NICCOLO VAROLO

0
1012

Condottieri di ventura

2101      NICCOLO’ VAROLO  (Niccolò Verola) Di Cremona. Ghibellino. Fuoriuscito.

+ 1527 (maggio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1515
Mar. Lombardia

Uccide a Milano il capitano di giustizia del duca Massimiliano Sforza.

Sett. Milano Venezia Lombardia

Entra in Cremona alla testa della fazione ghibellina e vi ammazza alcuni guelfi che simpatizzano per i veneziani.

1516
Mar. apr. Lombardia

Entra in Lodi con Ludovico Vistarini ed i ghibellini. Nei primi giorni di aprile è scacciato dalla città dalla compagnia di Gian Giacomo da Trivulzio e da Malatesta Baglioni. Gli attaccanti entrano nottetempo nel castello;  il mattino seguente scendono nella piazza e fanno strage dei ghibellini (trenta morti).

1521
……… Sforza Francia Lombardia

Organizza in Cremona una congiura che, scoperta, porta al supplizio alcuni abitanti.

Giu. Emilia e Lombardia

Combatte a favore del duca di Bari Francesco Sforza. E’ segnalato a Reggio Emilia con 100 cavalli e 500 fanti; transita per Pralboino e si dirige verso Parma.

Ago. sett. Lombardia

Si muove attorno ad Asola; a settembre minaccia Cremona con i fuoriusciti; cerca invano di impadronirsi mediante trattato di una porta. La città si ribella con la caduta di Milano in potere degli imperiali. Attacca Cremona, entra per la Porta di San Luca ed è catturato.

1522
Giu. Lombardia

Si trova nel parmense con Bartolomeo da Villachiara.

1523
Sett. Milano Francia Lombardia

E’ preposto alla guardia di Cremona. Ottiene in rinforzo da Federico Gonzaga 100 uomini d’arme, 100 cavalli leggeri e 400 fanti: è assediato nella città da Federico Gonzaga da Bozzolo e da Renzo di Ceri. Resiste bravamente all’attacco degli avversari che dopo avere aperto un largo varco nelle mura si preparano all’assalto finale: una pioggia di quattro giorni impedisce ai francesi di ricevere i necessari rifornimenti perché i fiumi si sono ingrossati. Gli attaccanti si devono ritirare.

Nov. Francia Milano Impero

Si accorda con il Ceri (cui consegna Verolanuova) e tradisce Francesco Sforza. Scoperto è trattenuto prigioniero. Più tardi riuscirà a fuggire da Cremona.

1525
Gen. feb. Lombardia

Entra in Casalmaggiore (è ferito nello scontro) con Gian Ludovico Pallavicini alla testa di 400 cavalli e 2000 fanti; occupa con 1000 fanti cremonesi San Giovanni in Croce; depreda il territorio circostante, distrugge alcuni mulini, intercetta il flusso dei rifornimenti diretto al campo imperiale di Pavia. Non attende Francesco Rangoni che deve congiungersi con i suoi uomini e con il Pallavicini affronta Rodolfo da Varano ed Alessandro Bentivoglio. Gli avversari, sebbene inferiori di numero, lo mettono in fuga con facilità. Ferito al petto nel combattimento da un colpo di artiglieria (che gli tronca anche due dita della mano) è trasportato in un primo momento a Casalmaggiore;  dopo le prime medicazioni viene condotto in barca a Viadana. E’ confinato dal duca di Milano  a Ferrara.

1526
Giu. Milano

Impero

Impero Venezia

Milano Venezia

 

 

 

 

 

Lombardia Milita al servizio del vescovo di Lodi Ottaviano Sforza. Ha il compito di raccogliere a Cremona 800 fanti. Non gli è riconosciuta la remunerazione che si aspetta e muta partito. A fine mese esce da Pavia ed entra in Milano per incontrarsi con il marchese di Vasto Alfonso d’Avalos. .
Ago. Lombardia

Con credenziali ottenute dal Connestabile di Borbone chiede al marchese di Mantova il passo per i lanzichenecchi che stanno giungendo per soccorrere Milano. Raccoglie 300 schioppettieri che cerca di portare alla difesa di Cremona: è affrontato sul Po dalla compagnia di Agostino da Clusone e da alcuni cavalli leggeri che catturano alcuni suoi uomini. Tenta pure di introdurre nella città polvere da sparo; nel suo scopo ricorre ad ogni espediente come il dichiararsi pronto con i veneziani ad un ennesimo cambiamento di campo perché non gode più della fiducia del Connestabile di Borbone.

Sett. Lombardia

Federico Gonzaga su pressione dei pontifici gli proibisce di muoversi nel mantovano a favore degli imperiali.

Nov. Emilia e Lombardia

Raccoglie a Carpi 1500 fanti e molti cavalli e si impossessa sul Po della rocchetta di Borgoforte per agevolare il passo ai lanzichenecchi di Giorgio Frundsberg. Dopo la battaglia di Governolo si collega con i tedeschi.

Dic. Emilia e Lombardia

Domanda del denaro al Connestabile di Borbone perché non sa come pagare gli uomini a sua disposizione; si sposta sui monti del piacentino e ne saccheggia il territorio con Matteo Beker allo scopo di vettovagliare gli alleati fermi nei pressi di Fiorenzuola d’ Arda. A Saliceto di Chiaravalle è sorpreso da un’azione di Claudio Rangoni, di Ugo  Pepoli e di Giulio da San Severino che gli catturano ventidue uomini. Ripiega a Cerreto Landi ed a Revere con venti cavalli.

1527
Gen. Emilia

Da Basilicagoiano  si reca a Ferrara: si incontra con il duca di Ferrara;  gli estensi si impegnano a preparare il campo per il prossimo arrivo dell’esercito imperiale. Ritorna dai lanzichenecchi con Ferrante Gonzaga: ha con sé denaro e munizioni, sfugge alle insidie degli avversari.

Feb. Emilia

Impedisce l’ingresso a Carpi all’estense Masino dal Forno. A Rovigo i veneziani promettono 20 ducati a testa a due soldati che si offrono di ucciderlo.

Mar. Emilia

Entra in Busseto con Sigismondo Gonzaga e Ludovico di Lodrone.

Mag. Emilia

E’ ucciso a Carpi ai primi di maggio.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email