NICCOLO DA NONA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1248      NICCOLO’ DA NONA  (Niccolò Dalmatino)  Di Zara.

+ 1496 (agosto)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1484 Venezia Milano Veneto e Lombardia

Combatte con i suoi stradiotti nella guerra di Ferrara. Si trova a Valeggio sul Mincio con altre compagnie;  da tale località compie  spesso scorrerie nel mantovano.

1495
Giu. Venezia Francia 22 stradiotti Romagna ed Emilia

Viene inviato ad Orvieto in soccorso del papa Alessandro VI. A Cesena gli abitanti si rifiutano di accoglierlo nella città; ricevuto a Bertinoro, si ferma a Bologna per rafforzarvi la guarnigione spedita dai veneziani nella città.

Lug. 100 stradiotti Lombardia  Emilia e Piemonte

Si trasferisce al campo della Lega Italica a Gerolanuova al seguito del provveditore Piero Duodo; gli è riconosciuta una provvigione mensile di 20 ducati. Si porta in Emilia e si scontra con una pattuglia di 40 cavalli francesi mossasi in avanscoperta: assale gli avversari con dieci cavalli e li mette in fuga. Ne sono uccisi tre, le cui teste sono portate al  campo; un quarto muore per le ferite riportate dalle lance. Partecipa alla battaglia di Fornovo: è presente all’attacco iniziale in cui rimane ferito; nel combattimento i suoi stradiotti non seguono l’esempio degli altri cavalli leggeri veneziani, rimangono a combattere e non si danno alla depredazione del campo avversario. Per i suoi meriti gli è accresciuta la provvigione mensile a 25 ducati in tempo di pace ed a 30 in tempo di guerra; gli è anche accresciuta la condotta a 100 cavalli (25 in tempo di pace). Segue Niccolò Orsini all’assedio di Novara.

Ago. Piemonte

Si distingue all’assedio di Novara;  effettua con Giovanni Conti numerose sortite.

Nov. Venezia Forlì Romagna

Affianca il provveditore Bernardo Contarini al recupero di Castelnuovo, nel ravennate, di cui si è impadronita la signora di Forlì Caterina Sforza: i contadini, che ne sono alla difesa si arrendono subito senza combattere. Niccolò da Nona entra  nei borghi ed in breve tempo obbliga alla resa i difensori (25 fanti e 100 contadini).

1496
Apr. Venezia Firenze 100 stradiotti Toscana

Soccorre i pisani contro i fiorentini alla testa di 100 stradiotti.

Mag. Croazia   Toscana

Ritorna a Zara; da qui  si imbarca immediatamente per ritornare a Lio: durante il viaggio muore uno dei suoi uomini. Rientra nel pisano.

Lug. Toscana

Esce da Vicopisano con 300 stradiotti e si avvicina a Volterra; per strada mette a ferro e fuoco alcuni villaggi, distrugge raccolti e vigneti, si impadronisce di un bottino valutato 4000 ducati. Sulla via del ritorno (in cui deve ricevere soccorsi da Lucio Malvezzi) cade in un’ imboscata, subisce numerose perdite per cui è costretto a cedere ai nemici le prede; gli è anche ferita una cavalcatura del valore di duecento ducati. Nella scorreria tra i cavalli leggeri veneziani sono uccisi sedici uomini; molti sono pure i feriti ed i catturati; gli stradiotti portano con sé otto teste.

Ago. Toscana

Con 60 cavalli si scontra con 100 balestrieri a cavallo e 200 fanti: Niccolò da Nona è ucciso da un verrettone al petto. E’ onorato con solenni esequie a Pisa.

 CITAZIONI

Con Giovanni Paleologo, Giovanni Zofa, teodoro Frasina, Dimitri Megaduca “Huomini in quel tempo illustri, i quali dapoi anco in altre guerre s’acquistarono grandissimo honore..Huomo animoso.” GIOVIO

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleNICCOLO DA NAPOLI
Next articlePERONE NALDI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email