 

 

 

 

 

 

Autunno  

 

 

 

 

 

Campania  Abruzzi e Lazio

Soccorre a Napoli i difensori di Castel dell’Ovo, assediati per mare dai genovesi e per terra da Renato d’Angiò. Sconfitto, è obbligato a fuggire nei suoi possedimenti a Loreto Aprutino:  assalito dal Caldora, questi gli sono tolti nell’arco di tre mesi. Ripara a Cassino.

1440  

 

 

 

 

 

 

 

 

Aprile Angiò Re d’Aragona  

 

Abruzzi

Affianca Antonio Caldora all’assedio di Sulmona.

Mag.  

 

 

 

 

 

Molise

Il cardinale di Capua Nicola Acciapaccia si adopera affinché si riconcili con i pontifici; si reca a Boiano con Antonio Caldora e vi si incontra con Renato d’Angiò.

Giu.  

 

 

 

 

 

Campania

Si colloca nella valle di Benevento; occupa un colle vicino al  campo aragonese della Pelosa e batte gli avversari con Antonio Caldora al ponte della Tufara.

Lug. Re d’Aragona Angiò  

 

Campania

Giunge a Dogliuolo (Poggioreale);  invia messaggeri ad Alfonso d’Aragona cui fa capire che solo grazie al suo interessamento ed a quello di Antonio Caldora spetta il merito di non avere trasformato la sconfitta aragonese in rotta. Si reca a Napoli e presenzia alla cena svoltasi in Castel Capuano in cui Renato d’Angiò accusa di tradimento il Caldora: Antonio Caldora è imprigionato, salvo ad essere liberato poco dopo per le pressioni di Raimondo Caldora. Riccio da Montechiaro convince il suo capitano che è giunto il momento di concludere le trattative con  Alfonso d’Aragona.

Ago. Re d’Aragona Sforza  

 

Abruzzi

Agisce ai danni di Francesco Sforza con Giosia Acquaviva e Raimondo Caldora.

1441  

 

 

 

 

 

 

 

 

Primavera  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Si unisce ancora con Raimondo Caldora e l’Acquaviva;  contrasta negli Abruzzi Cesare da Martinengo che vi difende i possedimenti di Francesco Sforza.

Lug.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Assalito ad Ortona è sconfitto e messo in fuga da Alessandro Sforza. E’ costretto a  a rinchiudersi in Chieti.

1442  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli sono consegnati dagli aragonesi 1000 ducati.

Mar.  

 

 

 

 

 

 

 

Tratta con il prefetto di Roma per passare agli stipendi dello stato della Chiesa.

Apr. Chiesa Napoli  

 

Lazio e Campania

Si reca a Cassino dove il governatore aragonese Arnaldo Sans ha l’ordine da Alfonso d’Aragona di arrestarlo. Si ferma sulla porta del castello per discorrere con le guardie e dare, in tal modo, tempo ai suoi uomini che lo seguono di avvicinarsi; gli viene incontro Arnaldo Sans, apparentemente per intrattenerlo.  I due capitani entrano nella località  insieme. Gli abitanti favorevoli all’ abate di Montecassino ed allo stato della Chiesa attorniano il governatore e lo catturano. Riccio da Montechiaro fa legare Arnaldo Sans, lo conduce in catene sotto le mura della Rocca Janula, chiama il fratello di costui Bernardo (o Martino, secondo le fonti) e gli fa dire che è pronto ad impiccare il congiunto se non si presta alla resa. Avuta risposta negativa ordina un vano assalto alle mura; il giorno seguente giunge il re di Napoli che gli intima di lasciare la località in cambio del suo perdono. Riccio da Montechiaro lascia una parte del presidio alla difesa di Cassino e si reca a Teano; rientra subito a Cassino compiendo nella stessa giornata sessanta miglia senza che gli avversari se ne accorgano. Riprende l’assedio. Vi è un attacco improvviso alle sue linee portato dalla montagna dal Mendoza con 300 fanti: costoro superano i posti di  guardia con il pretesto di volere disertare a suo favore. Scopre l’ inganno e fa  fronte a tali soldati. Alfonso d’Aragona lo fa assalire da tutte le truppe. Deve fuggire nello stato pontificio.

1443  

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Campania

Si riconcilia con Alfonso d’Aragona;  presenzia al suo solenne ingresso   in Napoli: viene armato cavaliere.

1445  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

  CITAZIONI

“Colonnello di fanti ed huomo di poca fede ed avarissimo.” DI COSTANZO

“Quo tempore Riccius Monteclarus olim gregarius miles, sed ea tempestate Candolae militans, ab eo defecit, ad idque fastigii postea pervenit, ut viginti octo Castella et Civitates possideret, in quibus Arpinum, et Sora.” BUONINCONTRO

“Erat Ricius obscuris ortus parentibus, homo levissimus et modo harum, modo illarum partium. (Nam) ex milite gregario ductor factus, magna latronum manu comparata, aliquot Romani pontificatus oppida armis oppresserta. “FACIO

“Magnifico et strenuo.” Da un documento riportato dal FARAGLIA

“Prima soldato di ventura, poi capitano di venturieri e di ribaldi. Costui era uno di coloro, che nelle fazioni mai mancano, e vengono in campo non ad ingrossar una delle parti, ma ravvolgendo tra queste, aspreggiarle e fare suo prò.” TOSTI

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email