OTTAVIANO SIGNORELLI Di Perugia

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1858      OTTAVIANO SIGNORELLI  Di Perugia. Fratello di Bino Mancino. Nipote di Giampaolo Baglioni.

1491 – 1530 (maggio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1513  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Lazio

Si reca a Roma con Giampaolo e Sforza Baglioni per rendere omaggio al nuovo papa Leone X.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Venezia Spagna  

 

Veneto

E’ fatto prigioniero nella battaglia di Creazzo.

1515  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Veneto

Scorta da Perugia a Padova la moglie di Malatesta Baglioni che desidera raggiungere il marito che milita al servizio della repubblica veneta.

1522  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Comp. ventura Chiesa  

 

Umbria

Segue Francesco Maria della Rovere, Malatesta ed Orazio Baglioni contro i pontifici; con Filippo Ranieri e Febo di Teo affianca costoro all’attacco portato a Perugia alla Porta di Fontenova; respinto si ritira a Ponte Felcino.

1529  

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Perugia Impero  

 

Umbria
Sett. Firenze Impero 150 fanti Toscana

Ad Arezzo. Con l’avvicinarsi dell’ esercito avversario con Francesco del Monte a Santa  Maria spinge i fiorentini ad abbandonare il centro senza alcun tentativo di resistenza; per tale fatto è accusato di viltà dal capitano Jacopo Altoviti e dal podestà Mariotto Segni: un ammutinamento dei fanti, infine, costringe i fiorentini a lasciare la località.

Ott.  

 

 

 

 

 

Toscana

Si trasferisce alla difesa di Firenze alla testa della cavalleria perugina; colloca i suoi alloggiamenti alla Porta di San Pier Gattolini (Porta Romana).

Nov. Toscana Muove verso Borgo San Sepolcro per prestare soccorso a Napoleone Orsini in difficoltà di fronte all’azione di Alessandro Vitelli.
Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana

Presenzia alla rassegna delle truppe tenuta da Malatesta Baglioni al Monte di San Miniato. Ha il compito di sostenere da San Pier Gattolini Stefano Colonna nella sua azione a Santa Margherita a  Montici; contrasta gli imperiali agli ordini di Giovambattista Savelli, di Pirro Colonna e di Braccio Baglioni finché Malatesta Baglioni fa sfumare l’iniziativa facendo suonare in anticipo la ritirata.

1530  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Toscana

Chiede di essere inviato alla difesa di Volterra. Assalito durante la marcia nello scontro rimane ferito il Balordo e viene ucciso Niccolò da Sassoferrato. Si collega nella città con il commissario Francesco Ferrucci,

Mag.  

 

 

 

 

 

Toscana

Affianca Malatesta Baglioni nel suo vano attacco alla Colombaia; esce da San Pier Gattolini con Pasquino Corso e Giovanni di Torino. Ottaviano Signorelli viene ucciso nella ritirata  per un colpo di archibugio alla gola mentre sta cercando di risalire sulla sua cavalcatura per rientrare nelle trincee. Portato in Firenze muore dopo quattro giorni. trecento poveri della città, ciascuno con una torcia in mano, seguono le sue esequie. Il fatto d’armi in cui rimane ucciso è dipinto da Giorgio Vasari nel palazzo dei Principi di Toscana. Le sue spoglie sono trasferite a Perugia dai suoi parenti.

 CITAZIONI

“Fra Colonnelli Perugini huomo nobilissimo e valoroso molto.” GIOVIO

“Valoroso Perugino.” ULLOA

“Illustre Capitano..Nobile perugino e capitano espertissimo.” VERMIGLIOLI

“Seguita dopo questi il Signorello/ Ottaviano, al mondo novo Marte/ ha tutta bianca la sua insegna, quello/ poi una traversa negra la disparte/ in mezzo e poi ritratto: un grande uccello/ ch’un altro ha sottomesso con grand’arte/ demostra: ch’ha speranza anchora, lui/ cacciar al basso: l’inimici sui:/…/ Come potrò lodar tanto che baste/ quel gran Marcello, o, novo Scipione,/ no’ par ch’el nome suo macule , o guaste/ Della vittrice antiqua natione/ Octavian, che le sue inimice haste/ a terra spinge, e Italia in pace pone/ solo aggionto il cognome, Signorello/ denota l’alto ingegno, e suo cervello.” ROSEO

“Di fatto uno dei migliori guerrieri del secolo XVI.” ADEMOLLO

“Che era uno de più bravi Capitani, che havessero i fiorentini.” LAZARI

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email