NICOLA FARNESE

0
1852

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

NICOLA FARNESE  Signore di Farnese, Canino, Isola Farnese e Cellere.

Padre di Piero e di Ranuccio Farnese.

  • 1400 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1342FarneseOrvietoUmbria

Orvieto ordina alcune rappresaglie nei suoi confronti per il furto di numerose pecore nei pascoli di Ancarano ed anche perché, nell’anno precedente, ha razziato altro bestiame nella pieve di San Donato.

1346
Mag.FuoriuscitiOrvietoUmbria

Penetra con 300 fanti in Orvieto con Ugolino da Montemarte, Tommaso d’Alviano e Cataluccio da Bisenzo; si impadronisce della Porta Pusterla  costringendo Benedetto  Monaldeschi della Vipera a fuggire dalla città.

………UmbriaContinua a prendere parte alle lotte di fazione che infestano Orvieto. Contrasta i Monaldeschi dell’Aquila.
1359ChiesaUrbinoMarcheMilita agli stipendi del legato pontificio, il cardinale Egidio Albornoz. Assale nelle sue terre il signore di Urbino Nolfo da Montefeltro.
1360
Gen.ChiesaMilanoEmiliaSi trasferisce con il figlio Piero alla difesa di Bologna: entra in città per la Porta di San Felice.
Mar.Emilia

Prende possesso   di Bologna, ceduta allo stato della Chiesa da Giovanni Visconti da Oleggio. Con Gomez Garcia continua ad affrontare le truppe del signore di Milano Bernabò Visconti che  assediano la città.

1361
………RomagnaCon il figlio Piero ha il compito di recuperare allo stato della Chiesa Lugo, Bagnacavallo e Solarolo, località controllate da Giovanni Manfredi.
Giu. lug.Emilia

Entra nottetempo in Bologna per la Porta di San Donato con Galeotto Malatesta ed il figlio Piero. Presto ne esce per indurre Francesco Ordelaffi ad allontanarsi dal resto dell’ esercito visconteo per portare un’ incursione diversiva nel riminese. A luglio partecipa alla battaglia di San Ruffillo.

1362
………RomagnaCon il figlio Piero lotta contro i viscontei nei territori di Lugo e di Tossignano.
Nov.EmiliaAlla difesa della bastia di San Felice posta su un ponte del Reno nei pressi di Bologna. Respinge gli attacchi portati dagli avversari.
1367ChiesaViterboLazio

Con Niccolò Orsini soccorre in Viterbo il papa Urbano V a seguito della rivolta nella città contro i pontifici.

1380
Mag.AntipapaOrvietoUmbriaAffianca i partigiani dei muffati (o beffati)  irrompendo in Orvieto attraverso alcuni cunicoli scavati presso la chiesa di San Giovanni. Gli insorti si riversano nella piazza del Carmine ed hanno facilmente la meglio sui pochi mercorini (membri della fazione avversa ai muffati) presenti. I più, con il vicario Guglielmo Maramaldo, si rifugiano nella rocca. I muffati occupano il Palazzo Pubblico e suonano la campana di Sant’Andrea. Al segnale Rinaldo Orsini scende con Guglielmetto della Sala e la Compagnia di San Giorgio dalla parte di Bolsena. Viene assediata la rocca. Guglielmo Maramaldo, malgrado che  disponga di numerose vettovaglie, si arrende quasi subito. I mercorini sono lasciati uscire e si rifugiano a Corbara presso Ugolino da Montemarte.
1382UmbriaAlla guardia di Orvieto con Bernardo della Sala.
1383Antipapa AngiòChiesa NapoliLazio  Campania e Umbria

Assedia Montefiascone; combatte nel regno di Napoli a favore di Luigi d’Angiò e dell’antipapa Clemente VII. Si collega con il prefetto Giovanni di Vico, Corrado Monaldeschi, i muffati di Orvieto ed i ghibellini di Todi; entra nel todino ed attacca in Castelfranco i degli Atti.

1387
………FarneseMontemarteLazioPrende le armi contro Ugolino da Montemarte. Si impossessa di Piansano dopo averne ucciso il castellano.
………LazioSi unisce con i Gatti ed irrompe in Civitavecchia ai danni dei pontifici del papa Urbano VI. Affronta Nicola Orsini che ha conquistato Orvieto.
1388Umbria

Guida i suoi soldati all’ attacco contro Orvieto; si piazza al Petroio con i bretoni, assale la bastia di San Lorenzo in Vigna ed impedisce che nella città vi possano entrare vettovaglie

1389UmbriaAlla morte del papa Urbano VI espelle i muffati da Orvieto.
1390FarneseFarneseUmbriaInterviene ad Isola Farnese. Libera i figli di Ranuccio Farnese catturati da Giovanni e da Sciarra Farnese coadiuvati dal conte di Pitigliano Bertoldo Orsini.
1392
Lug. ago.AntipapaChiesaLazio

Spalleggia Luca e Monaldo Monaldeschi e la compagnia dei bretoni al recupero della rocca di Bolsena;  cattura  il castellano Jacopuccio della Terza, detto Peccia e signore di Montalfina.  Costui cede la rocca tradendo i pontifici e Francesco da Montemarte, capo della fazione dei mercorini. Il castellano, più tardi, morrà in carcere dopo avere confessato la trama  che lo ha visto coinvolto con alcuni Monaldeschi della Cervara.

1395UmbriaIl papa Bonifacio IX mette pace in Orvieto tra i membri delle due fazioni.
1400Nicola farnese rinnova con altri baroni il giuramento di fedeltà allo stato della Chiesa. Muore probabilmente nello stesso anno.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi