PIETRO DA ERBA

0
2729
Castello Beseno, Besenello
Castello Beseno, Besenello

Last Updated on 2023/12/10

PIETRO DA ERBA

  • 1493
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1477
Nov.FaenzaManfrediRomagna

Milita al servizio del signore di Faenza Carlo Manfredi. Galeotto Manfredi cerca di occupare il capoluogo: Pietro da Erba tira con la sua balestra contro il condottiero avversario. Alla caduta di Faenza segue Carlo Manfredi nel suo esilio.

1479
Apr.FirenzeChiesa NapoliToscana

Si trova nella chiesa di Santa Colomba a Firenze allorché sono consegnate a Roberto Malatesta le insegne del capitanato generale.

1482
……………..VeneziaFerrara NapoliRomagnaMilita agli ordini di Roberto Malatesta. Gli è concessa una provvigione annua di 100 ducati.
Lug.MarcheTransita per Fano. E’ diretto nel Lazio allo scopo di combattere gli aragonesi.
Ago.LazioPrende parte alla battaglia di Campomorto alla testa della sua compagnia di balestrieri a cavallo.
Sett.50 cavalli leggeriRomagnaRientra nel ravennate per affrontare nuovamente gli estensi.
1483Lombardia

Staziona nel bresciano alla testa di 3 squadre di stradiotti. E’ il primo condottiero nelle file della Serenissima ad avere il titolo di capitano dei balestrieri a cavallo.

1484
PrimaveraLombardia

Con Giovanni da Parma soccorre Manerbio per timore di un trattato a favore degli avversari; si scontra a Quinzano d’Oglio con gli sforzeschi che lo obbligano a ritirarsi.

Lug.LombardiaNel bresciano. Cattura Ranuccio da Marciano con 14 uomini d’arme. Lo conduce a Brescia.
1487
Lug.VeneziaAustria50 cavalli leggeriTrentino

E’ segnalato nei pressi di Riva del Garda;  depreda il territorio di Arco con Alessandro del  Turco, Giacomazzo da Venezia, Marco da Rimini e Giovanni dalla Riva. Dopo alcuni giorni di devastazioni di frutteti,  oliveti e  vigneti è assalito da 600 fanti usciti dalla località: tra gli avversari vi sono 144 morti (18 morti e 16 feriti fra i veneziani).

Ago.Trentino

Attacca e mette in fuga gli uomini del duca d’Austria in una scaramuccia. Affianca Roberto da San Severino nella sua offensiva. Allorché il capitano generale si rafforza sull’Adige Pietro da Erba muove con decisione su Rovereto. Con Lucio Malvezzi, Giovanni Greco e Giacomazzo da Venezia ha l’incarico di assalire gli austriaci con 30 cavalli leggeri e 100 tra balestrieri e picchieri. Attraversa di notte la montagna;  prende oltre il Noriglio un sentiero a mezza costa sulla destra del Leno; giunto a Serrada, piega per la Valle del Rossbach;  aiutato  dagli uomini di Folgaria ottiene il castello di Beseno; all’alba attacca un bastione di Castel Pietra. Deve ripiegare: tra i nemici sono uccisi 85 uomini. Dopo la battaglia di Calliano ha con Giacomazzo da Venezia il comando di 100 stradiotti.

1490VeneziaCapitano g.le cavalli leggeriOttiene il comando dei balestrieri a cavallo della Serenissima.
1493Muore. Il comando dei balestrieri a cavallo è conferito a Giovanni Greco.

NESSUNA CITAZIONE

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi