NICCOLÒ ORSINI Dei conti di Manoppello

0
2019

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

NICCOLÒ ORSINI  Dei conti di Manoppello. Conte di Popoli.

Signore di Rocca d’Evandro, Manoppello e Popoli. Fratello di Pietro Giampaolo Orsini.

  • 1399
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1371
Giu.ToscanaSu pressione del papa Gregorio XI ottiene la cittadinanza di Firenze con i conti di Sovana Guido e Roberto Orsini.
1386ChiesaToscana e Lazio

Viene inviato dallo zio Tommaso Orsini, cardinale di Manoppello, a Lucca presso il papa Urbano VI. E’ nominato rettore del Patrimonio con una provvigione annua di 2000 ducati.

1387
Gen.ChiesaAntipapaLazioEntra in Amelia ed in Terni ribellatesi al prefetto Francesco di Vico. Irrompe nel viterbese con 1500 cavalli ed 8000 fanti e si appresta ad assediare il capoluogo.
Mag.Lazio

Francesco di Vico fa uscire per una scorreria Bernardo della Sala con 500 cavalli: la popolazione insorge ed uccide il Vico. Entra in Viterbo e fa condurre prigionieri a Roma la moglie e due figli del prefetto.

Giu.Umbria e Lazio

Si trova nei pressi di Orvieto con 700 cavalli e 1500 uomini tra fanti e guastatori con i quali si pone all’ assedio della città alla cui difesa si trovano Bernardo della Sala e Giovanni da Cremona con 400 cavalli. Con Ugolino da Montemarte e Simonetto da Castel di Piero si impadronisce di San Lorenzo in Vigna (San Lorenzo) e vi fa costruire una bastia. Gli avversari assalgono il condottiero pontificio Giovanni Beltoft e lo mettono in fuga: il giorno seguente Niccolò Orsini rifornisce di vettovaglie la bastia, leva il campo e rientra a Viterbo.

……………..UmbriaE’ inviato dallo zio Tommaso Orsini a Perugia per richiedere il vicariato di Narni in premio dei servizi    resi allo stato della Chiesa. La richiesta viene respinta dal papa Urbano VI che sospetta le mire espansionististiche del cardinale di Manoppello.
Ott. nov.OrsiniChiesaLazio ed Umbria

Tommaso Orsini è fatto incarcerare dal papa in Perugia perché il prelato non vuole essere sostituito nella legazione di Viterbo. Niccolò Orsini fugge nottetempo dalla città e raggiunge prima Corbara e poi Narni. Fa dare alle fiamme Bagno e saccheggiare vari possedimenti di proprietà dei Monaldeschi. Si impossessa di Narni e di Terni;  minaccia da vicino Perugia che gli invia come ambasciatore Onofrio Bartolini. E’ assediato in Narni da 200 lance capitanate da Boldrino da Panicale: si rinchiude nella rocca.  Depone le armi solo quando lo zio Tommaso sarà liberato.

1389
PrimaveraFarnesePitiglianoUmbriaAd Orvieto ed a Vallocchia per prestare soccorso a Bertoldo Farnese assediato in Farnese dal conte di Pitigliano Bertoldo Ordini.
……………..Diviene proprietario con Francesco Orsini, signore di Ortona, di alcune galee che esercitano la pirateria.
1391
Mar.NapoliGli sono concessi dagli angioini alcuni feudi in Provenza.
Giu.Gli è riconosciuta nel regno di Napoli una rendita annua di 100 carlini d’argento a valere su alcune gabelle negli Abruzzi.
1392
Sett.

Ricopre le cariche di consigliere e di ciambellano regio. Ladislao d’Angiò ratifica l’ atto di acquisto per 16000 ducati della terra di Pescara  stipulato a suo favore da Alberico da Barbiano e da Guglielmo Ferrebach.

1393NapoliAngiò
1399Muore.

 CITAZIONI

-“Fu il conte Nicola di molto valore. “SANSOVINO

Immagine in evidenza: beniculturali.it , medaglia – ambito italiano (secc. XV/ XVI)

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi