PIETRO ANTONIO ATTENDOLO Figlio di Micheletto

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

PIETRO ANTONIO ATTENDOLO Figlio di Micheletto, fratello di Raimondo. Signore di Gropparello.

+ 1480 ca.

Anno, mese

 

Stato, Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

1450

 

Lombardia

 

E’ armato cavaliere da Francesco Sforza in occasione dell’ insediamento di quest’ultimo al ducato di Milano.

1452

 

Firenze

 

Passa agli stipendi dei fiorentini con il padre ed il fratello Raimondo.

1453

 

Primavera/ estate

 

Milano

 

Venezia

 

200 cavalli

 

Lombardia

 

Milita agli stipendi di Francesco Sforza. Contrasta i veneziani e con il fratello Raimondo ha il comando di una squadra di lance spezzate (200 cavalli).

1454

 

Sett. ott.

 

200 cavalli

 

Emilia

 

Al termine del conflitto i cavalli della sua compagnia sono acquartierati nel piacentino.

…………………..

 

Piemonte

 

Si stabilisce con la famiglia nel feudo paterno di Pozzolo Formigaro.

1455

 

Primavera/estate

 

Emilia e Toscana

 

E’ inviato prima nel bolognese e poi  in Toscana al fine di controllare i movimenti di Jacopo Piccinino che si sta dirigendo verso il senese. In breve tempo rientra in Lombardia.

1458

 

Giu.

 

A metà mese si sposa con Lucrezia Fregoso, figlia di Spinetta. Riceve in tal  modo l’investitura di Gropparello nel piacentino.

1460

 

Lug.

 

Milano

 

Angip> Abruzzi

 

E’ inviato da Francesco Sforza in soccorso del re di Napoli Ferrante d’Aragona per combattervi i partigiani di Giovanni d’Angiò. Prende parte con la sua compagnia alla battaglia di San Fabiano/ San Flaviano.

1464

 

Ago.

 

Milano

 

Angiò Abruzzi

 

Agli ordini di Alessandro Sforza è segnalato all’assedio di Vasto.

1467
Mag.  

Abbandona la compagnia di Alessandro Sforza in occasione del conflitto tra veneziani e ducali.

1472

 

Lombardia ed Emilia

 

Peggiorano i suoi rapporti con il nuovo duca di Milano Galeazzo Maria Sforza;  fugge dal milanese. Si ritira nel feudo piacentino di Gropparello: è carico di debiti.  Più volte il suo possedimento gli è requisito dal duca di Milano. Nell’anno viene aggregato nel corpo delle  lance spezzate con Girolamo Guasco.

1474

 

Apr.

 

Oberato dai debiti verso alcuni ebrei di Piacenza, lascia la condotta per allontanarsi dalla Lombardia per potere così sfuggire ai creditori. Il duca gli sequestra il feudo di Gropparello che gli frutta 1200 lire imperiali. Pietro Antonio Attendolo ritornerà nel ducato negli anni successivi ed eserciterà i suoi diritti di feudatario sia nel tortonese che nel piacentino.

1480

 

Muore.

 

NESSUNA CITAZIONE

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articlePIERO ANSELMI
Next articlePIETRO MARIA ALDOVRANDINI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email