QUARANTOTTO DA RIPAMORTORIO Di Firenze

0
1678

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1618      QUARANTOTTO DA RIPAMORTORIO  ( Domenico da Ripamortorio) Detto Quarantotto. Di Pisa.

  • 1430 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1404
Giu. lug.VeneziaPadovaVenetoMilita agli ordini di Marco Grimani. Rimane ferito in un assalto alla bastia di sant’Ellero.
1405
Giu.100 fantiVenetoPrende parte all’assedio di Padova. Ha il comando della bastia del Bassanello.
Nov.Veneto

Scala nottetempo le mura di Padova seguito da Giovanni Beltramini e da 150 fanti; entra nella città e si impossessa della Porta di Santa Croce dopo averne uccise le 14 guardie i cui corpi sono gettati nel fossato sottostante. Pianta nella porta la bandiera di San Marco e dal borgo giunge sino al Prato della Valle.

Dic.Veneto

Si reca a Venezia: a lui sono assegnati 500 fiorini all’anno per essere entrato in Padova per primo ed al Beltramini  400 perché vi si è immesso per secondo. A metà novembre del 1406, dopo avere prestato giuramento di fedeltà, gli viene concessa “per gratiam” la cittadinanza veneziana. Il privilegio è valido anche per i suoi eredi.

1423
Mar. apr.VeneziaVeneto

Di stanza a Padova dove dispone di una casa accanto alla residenza del veneziano capitano della città.  A cena con gli ambasciatori fiorentini Rinaldo degli Albizzi ed Alessandro di Salvi; con tutti i suoi famigliari si  incontrerà di nuovo con costoro  al rientro della loro  missione a Venezia.

1424
Apr.Veneto

Ha un comando di provvigionati a Padova. Ospita ancora a cena Rinaldo degli Albizzi, cui si offre di passare agli stipendi dei fiorentini con una condotta di venti lance e  100 fanti. Lo incontra ancora al  rientro dalla sua nuova missione diplomatica a Venezia.

Mag.FirenzeCapitano g.le fanteriaToscana
1426VeneziaMilano ImperoFriuliAffronta gli ungheri in Friuli.
1427
Ott.Capitano g.le fanteria 150 fantiLombardiaE’ presente alla battaglia di Maclodio.
……..ChiesaLazioAgli stipendi del papa Eugenio IV. Gli è affidato il comando della guardia pontificia.
1430Muore. Sposa Margherita degli Ubertini, figlia di un conte Guidi.

 CITAZIONE

-“Served Venice since at least 1404 and whose peace time function was commander of the infantry garrison in Padua.” MALLETT

-“Probus et prudens vir.” Dal documento in cui gli viene riconosciuta la cittadinanza veneziana.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi