RAINALDO ALESSANDRINI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

RAINALDO ALESSANDRINI  (Ranaldo da Mantova, Rainaldo Assandri). Di Mantova.

+ 1358 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1339
Feb.MilanoComp. ventura 

 

Lombardia

Affronta la “Compagnia di San Giorgio” di Lodrisio Visconti; prende  parte alla battaglia di Canegrate. Viene armato cavaliere da Luchino Visconti al termine del combattimento.

1340 

 

 

 

 

 

Lombardia

A Mantova, per le nozze di Ugolino Gonzaga con la sorella di Mastino della Scala.

1342BolognaComp. venturaCapitano g.leToscana

Alla testa dei fiorentini assedia in Laterina Ettore di Panigo, che vuole unirsi in Romagna con la “Grande Compagnia” di Guarnieri di Urslingen.

1347MilanoLegaCapitano g.lePiemonte

Combatte in Piemonte le truppe del re di Napoli, quelle del principe di Savoia-Acaia e quelle del conte di Savoia.

1348MilanoGenovaCapitano g.leLiguria

Contrasta i genovesi con Bruzio Visconti. Lo affiancano Spinola, Fieschi, Doria e Grimaldi. Le operazioni hanno termine con la morte del signore di Milano Luchino Visconti.

…………MilanoFirenzeToscana
1352
…………MilanoPerugiaCapitano g.leUmbria

Osteggia i perugini con Nolfo da Montefeltro. Giunge a Borgo San Sepolcro (Sansepolcro) coadiuvato dai ghibellini della regione. 32 compagnie di cavalli tedeschi, borgognoni e lombardi scorrazzano lungo le rive del Trasimeno distruggendo innumerevoli abitazioni e devastando il territorio circostante.

Ago. 

 

 

 

 

 

Umbria

Ai primi del mese si accampa sulle sponde del Paglia, fuori Orvieto, al comando di 2000 cavalli e di 2000 fanti. Si rifornisce di vettovaglie. A metà agosto lascia la città con Tano Ubaldini della Carda per rientrare nel perugino. Pronta è la reazione degli avversari che costruiscono 2 bastie nei pressi della località e si accampano sulle rive del Tevere impedendo ogni tentativo di soccorso da parte dei viscontei agli assediati. L’Alessandrini si sposta da Montecchio per attendarsi sulla riva opposta del fiume. Resta sostanzialmente inattivo.  Bettona è costretta alla resa per mancanza di vettovaglie.  Alla partenza dei viscontei gli abitanti ne consegnano la signoria al prefetto Giovanni di Vico, dopo che ne è stato fatto uscire con l’inganno Buonconte Monaldeschi con il pretesto di prendere possesso di Cetona. L’Alessandrini si ritira, si dirige verso Città di Castello arrecando ovunque incendi e devastazioni. Giunge a Sansepolcro.

1353
Mar. 

 

 

 

 

 

 

 

Sospettato di essere stato corrotto dai perugini, è licenziato alla conclusione del conflitto. Sono sciolte le compagnie del figlio e quelle di due suoi fratelli. Cade in disgrazia.

………… 

 

 

 

 

 

Emilia

E’ segnalato a Bologna in casa di Pietro Azario ed a Ravenna. Passa al servizio di Bernardino da Polenta.

1358

Muore.

 CITAZIONI 

-“Rainaldo di Asandri, chi fu scaltro,/ roba una di mesgio di var fodrata/ cum fusi d’oro, non g’avia altro.” ALIPRANDI

-“E’ noto che l’Assandri deve essersi segnalato per virtù militare e per coraggio, poiché di lui parlano con compiacimento molti cronisti del tempo.” ARGEGNI

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email