PIETRO DA BIRAGO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

PIETRO DA BIRAGO  Di Milano. Fratello di Galeazzo e di Andrea.

+ 1528 ( settembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1495
Giu. Milano Francia Lombardia

E’ segnalato a Vigevano.

1499
………….. Milano Francia
………….. Francia

Con la sconfitta dei ducali passa al servizio dei francesi.

1516
Ago.

Viene utilizzato da Gian Giacomo da Trivulzio come ambasciatore presso il re di Francia.

1518

………….. Lombardia

E’ eletto nel collegio dei 60 decurioni di Milano.

Ago. Francia

Il Lautre  chiede agli abitanti del ducato  la sovvenzione di 70000 scudi, di cui 25000 di spettanza degli abitanti di Milano. I cittadini fanno sapere di non essere in grado di far fronte a tale somma per cui inviano in Francia 4 loro ambasciatori. Tra costoro vi è anche Pietro da Birago.

1521
Ago. Francia Impero Piemonte

Ha l’incarico dal Lautrec di agevolare il passaggio dei venturieri francesi dal Delfinato in Piemonte.

1522
Gen.

Viene citato come ribelle del duca di Milano Francesco Sforza;  gli sono confiscati i beni.

1524
………….. Francia Impero Toscana

Ottiene dal sovrano francese il mandato di raggiungere a Firenze, con il Mothe-Gagnon, Giovanni dei Medici per indurlo ad accettare il soldo dei francesi.

Nov. 100 cavalli leggeri Lombardia

Prende parte all’ assedio di Pavia.

1525
Feb. Lombardia Piemonte

Si impadronisce nel pavese di 6000 ducati, inviati dal doge di Genova al campo imperiale. Scorta al campo francese 70000 ducati spediti dal papa Clemente VII. Partecipa alla battaglia di Pavia;  dopo la sconfitta, si unisce con il marchese di Saluzzo Michelantonio.

Nov.

Viene ancora inviato presso il Medici per indurlo a ritornare al servizio dei transalpini.

1526
Estate Francia Impero Ferrara Emilia

Staziona a Modena con 80 cavalli leggeri.

Sett. Emilia

Esce da Modena con i suoi uomini ed Ettore Giovenale (400 fanti). Si porta a Sorbara per ostacolare la traversata  del Secchia a 100 cavalli spagnoli ed a 100 archibugieri che vogliono introdursi nel bolognese. Insegue i nemici;  rafforzato dai cavalli leggeri di Bernardino Antignola, li mette in fuga (venti spagnoli catturati o uccisi). Rientra a Modena; se ne allontana con 100 cavalli e 300 fanti, raggiunge Correggio dove ha lasciato i prigionieri. E’ informato che costoro  sono stati  liberati dagli abitanti.

Ott. Lazio

Tocca Albareto, nel modenese;  da qui prosegue per Roma.

1527
Gen. Lazio

Viene inviato da Renzo di Ceri alla difesa di Frosinone con Giovambattista Savelli ed Alessandro Vitelli (1800 fanti) per impedire un attacco allo stato della Chiesa da parte del viceré di Napoli Carlo di Lannoy. Alla testa di 300 fanti e di alcuni cavalli esce dalla città con gli altri due capitani per sorprendere in un agguato ad Arnara  cinque insegne di fanti spagnoli: nello scontro sono uccisi 80 fanti nemici; molti  sono pure i prigionieri;  i pontifici vengono in possesso anche di due insegne.

Lug. Impero Francia Piemonte

Alla guardia di Alessandria.

Sett. Liguria

Fatto prigioniero in Alessandria, gli è dato un lasciapassare che gli permette di raggiungere Genova.

1528
Gen. Lombardia

Ha l’incarico di capitano della darsena di Pavia.

Feb. mar. Lombardia

Ottiene il comando di 1000 fanti  con due pezzi di artiglieria; si muove in soccorso dei difensori di Lecco. A fine mese si affiancano alle sue truppe anche Ludovico Barbiano da Belgioioso e Filippo Tornielli;  Antonio di Leyva con il resto dell’ esercito si accampa a Pioltello. Iniziano gli attacchi contro Musso, alla cui difesa si trova Gian Giacomo dei Medici. Si dirige, poi, verso Lecco con tali capitani alla testa di 2000 fanti (1200 italiani, 300 lanzichenecchi  e 650 spagnoli), 400 cavalli leggeri e quattro pezzi di artiglieria per gettare un ponte sull’Adda a Brivio e da qui penetrare nel bergamasco. Rientra nel pavese e cattura a Scaldasole Piero Giorgio di Ceri.

Mag. Lombardia

E’ inviato da Antonio di Leyva con 3000 fanti italiani, molti cavalli leggeri e sette pezzi di artiglieria  in Lomellina; occupa i ponti sul Po per rendere sempre più difficili i collegamenti tra l’esercito francese in Piemonte e le truppe dislocate nel regno di Napoli. Ottiene Broni, Bassignana, Casei e Stradella.

Giu. Emilia

A Pontecurone.  Con il  Belgioioso ed il Tornielli cerca  di ostacolare il passo ai veneziani condotti da Roberto da San Severino, da Carlo Malatesta da Sogliano e dal provveditore Francesco Contarini, i quali da Pizzighettone stanno puntando verso Alessandria per unirsi con i francesi del Saint-Pol.

Ago. Lombardia

Alla difesa di Pavia con il Belgioioso e l’Aponte.

Sett. Lombardia

E’ assediato in Pavia dal Saint-Pol e da Francesco Maria della Rovere. Alla guardia della darsena. Presto si rifugia nel castello con la moglie ed 800 uomini. Ferito da un colpo di archibugio ad una coscia, non vuole essere sollevato da terra affinché i suoi uomini, scoraggiati, non abbandonino la difesa. Muore dopo pochi giorni per le ferite riportate. Amico del poeta Bernardo Bellincioni.

 CITAZIONI

“Non conobbe paura, oprando sempre virtuossimamente.” DE’ CRESCENZI

Con Pietro Botticella “Capitani arditi e valenti.” TARCAGNOTA

“Le capitain Piedro Virago, lequel est un tres homme de bien et gran guerrier.” Dauna lettera di Antonio de Leyva all’imperatore Carlo V, riportata dallo ZAPPERI

Con Filippo Tornielli e Pietro Botticella, capitani della milizia degli “straccioni” “Era formata di 4000 uomini, per lo più milanesi, novaresi, pavesi, alessandrini e tortonesi, e dovunque si portavano seminavano il terrore e l’obbrobrio. Cavalli, bovi, vacche e contadini stessi, di tutto s’impossessavano e stringevano fra i ceppi gli stessi gentiluomini, sottoponendoli ad inauditi e vergognosi tormenti. Non pochi furono appesi alle travi o agli alberi legati ai testicoli, e a colpi di verghe e di aghi, fra i più dolorosi martirii, venivano spenti.” MAGENTA

Con Pietro Botticella “Che erano valorosi capitani.” CONTILE

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email