RAFFAELE RASPONI Di Ravenna

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

RAFFAELE RASPONI  Di Ravenna. Ghibellino. Figlio di Teseo Rasponi; fratello di Cesare Rasponi, Ludovico Rasponi e Prospero Rasponi.

  • 1590 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1512
Apr.ChiesaFranciaRomagnaSi distingue alla difesa di Ravenna contro i francesi. Nell’occasione si colloca con altri 300 volontari alla guardia delle mura presso la Porta di San Mamante. Sono respinti inizialmente alcuni attacchi portati dagli avversari.
…………… 

 

 

 

 

 

Romagna

Ricopre più volte in Ravenna l’incarico di magistrato.

1529ChiesaVenezia 

 

Romagna

Cerca di togliere Ravenna ai veneziani.

1535Chiesa 

 

 

 

Marche

Si trova nel contado di Fermo con i fratelli Ludovico e Cesare.

1540ChiesaPerugia 

 

Umbria
……………ImperoAlgeri 

 

Algeria

Partecipa all’ impresa di Algeri contro i corsari barbareschi ed i berberi.

……………Francia 

 

 

 

Francia
……………VeneziaImpero Ottomano 

 

Grecia

Ha a Candia il comando di un colonnello di 1300 fanti.

……………Venezia 

 

 

 

Montenegro  Lombardia Grecia

Sempre al servizio dei veneziani viene nominato governatore di Cattaro, di Bergamo e di altre località della terraferma. Ritorna a Candia con il titolo di sovrintendente generale.

1560 

 

 

 

 

 

Romagna

E’ accusato di proteggere a Savarna alcuni ladri ed  assassini che infestano il territorio pontificio: è costretto ad allontanarsi dalla Romagna.

1562
Primavera 

 

 

 

 

 

Romagna

Ha gran parte nelle discordie sorte tra gli abitanti di Faenza e quelli di Russi.

1564
Ago. 

 

 

 

 

 

Romagna

Si trova a Ravenna per la rappacificazione tra le fazioni: le autorità, con l’aiuto di Giovan Francesco da Bagno, cercano di imprigionare tutti i responsabili delle lotte intestine. Il Rasponi esce incontro ai pontifici con 300 uomini ed è messo in fuga nella pineta di Classe da 200 avversari che entreranno, nel proseguio della loro azione, nel castello di Ravenna.

1575VeneziaImpero Ottomano500 fantiGreciaE’ inviato alla difesa di Corfù.
1579 

 

 

 

 

 

Romagna

Ottiene la cittadinanza di Faenza.

1588
Apr. lug.VeneziaLombardia

Ha l’incarico di governatore di Bergamo. E’ chiamato a far parte di una commissione per lo studio del miglior progetto di ristrutturazione del castello di Brescia. Di essa fanno parte oltre al governatore del castello bresciano Onofrio Scotti, anche il capitano generale della fanteria della Serenissima Giambattista del Monte a Santa Maria, Giulio Savorgnano, i rettori Alvise Grimaldi e Zaccaria Contarini, gli ingegneri Giambattista Bonhomo, Paolo Ferrari e Bonaiuto Lorini. I pareri sono discordi. Alla fine prevale il piano elaborato dal Savorgnano.

1590

Muore. Ritratto di Luca Longhi.

 CITAZIONI

-Con Ludovico e Cesare Rasponi “Cum et oppugnandis urbibus, et proeliis ineundis optimi Ducis famam praeclare sustinerent.” G. ROSSI

-Con Cesare Rasponi “In questi tempi fiorirono in armi.” S. PASOLINI

Immagine: Wikimedia

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.