NICOLA COLONNA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

NICOLA COLONNA  Signore di Palestrina,  Zagarolo, Gallicano nel Lazio, Lanuvio, Genzano di Roma, Frascati, Marino, Gallese, Castelnuovo di Porto, San gregorio da Sassola, Passarano, Corcolle, San Vittorino. Padre di Stefano, fratello di Giovanni.

+ 1410 (agosto)

Anno,mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1391  

 

 

 

 

 

Lazio

Stipula una tregua con Adinolfo ed Aldobrandino Conti.

1392 Antipapa Chiesa  

 

Lazio

Con il fratello Giovanni sobilla il popolo di Roma contro il papa Bonifacio IX che è costretto a fuggire dalla città.

1393  

 

 

 

 

 

Lazio

Si unisce con Braccio Savelli;  si impadronisce di Genzano di Roma ai danni dell’abbazia di Sant’Anastasio. La località rimane sotto il controllo dei due signori romani per qualche tempo.

1394  

 

 

 

 

 

 

 

Autunno Colonna Chiesa  

 

Lazio

Si ritira nella Campagna romana allorché il pontefice rientra nella capitale con l’appoggio delle armi di Mostarda da Forlì e di Paolo Orsini.

1395  

 

 

 

 

 

Lazio

Diviene raccomandato dai fiorentini con la città di Palestrina.

1396 Antipapa Chiesa  

 

Lazio

Con Giovanni Colonna e Paolo Savelli parteggia per l’antipapa Benedetto XIII ai danni di Bonifacio IX. Fa insorgere Trastevere. La rivolta è repressa e per punizione i trasteverini perdono i diritti civili. Il Colonna si rappacifica con il pontefice insieme con tutti i parenti e si impegna a non svolgere attività mercenaria per tre anni.

1399 Antipapa Chiesa  

 

Lazio

Riprende il conflitto con i pontifici a favore sempre dell’antipapa Benedetto XIII, lo spagnolo Pietro di Luna. Nello stesso periodo rinuncia a Genzano di Roma a favore di Braccio Savelli.

1400  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Lazio

Approfitta della presenza di molti pellegrini in Roma per irrompere di notte nella città per la Porta del Popolo con 400 cavalli e 400 fanti; corre al Campidoglio ed attacca la rocca. Bonifacio IX si rifugia in Castel Sant’ Angelo. Il senatore di Roma, il veneziano Zaccaria Trevisan gli oppone una coraggiosa resistenza; anche il popolo non segue i Colonna. Il Colonna è affrontato da Conte da Carrara che lo costringe a ritirarsi a Palestrina dopo avere subito molte perdite. Dei suoi uomini, trentuno sono impiccati.

Mag.  

 

 

 

 

 

Lazio

E’ scomunicato dal papa non solo per l’adesione all’antipapa, ma anche per avere incarcerato l’amministratore della chiesa di Palestrina. Tutte le località controllate dai Colonna sono colpite da interdetto e viene predicata la crociata. 2000 cavalli pontifici e milizie ausiliarie inviate dal re di Napoli si raccolgono sotto il comando di Teobaldo Annibaldi.

………………..  

 

 

 

 

 

Lazio

Gli sono conquistati molti castelli; Palestrina, invece, resisterà fino al successivo inverno.

1401  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Lazio

Si sottomette al pontefice: con una corda al collo implora clemenza a Roma, in San Pietro; riconosce di avere peccato e di essersi comportato da ribelle. Ottiene in cambio la concessione di Gallese e di Porto d’Arcelle nella diocesi di Civita Castellana dietro il censo di un cervo vivo e di due fagiani da consegnarsi il giorno di Natale.

1404  

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Colonna Orsini  

 

Lazio

Alla morte di Bonifacio IX riprende le armi con Giordano e Giovanni Colonna e Battista Savelli; si scontra con gli Orsini per le strade di Roma. Presso il palazzo dei Rossi è sconfitto Francesco Orsini, accorso in aiuto del senatore Bente Bentivoglio. E’ invocato l’intervento del re di Napoli Ladislao d’Angiò. Il sovrano si fa promotore di una pace fra le fazioni per mettere in grado di controllare la situazione al nuovo papa Innocenzo VII.

1405  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Colonna Annibaldi  

 

Lazio

Assale Molara nei Monti Latini; occupa Rocca di Papa e devasta il circondario. La pace è conclusa su intervento di Bartolomeo Carafa che agisce per conto del pontefice.

Ago. Napoli Antipapa  

 

Lazio

Viene sconfitto con altri condottieri napoletani ai Prati di Nerone. E’  obbligato ad allontanarsi da Roma con Battista Savelli.

1406  

 

 

 

 

 

 

 

Giu Napoli Chiesa  

 

Lazio

Innocenzo VII emana un breve contro di lui, il fratello Giovanni, Conte da Carrara, Gentile da Monterano e Ciucio da Paterno. La vicenda si risolve dal punto di vista diplomatico e può rientrare a Roma.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lazio

Al termine del conflitto è compreso nella pace stipulata tra il pontefice ed il re di Napoli.

1407  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Napoli Chiesa  

 

Lazio

E’ in guerra con Gregorio XII. Penetra di notte in Roma con le truppe napoletane attraverso una breccia aperta nelle mura presso Porta San Lorenzo. Il papa ripara in Castel Sant’Angelo; Paolo Orsini discende da Castel Varca, irrompe in Vaticano ed affronta i nemici presso la porta di cui il Colonna è preposto alla guardia. E’ fatto prigioniero con il fratello Giovanni, Antonio Savelli, Jacopo Orsini e Corradino di Antiochia. Mentre egli può riscattarsi con il congiunto dalle mani dell’Orsini mediante il pagamento di una taglia di 15000 fiorini e la cessione di molti castelli, altri baroni romani meno importanti sono decapitati in Campidoglio.

1408  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Lazio

Espugna Ostia e penetra in Roma dopo un assalto alla Porta di San Paolo. Paolo Orsini, in conseguenza dell’azione dell’esercito napoletano, è costretto ad abbandonare la causa di Gregorio XII per quella di Ladislao d’Angiò. A fine mese il Colonna presenzia con gli altri capitani ed il sovrano ad una solenne cerimonia che si svolge nel palazzo di San Paolo fuori le mura. Ottiene in feudo Marino.

Giu.  

 

 

 

 

 

Lazio

Il re di Napoli  lascia Roma; al Colonna è ordinato di abbandonare la città con i Savelli fino al suo ritorno.

1409  

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Napoli Antipapa  

 

Lazio

Con il fratello Giovanni e Battista Savelli difende Roma dagli assalti dell’esercito angioino, condotto ancora una volta da Paolo Orsini e da Malatesta Malatesta.

Nov.  

 

 

 

 

 

Lazio

Con Pieretto de Andreis e Betto da Lipari passa in rassegna i suoi uomini nel rione Ponte vicino alle mura del ponte di San Pietro. Esce da Porta Settimiana con Pieretto de Andreis alla testa di 100 cavalli e di 200 fanti per entrare nel portico di San Pietro. Muove da Porta San Giovanni in Laterano ed insegue inutilmente le truppe dell’antipapa che si sono impadronite nella città di alcune prede. Attaccato da Paolo Orsini è costretto a fuggire per la Porta di San Leonardo in Settignano;  da qui ripara in Santo Spirito.

Dic.  

 

 

 

 

 

Lazio

Fa dare alle fiamme la porta dietro Santo Spirito distruggendo il portico di San Pietro. Si allontana quindi da Roma con il de Andreis per la Porta di San Giovanni in Laterano; punta su Tivoli per contrastarvi la fazione avversa ai colonnesi A fine mese si trova alla difesa della Porta Salaria con Riccardo della Molara e 60  uomini d’arme. Allorché Paolo Orsini entra nel portico di San Pietro esce da Porta Settimiana con il de Andreis e Battista Savelli per snidare il rivale da tale posizione: Nicola Colonna viene messo in fuga.

1410  

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Lazio

A seguito degli attacchi di Jacopo Orsini è obbligato a venire a patti con l’antipapa Giovanni XXIII. Si reca a Roma a prestargli atto di omaggio ed è reso libero da ogni censura ecclesiastica.

Lug.  

 

 

 

 

 

Lazio

L’antipapa gli concede l’investitura temporanea di Lanuvio, di Passerano, di Corcolle, di San Vittorino e di Frascati. Il Colonna si trasferisce a Palestrina.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lazio

Muore a fine mese a Palestrina. E’ sepolto nella stessa località. Sposa Chiarina Conti e Giacoma Conti.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleNICCOLO CASTAGNINO
Next articleNICOLA DI CESARO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email