PAOLO DA ROMA

0
211

Condottieri di ventura

1638      PAOLO DA ROMA

+ 1450 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1430
Feb.FirenzeLucca Milano15 lanceToscana
Dic.Toscana

Sconfitto nella battaglia del Serchio è condotto a Lucca.

1433
Mag.ChiesaFortebraccioLazio ed Umbria

A Viterbo per rendere omaggio all’imperatore Sigismondo d’Ungheria. Segue Micheletto Attendolo contro le truppe di Niccolò Fortebraccio;  è inviato a Orvieto.

Lug.Lazio

E’ segnalato al’assedio di Vetralla.

1434FortebraccioChiesaLazio
1439
Giu.MilanoVeneziaVeneto

Milita come caposquadra nelle compagnie di Luigi dal Verme. Attacca a Verona Porta Vescovo: è catturato dentro il rastrello con altri uomini d’arme; nella scaramuccia vi sono quindici morti d’ambo le parti.

1443
Ago.MilanoBolognaEmilia

Partecipa alla battaglia di San Giorgio di Piano inserito nell’ avanguardia ed al comando di due squadre di lance di Luigi dal Verme. Catturato con Giovanni Villano è condotto a Bologna da Annibale Bentivoglio che lo fa rilasciare con le sue armi.

1447
Ott. dic.MilanoVeneziaEmilia

Milita agli stipendi della Repubblica Ambrosiana; sempre agli ordini di  con Luigi dal Veme appoggia Francesco Sforza all’assedio di Piacenza. Si colloca con il dal Verme ed Antonio di San Giovanni davanti alla Porta di Stralevata, in un primo momento tra il monastero di Quartizzola, Casalnuovo e la torre dei Ripalta, successivamente al monastero di Santa Maria in Galilea, alla Misericordia.

1449
Mar.SforzaMilanoLombardia

Prende parte agli attacchi contro  Monza;  presenzia al consiglio di guerra successivo all’ insuccesso dell’ impresa.

Sett.SforzaMilano VeneziaLombardia

Con la morte di Luigi dal Verme ottiene il comando della sua compagnia. Più tardi questa sarà presa in consegna dal figlio di Luigi, Pietro.

1450
Feb.Lombardia

All’assedio di Milano. Da Vimercate blocca la strada ai veneziani; impedisce ogni accesso di rifornimento alla città; dà il guasto alle terre finitime finché Milano non si arrende a Francesco Sforza. Muore probabilmente nello stesso anno.

 CITAZIONI

“Huomo di gran valore.” GHIRARDACCI