ORSO ORSINI Conte di Nola

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1326      ORSO ORSINI  Conte di Nola, conte e marchese di Atripalda, conte di Soave. Duca di Ascoli . Signore di  Lauro, Avella, Palma Campana, Montefredane, Ottaviano, Atripalda, Monteforte Irpino, Forino, Baiano,Castelnuovo, Cicciano, Striano in Campania; di Ascoli Satriano in Puglia; di Fiano Romano, Morlupo, Felicciano nel Lazio. Figlio naturale di Gentile, padre di Napoleone e di Roberto, genero di Dolce dell’Anguillara.

+ 1479 (luglio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

………….. Napoli  

 

 

 

 

 

Milita al servizio del re Alfonso d’Aragona.

1439
Ago. Sforza Napoli 12 lance Abruzzi Entra nella compagnia di Micheletto Attendolo con dodici lance per contrastare gli aragonesi. Gli sono consegnati 320 ducati. Il contratto è firmato nella chiesa di San Pantaleone, dietro l’altare, nelle vicinanze di Altavilla nel teramano.
1440  Giu. Firenze Milano Toscana A fine mese, agli ordini dell’  Attendolo, prende parte alla battaglia di Anghiari. Nel periodo i colori della sua divisa sono cremisi, verde, nero ed oro.
………….. Venezia Milano Lombardia Nel corso dell’anno lascia la compagnia dell’Attendolo per passare agli stipendi dei veneziani
1441 Venezia Milano  60 cavalli Lombardia Ha il comando di 60 cavalli.
1443 Sforza Chiesa Napoli  

 

 

 

Agli stipendi di Francesco Sforza.

1447  

 

 

 

 

 

 

 

Nov. Milano Venezia  

 

Emilia

Al soldo della Repubblica Ambrosiana. Partecipa alla conquista di Piacenza; rimane ferito in un’azione.

1448  

 

 

 

 

 

 

 

Sett.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Prende parte alla battaglia di Caravaggio.

1449  

 

 

 

200 cavalli Lombardia

Alla morte del suocero Dolce dell’Anguillara gli è concessa una condotta di 200 cavalli.

1450  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Venezia Sforza 100 lance Lombardia

A Caprino Bergamasco dove stipula una condotta con il provveditore Andrea Dandolo: la ferma è stabilita in sei mesi più altri sei di rispetto. La sua militanza a favore della Serenissima durerà un decennio.

1451  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli è rinnovata la condotta per un anno di ferma e sei mesi di rispetto.

1452  

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Venezia Milano  

 

Lombardia

Combatte le truppe dello  Sforza divenuto duca di Milano. Lascia Porzano con Jacopo Piccinino;  sconfigge nelle vicinanze Bartolomeo Colleoni e Donato del Conte.

Nov.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Viene battuto dallo Sforza nei pressi di Manerbio.

1453  

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Compie alcune scorrerie nel territorio di Gottolengo con il Pollone e Grande Albanese;  contrasta gli avversari ad Alfianello con Bertoldo d’Este

Lug.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Segue Carlo di Montone fino alle porte di Pavone: attaccato dagli sforzeschi, provenienti da Pralboino, mette in fuga gli avversari cui cattura sedici cavalli. Cerca invano di soccorrere Ghedi.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ inviato con 300 cavalli in difesa di Breda: i cremonesi che assediano la località si danno alla fuga  lasciando nelle mani dei veneziani molti prigionieri ed una bombarda. Orso Orsini costruisce nei pressi una bastia; si collega con Matteo da Capua ed Anastasio da Sant’Angelo (3000 cavalli e 1000 fanti) ed assale Castelleone. Viene subito affrontato da Sacramoro da Parma, Corrado da Fogliano e da Donato del Conte. Sconfitto, si rifugia con Matteo da Capua a Crema.

1456  

 

 

 

 

 

 

 

Dic.  

 

 

 

 

 

Veneto

A metà mese gli è riconosciuto uno speciale contributo per cui  trasferisce i suoi famigliari nel veneziano.

1458  

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Veneto

In occasione della elezione a doge di Pasquale Malipipiero partecipa a Venezia ad una giostra nella quale con Ludovico Malvezzi ha il comando di una squadra; si batte con quella condotta da Bertoldo’Este e da Antonello da Corneto. Si tratta di una finta battaglia per il possesso di un castello di legno eretto in piazza San Marco. La palma della vittoria spetta alla squadra di Bertoldo d’Este.

Nov.  

 

 

 

 

 

 

 

Parte per la Puglia dove è stato chiamato dal principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo. Prima di allontanarsi dal veneziano promette solennemente di non offendere per sei mesi alcun alleato o aderente della Serenissima, in particolare il re di Napoli Ferrante d’Aragona.

1459  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

101 lance

 

Puglia

Raggiunge via mare Bisceglie con la sua compagnia.

………….. Taranto Napoli  

 

 

 

1460  

 

 

 

 

 

 

 

Lug.  

 

 

 

 

 

Campania

Partecipa alla battaglia di Sarno. Nello scontro ha modo di battersi con Roberto Orsini.

1461  

 

 

 

 

 

 

 

Estate  

 

 

 

400 cavalli Campania

E’ inviato con 400 cavalli e molti fanti alla difesa di Nola da dove effettua numerose scorrerie nei territori di Napoli, Aversa ed Acerra. Con la sua strenua attività bellica costituisce una spina nel fianco del fronte aragonese.

Ott.  

 

 

 

 

 

Campania

Al campo di Giovanni d’Angiò con Jacopo Galeota, Cola di Monforte e Giacomo Montagano.

Dic. Napoli Angiò  

 

Campania

Con la caduta di Gesualdo e di Paterno si trova isolato dalle forze angioine. Defeziona nel campo aragonese a causa delle crescenti difficoltà di vettovagliare i centri di cui è stato preposto alla difesa. per tale motivo è costretto anche ad espellere 600 abitanti dalla città. La sua decisione è agevolata da un colloquio che ha con il cardinale di Ravenna, il legato pontificio Bartolomeo Roverella, che gli promette la contea di Nola. L’Orsini, che da giovane è stato espropriato dei beni paterni dal principe di Taranto, accetta l’occasione che gli viene proposta: si reca a Napoli, giura fedeltà al re Ferrante d’Aragona e passa al suo servizio. Ottiene la contea di Nola  con i feudi di Lauro, Baiano, Avella, Palma di Campania, Atripalda, Cicala, Monteforte Irpino, Forino, Montefredane ed Ottaviano.  Rimane in Terra di Lavoro con tre squadre di cavalli.

1462  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Campania

Ha in feudo anche Atripalda con il titolo di conte; in contraccambio si obbliga di consegnare al re di Napoli Somma Vesuviana, Arpaia ed altre terre.

Feb. mar.  

 

 

 

 

 

Campania

Assedia e conquista Sarno che il re gli ha promesso in feudo.

Giu.  

 

 

 

 

 

Campania

Invade il contado di Grottaminarda con Roberto da San Severino, Antonio Piccolomini, Bernabò da San Severino ed il re di Napoli alla testa di quarantacinque squadre di cavalli.

Lug.  

 

 

 

 

 

Puglia

Riceve del denaro da Ferrante d’Aragona e mette in ordine le proprie compagnie. Subito dopo assedia Accadia difesa da una forte guarnigione.

Ago.  

 

 

 

 

 

Puglia

Accadia cade sotto il tiro delle bombarde: nel saccheggio sono uccisi 50 uomini pari alla metà dei difensori. Sempre nel mese sono sconfitti a Troia Jacopo Piccinino e Giovanni d’Angiò. Con il sovrano comanda una piccola schiera che attacca un’altura vicina al colle su cui si sono riparati i nemici.  Costoro si spaventano e si danno alla fuga allorché si rendono conto di subire un assalto avvolgente portato su quattro direttrici.

1463  

 

 

 

 

 

 

 

Con l’uccisione del principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo ottiene che le  milizie ed i  sudditi di quest’ultimo passino all’ obbedienza aragonese. Viene insignito dell’ordine dell’ Ermellino.

1464  

 

 

 

 

 

 

 

…………..  

 

 

 

 

 

Puglia

Gli è concesso il ducato di Ascoli Satriano.

Sett.  

 

 

 

 

 

Lazio

E’ scelto da Deifobo dell’ Anguillara da un lato, e da Andrea e da Jacopo Conti  dall’altro come arbitro per le loro controversie.

Ott.  

 

 

 

35 uomini d’arme pari a 351 cavalli

 

 

 

Ferrante d’Aragona disarma i baroni sequestrandone le milizie. L’azione si configura inizialmente (giugno) come una riorganizzazione delle truppe dei ribelli assoldate dalla corona dopo la loro resa. Nell’autunno il re di Napoli decide di avocare a sé, a titolo della propria sicurezza e di quella dello stato, l’esclusivo esercizio delle armi del regno. L’Orsini rinuncia ad un comando autonomo; resistenze sono opposte invece da Giulio Acquaviva e da Matteo da Capua.

1467  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Napoli Venezia  

 

Romagna

Affronta i veneziani di Bartolomeo Colleoni ed i fuoriusciti fiorentini. Segue Federico da Montefeltro ed il duca di Calabria Alfonso d’Aragona in Romagna con 4000 cavalli e 2000 fanti. Si accampa a Cosina e devasta il faentino.

Mag.  

 

 

 

 

 

Emilia

Colloca i suoi alloggiamenti sull’Idice.

Lug.  

 

 

 

 

 

Emilia

Prende parte alla battaglia di Molinella: catturato nel corso dello scontro è liberato in cambio di Costanzo Sforza.

Ago.  

 

 

 

 

 

Emilia e Toscana

Lascia il campo e rientra nel regno con il duca di Calabria e quaranta squadre di uomini d’arme; giunge presso Viterbo ed alloggia ad Acquarossa. Da tale località invia alla difesa di Tolfa 100 fanti comandati da Antonello da Campobasso.

1468  

 

 

 

 

 

 

 

…………..  

 

 

 

 

 

Campania

Viene nominato marchese di Atripalda con i feudi di Monteforte Irpino, Montefredane e Porino.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lazio

Si trova coinvolto con Roberto Orsini in un processo che gli è  intentato dal papa Paolo II per l’acquisto di Tolfa da parte di Ludovico Orsini: il pontefice acquista, infine, la località e l’Orsini verrà assolto da ogni crimine l’anno successivo.

1472  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Campania

A Napoli, quando Ferrante d’Aragona stipula con i veneziani l’alleanza ai danni dei turchi.

1473  

 

 

 

 

 

Campania

E’ chiamato a far parte del consiglio regio.

1477 Napoli Firenze Toscana Dedica a Ferrante d’Aragona il trattato “Governo et exercitio de la militia”. Affianca in Toscana contro i fiorentini il duca di Calabria Alfonso d’Aragona, di cui l’Orsini ha l’incarico di consigliere personale.
1478  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Napoli Firenze  

 

Toscana

Ha il comando con Virginio Orsini di tredici squadre di cavalli nella guerra contro i fiorentini.

Sett.  

 

 

 

 

 

Toscana

Prende parte all’assedio di Monte San Savino.

1479  

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Lazio

Si ammala a  Corneto (Tarquinia).

Lug.  

 

 

 

 

 

Lazio

Si trasferisce a Viterbo dove muore (probabilmente per coliche renali) ai primi del mese nel palazzo del cardinale  Niccolò Forteguerra. In punto di morte raccomanda i due figli al duca di Calabria. Costruisce a Napoli un palazzo nei pressi di Castel Capuano, detto di Santa Maria del Rifugio. Sposa Elisabetta dell’Anguillara, figlia di Dolce, e Rita Sanguigni.

 CITAZIONI

“Noto, soprattutto, per il suo scritto “Governo ed exercitio de la militia”, che a M. Jaehns parve più importante della stessa famosa opera del Valturio, “De re militari”, per la conoscenza della prassi guerresca italiana prima della venuta di Carlo VIII. Esso è un vero progetto d’esercito permanente di 20000 uomini (di cui 12000 a cavallo), presentato al re Ferdinando nel gennaio 1477.” PIERI Il costo previsto è di 470000 ducati, la metà circa delle entrate lorde del regno di Napoli. Nel progetto di Orso Orsini, accanto a 2000 lance a cinque o sei cavalli, vi sono mille balestrieri, costituenti corpo a sé, in piccole unità ternarie. Propone pure per il suo esercito due sole grosse bombarde: con proiettili di pietra da 300 e 200 libbre, ma d’un solo pezzo, anziché di tre, con cannone e culatta di maggiore spessore, scaglianti il proiettile con maggiore forza di penetrazione.

“I trattati di Diomede Carafa e Orso Orsini ci dicono parecchio sui concetti cardine a cui si ispirava la condotta della guerra al loro tempo. Entrambi danno risalto al bisogno di usare prudenza e cautela; entrambi consigliano di evitare la battaglia se le circostanze non si presentano proprio favorevoli; entrambi si rivelano ammiratori della scuola militare sforzesca e, almeno in questo aspetto, non rispecchiano tutti i comportamenti osservabili nelle guerre italiane del loro tempo. Infatti, i bracceschi puntavano di più sulla rapidità, sulla mobilità e l’urto decisivo. Di fatto però le due scuole – braccesca e sforzesca – si muovevano entro lo stesso quadro di riferimento. Vale a dire: il concetto fondamentale che stava alla base della tattica bellica italiana era “difendersi e contrattaccare”. Talvolta la controffensiva poteva essere rimandata troppo a lungo per ragioni di eccessiva cautela, ma non succedeva spesso. La prima ed imprescindibile preoccupazione di un comandante italiano, quando era in guerra, era di avere una base solida e sicura, una fortezza o una fortificazione campale che lo ponesse al riparo da qualunque sorpresa del nemico. Da tale base egli poteva fare sortite fulminee per rapinare o distruggere, indebolendo così lo stato del nemico e provocando anche il suo esercito a qualche mossa falsa. Avvalendosi di una conoscenza superiore tanto del nemico, tramite le spie, quanto del terreno, egli sperava di cogliere il successo con la rapidità dei suoi movimenti e la mobilità e disciplina dei suoi soldati. Questa era la teoria di base. Dunque, era una realtà militare in cui avevano una parte da svolgere fattori diversi: le spie e gli informatori, lo stratagemma e l’inganno, le fortificazioni campali e le defatiganti marce forzate.” MALLETT

“Ne’ suoi dì fu eccellentissimo capitano.” PORZIO

“Fu soldato di gran valore e di molta dottrina, e compose un trattato “Del Governo et exercitio della militia”, che nel 1477 dedicò al re Ferrante, e che inedito si vede nelle biblioteche del re a Parigi, e in quella di Cesare Saluzzo a Torino.” LITTA

“D’animo fermo, di fida amicitia, di fiorito ingegno e di molta prudenza, di singolar valore, avventuroso nelle battaglie, pronto di mano, cauto nel consigliare, e nel deliberare non precipitoso, e del tutto lontano d’ogni sorte di simulatione, ed ambitione parimente.” SUMMONTE

“Militaris discipline clarissimus vir.” GHERARDI

“Di animo costante, di fida amicitia, di grande ingegno e di maturo consiglio, valoroso molto, nelle battaglie avventuroso, nel consigliar cauto e nel deliberare non temerario, il quale si come non era simulatore, così parimente non si scorgea in lui segno di ambitione.” PONTANO

“Dux, et animo et sanguine Ursino clarissimus..Nequaquam suis a majoribus degeneravit..Duce quidem magnanimo.” PORCELLIO

“Orso fu valoroso.” GAMURRINI

Con Roberto Orsini “Alfonsi (d’Aragona) duci clarissimi.” ALBINO

“Il suo trattato è inteso ..a dimostrare che la forza delle milizie non è strettamente funzionale al numero, ma dipende da un lato dall’efficienza dell’organizzazione, dall’altro dalla congruità delle dimensioni numeriche con i mezzi finanziari realmente disponibili. Non è la moltitudine.. che determina il successo dell’esercito in campo, e non è nemmeno, per quanto importante, l’ardimento o l’autorità del comandante, ma è piuttosto l’organizzazione, la razionale e meticolosa preparazione, la capacità previsionale.” COVINI

Con Napoleone Orsini, Everso dell’Anguillara, Antonio Caldora “Tutti huomini di grandissima sperienza nelle cose della guerra.” DE LELLIS

Con Niccolò da Pisa, Micheletto Attendolo, Bosio Sforza, Troilo da Rossano “Tucti capitani e homini degnii.” BROGLIO

“Seguace della scuola sforzesca che s’ispirava alla strategia logoratrice (intesa anche in senso politico), elaborò formulazioni dettate dalla sua esperienza personale e propose un progetto di organizzazione militare che alla luce dei più recenti studi sulle innovazioni introdotte nel Regno in età ferrantina risulta in consonanza con i quadri teorici delle riforme perseguite dal re e miranti alla costituzione di un esercito demaniale permanente..Ottenuto il dominio di Nola, ampliò e restaurò con magnificenza l’edificio già esistente, senza peraltro poter portare a termine prima della morte la residenza, definita la “regia”, che indubbiamente veniva progettata a rappresentare il suo nuovo status anche in rapporto alla città. per la facciata settentrionale del palazzo utilizzò i marmi del vicino anfiteatro romano ..Portando avanti un progetto di ristrutturazione urbanistica spostò l’ubicazione del macello e ampliò il mercato, e concluse i lavori alla basilica dell’episcopio, già iniziata da Raimondo Orsini.” VITALE

“Capitano di fama..Fu uno dei rappresentanti di spicco della schiatta mercenaria Orsina, “in re militari clarissimus”, autore di un prezioso trattato di organica militare..L’originale opera dell’Orsini, scritta nel ’76 e dedicata al “Governo et exercitio de la militia”, costituisce un’inedita trattazione di organica e logistica militare, in cui, per la prima volta vengono valutati tutti i fattori compositivi utili per la definizione di un dispositivo militare di sicuro impatto operativo (qualità di corpi combattenti e loro ordinamento, distribuzione delle forze nelle unità operative di cavalleria e fanteria, dimensioni di queste).” STORTI

“La corte di Orso era cospicua. Il barone manteneva circa ottanta “boche et persone de casa” ed erogava provvigioni per 2076 ducati, senza contare i vestiti e i panni distribuiti a dipendenti e famigli, i quali erano acquistati presso il fondaco degli Strozzi. A parte vanno considerati i salari dei 20 ufficiali (per 1422 ducati)..A Napoli, Orso, abitava, almeno a partire dal 1465, in un palazzo della regione di sedile di Porto, tra l’attuale via Mezzocannone e la chiesa di S. Giovanni Maggiore. Il palazzo..fu abbattuto a fine ‘800 per ampliare la strada..(L’Orsini) lo acquistò il 9 aprile 1471 per 4000 ducati, una somma che era il doppio del focatico dovuto alle sue terre..I lavori di Orso nella sua “reggia” a Nola e i suoi interventi urbanistici parlavano il linguaggio del Rinascimento europeo. In quegli anni, quella città fu caratterizzata da una notevole ricchezza culturale testimoniata dal “De Nola” di Ambrogio Leone.. In un armadio della residenza napoletana di Orso Orsini c’erano 36 libri..Si tratta  di 23 manoscritti, dei quali solo due in carta, e di 13 volumi a stampa, cui va aggiunta una carta nautica..Orso non fu solo un committente di opere d’arte, un lettore, un trattatista, ma anche un oculato amministratore e un prezioso consigliere del re. Il suo registro patrimoniale..testimonia l’attivismo negli investimenti produttivi, commerciali e finanziari.” SENATORE

 

BIOGRAFIE SPECIFICHE

Francesco Senatore. Nella corte e nella vita di Orso Orsini conte di Nola e duca d’Ascoli.

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleORSO ORSINI
Next articleORSO ORSINI Conte di Pitigliano
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email