OBIZZINO MALASPINA Marchese di Villafranca

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

OBIZZINO MALASPINA  Marchese di Villafranca.

Signore di Villafranca Piemonte.

  • 1370 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1356

Gen.MilanoMonferrato 

 

Piemonte

Ricopre l’incarico di podestà di Asti al posto di Giovanni di Bileggio. Contrasta le truppe del marchese Giovanni di Monferrato. Quando la città cade in potere degli avversari, si rifugia nella cittadella con Manfredo di Saluzzo;  è costretto alla resa dopo alcuni giorni di assedio.

Ago. 

 

 

 

 

 

Piemonte

A Cherasco con 400 uomini;  recluta cernite locali e provvede alla difesa di Bra.

1357

Gen. 

 

 

 

 

 

Piemonte

Si trova ancora alla guardia di Cherasco.

1358
……….MilanoNapoliCapitano g.lePiemonte
Dic. 

 

 

 

 

 

Piemonte

Si accorda con il marchese di Saluzzo per recuperare quanto gli è stato conquistato in precedenza dal siniscalco angioino di Provenza.

1359

Mag.MilanoNapoli Monferrato 

 

Piemonte

Devasta l’astigiano con 100 cavalli.

Estate 

 

 

 

 

 

Piemonte

Si fa consegnare Centallo;  sostiene ancora il marchese Federico di Saluzzo ai danni di angioini e monferrini.

1364

……….SienaComp. venturaCapitano di guerraToscana

Viene nominato capitano di guerra al posto di Francesco Orsini.

Ott. 

 

 

 

 

 

Toscana

E’ dato in ostaggio dai senesi ad Alberto Sterz con altri cinque cittadini fino al completo esborso  alla “Compagnia Bianca” della taglia di 26000 fiorini imposta dai venturieri al comune.

1367

Dic.Pisa 

 

 

 

Toscana

Partecipa ad un convegno ad Arezzo teso ad organizzare una lega tra gli stati italiani per combattere le compagnie di ventura.

1369
Ago. 

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ armato cavaliere a Modena dall’ imperatore Carlo di Boemia.

1370

Muore.

  CITAZIONI

-“Uomo di grande attività e valentia militare, tantoché, sebbene non fosse troppo fortunato, fu lasciato parecchi anni al comando delle forze viscontee in Piemonte.” GABOTTO

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleNOLFO DA MONTEFELTRO
Next articleODDO DI MONTONE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email