MOSTARDA DA FORLI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0702      MOSTARDA DA FORLI’  (Mostarda dalla Strada, Mostarda Perelli) Signore di Amandola e Pollenza. Padre di Giovanni Mostarda e di Ludovico da Forlì.

+ 1405 (settembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario

 

Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

…………..  

 

 

 

 

 

 

 

Milita  nelle compagnie di Giovanni Acuto ed in quelle di Alberico da Barbiano.

1379  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Chiesa Antipapa  

 

Lazio

Prende parte alla battaglia di Marino.

1394  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Fuoriusciti Fermo Marche Con Luca di Canale appoggia i fuoriusciti di Fermo ai danni del signore della città Antonio Aceti. Le sue scorrerie giungono sino al Monte Santa Maria delle Vergini fuori la Porta di San Giuliano. Sua base operativa è Montegranaro. Presto viene affrontato da Ottobono Terzi, da Marino di Santa Vittoria e dal Malcorpo assoldati da Antonio Aceti.
Mag. Chiesa Forlì  

 

Romagna

Combatte Pino Ordelaffi;  libera Bertinoro dall’assedio che vi è stato posto dagli avversari.

………….. Bologna  

 

 

 

 

 

1394  

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Marche

A Montegranaro.

Mar. Montegranaro Fermo  

 

Marche

Quando Luca di Canale occupa  Montegranaro si unisce con tale condottiero; insieme i due condottieri, alla testa di 400 cavalli depredano il territorio di Fermo; ottengono Monte Santa Maria delle Vergini.  Catturano 70 uomini e razziano  cinquanta buoi nonché  settanta asini.

Apr. Chiesa Comp. ventura  

 

Marche

Si conduce al soldo del marchese della Marca Andrea Tomacelli per contrastare Biordo dei Michelotti.

Autunno Chiesa Antipapa  

 

Lazio

Con Paolo Orsini aiuta le truppe del papa Bonifacio IX a rientrare in Roma;  costringe i Colonna a lasciare la città.

1395  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

 

 

Con Luca di Canale, Piero di Castello e Neri da Faenza riceve dai maceratesi 680 ducati a saldo di paghe pregresse con i pontifici.

Giu. Fermo Ancona Recanati Perugia  

 

Marche

Milita al soldo dei comuni di Fermo, Ancona e Recanati per i quali, con Luca di Canale, contrasta ancora il Michelotti.

Lug. Bologna Firenze  

 

Romagna

Con Conte da Carrara è inviato nel forlivese in soccorso degli Ordelaffi contro i fiorentini: con Pino Ordelaffi si impadronisce della  bastia di Sadurano.

Autunno Chiesa Colonna  

 

Lazio

Con Paolo Orsini aiuta il papa Bonifacio IX a scacciare da Roma i colonnesi;  obbliga costoro a fuggire nell’agro romano.

Dic. Fuoriusciti Ascoli Piceno  

 

Marche

Transita per Osimo i cui abitanti forniscono vettovaglie alle sue truppe; subito dopo coadiuva i fuoriusciti di Ascoli Piceno a rientrare nella città scacciandone i partigiani di Andrea Matteo Acquaviva. Ascoli Piceno è messa a sacco;  neppure le case dei locali fuoriusciti  sono  risparmiate dalle depredazioni.

1396  

 

 

 

 

 

 

 

………….. Fuoriusciti Fermo Chiesa  

 

Marche

Si ribella alla Santa Sede;  con le masnade di Luca di Canale, Piero da Castel Modenese e Neri da Faenza fronteggia per sei mesi i pontifici comandati da Paolo Orsini; appoggia i fuoriusciti di Macerata nell’espellere dalla città Antonio di Simonuccio che si è fatto signore della località; riesce in tale impresa con l’aiuto di Antonio da Camerino. Il rivale è ucciso in combattimento.

Mag. giu. Comp. ventura Firenze Tosca Scorre con la sua compagnia in Toscana ai danni dei fiorentini.
Ago. Chiesa Comp. ventura  

 

Marche

Staziona nel fermano con Conte da Carrara. Su pressione del legato pontificio i due condottieri costringono Alessio di Montereale a restituire le prede razziate a Monterubbiano.

1397  

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Chiesa Camerino  

 

Marche

Sorveglia Macerata da possibili azioni di Gentile da Varano.

………….. Milano Firenze  

 

Toscana

Agli stipendi del duca di Milano Gian Galeazzo Visconti.

Lug. Comp. ventura Ascoli Piceno Chiesa  

 

Marche

Irrompe ancora in Ascoli Piceno dove viene in soccorso di Giovanni di Marsio, assediato dai ghibellini e dagli Acquaviva nella rocca del monte. Depreda la città, nello scontro restano uccisi più di 100 uomini. Entra in Staffolo, Osimo, Montefilottrano, Montefano, Numana, Offagna,   Montelupone e Castelfidardo,  terre tutte che si sono ribellate allo stato della Chiesa. I loro abitanti vengono scomunicati per avere dato ricetto alle bande del condottiero.  Sono commessi in ogni luogo     incendi, rapine ed omicidi.

1398  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. feb. Chiesa Perugia  

 

Umbria

Affronta una volta di più il Michelotti, ora signore di Perugia. Si dirige nel perugino, entra in Migiana di Monte Tezio e vi dà alle fiamme un palazzo con un uomo all’ interno; tocca San Marco e  fa prigionieri molti abitanti.

Mar.  

 

 

 

 

 

Umbria

Il Michelotti è ucciso a Perugia; Mostarda da Forlì attacca la città con 400 cavalli  per scacciarne il partito popolare dei raspanti che domina anche in Assisi, Spello, Todi, Nocera Umbra, Gualdo Tadino, Trevi, Cesi ed Orvieto.

Apr.  

 

 

 

 

 

Umbria

Affianca Conte da Carrara; si colloca a San Valentino, ne incendia le case ed altrettanto fa a San Montano. Si impossessa dei  palazzi al di là di Capocavallo e vi uccide quattro persone; ritorna a San Valentino e vi si ferma per otto giorni; cavalca  a Montemorcino ed alla Maestà di Colonnata dove vengono catturati numerosi abitanti. Giunge a Veggio; procede nel medesimo modo e per Prepo e San Vittorino si sposta nel ducato di Spoleto.

Mag.  

 

 

 

 

 

Umbria

Si trasferisce nei contadi di Spello e di Cannara; gli si arrende il castello di Bucarelli,  razzia tutto il bestiame del circondario; si muove a Casalina ed a Ponte San Giovanni dove fa parimenti molti danni. E’, invece, messo in fuga a San Bevignate da Archimanno Tedesco e da Ceccolino dei Michelotti con la perdita di 70 cavalli e la cattura di altri dodici. Mostarda da Forlì si posiziona allora tra Foligno e Spello e si ricongiunge dopo qualche giorno con il resto delle truppe pontificie.

Giu.  

 

 

 

 

 

Umbria

Ottiene a patti Brusa,  raggiunge Casaglia; viene firmata la pace tra pontifici e perugini. Mostarda da Forlì entra in Amandola.

Lug.  

 

 

 

 

 

Umbria

Leva il campo e si dirige su Foligno.

1399  

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Rimini Comp. ventura  

 

Marche

Contrasta nella marca di Ancona la compagnia di Ceccolo Broglia e di Conte da Carrara: combatte gli avversari a Cingoli.  Dopo uno scontro di nove ore è sconfitto.

Nov.

 

Pollenza

 

Comp. ventura  

 

Marche

E’ molestato in Montemilone (Pollenza), di cui ha ottenuto il vicariato con Amandola e Percozzone, da Paolo Orsini.

1400  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Chiesa  

 

 

 

 

 

1401  

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Marche

Ottiene il perdono da ogni censura ecclesiastica.

…………..  

 

 

 

 

 

Marche

Si reca a Fermo per incassarvi 1000 ducati a titolo di residue paghe di anni precedenti; su sua richiesta ottiene  da Bonifacio IX, tramite il vescovo di Fermo Antonio de Vetulis, che sia tolto l’interdetto agli abitanti di Osimo   che lo hanno ospitato e  rifornito di    vettovaglie nel periodo in cui è stato in lotta con i pontifici.

1402  

 

 

 

 

 

 

 

Primavera Firenze Milano  

 

Umbria

Con Conte da Carrara combatte i Visconti. Ai suoi ordini si trova, agli inizi della sua carriera, Braccio di Montone. Mostarda da Forlì lascia lo spoletino ed assale Nocera Umbra, controllata da Ceccolino dei Michelotti; supera la resistenza dei difensori,  cattura il podestà Cristoforo di Donatuccio; entra con furia nel perugino e danneggia il contado di Brufa; giunge fino al Tevere, vi razzia molto bestiame e ritorna nello spoletino.

Giu. Chiesa  

 

 

 

Lazio ed Umbria

Passa al soldo del fratello del papa Bonifacio IX, Giannello Tomacelli, rettore del Patrimonio e del ducato di Spoleto. Le spese della sua condotta sono a carico di alcune terre del Patrimonio e delle città di Todi, Spoleto, Terni, Narni ed Amelia. Poiché i comuni non corrispondono puntualmente alla taglia Mostarda da Forlì ha licenza di rifarsi sugli abitanti togliendo loro animali, beni, merci, masserizie, animali di loro  proprietà dovunque essi siano fino al soddisfacimento del suo credito. Ottiene pure da Giannello Tomacelli la facoltà di riscuotere per conto dello stato della Chiesa una taglia imposta alla città di Viterbo. Il papa, mediante apposita bolla, non solo convalida tale  decreto deciso dal fratello Giannello ma estende a  suo favore  la facoltà di rappresaglia  contro le persone dei debitori.

Sett. Chiesa Milano  

 

Umbria

Sempre agli ordini di Giannello Tomacelli attacca il perugino con Paolo Orsini, Braccio di Montone e Conte da Carrara.

Ott.  

 

 

 

 

 

Umbria

Con i pontifici si uniscono anche i condottieri fiorentini Crasso da Venosa e Bindo da Montopoli: viene predata la campagna. Mostarda da Forlì si accampa con l’Orsini alla Pila e dà il guasto a tutte le terre vicine. Segue la pace tra i contendenti.

Nov.  

 

 

 

 

 

Umbria

Entra in Perugia al seguito di Giannello Tomacelli per la Porta di San Pietro.

1403  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Umbria

Esce da Perugia con 600 cavalli;  nel contado di Assisi è sconfitto da Ottobono Terzi. Il combattimento dura tre ore; tra i pontifici sono uccisi 150 uomini.

Mag.  

 

 

 

 

 

Umbria

Entra in Assisi con l’aiuto dell’abate di San Bartolomeo e di Averardo de Nepis.

Lug.  

 

 

 

 

 

Umbria

A seguito di un lungo assedio ottiene dai castellani di Assisi il possesso delle due rocche dietro l’esborso di 1000 fiorini. A dicembre, sempre con il da Carrara, accoglie alla porta di San Pietro di Perugia la moglie del Tomacelli e la accompagna tra balli e canti al Palazzo del Podestà dove risiede il marito. Dopo pochi giorni lascia la città per trasferirsi con la sua compagnia di 600 cavalli a Viterbo.

1404
Giu. ott. Chiesa Comp. ventura 600 cavalli Lazio A Soriano nel Cimino si sono rifugiati gli ultimi componenti rimasti in Italia della compagnia dei bretoni. I venturieri, con  Giannetto di Magnamonte,seguitano  a depredare i  territori finitimi, specie in quello di Viterbo. Mostarda da Forlì li affronta ed assedia i bretoni nel loro castello; fa molti prigionieri e li invia nelle carceri di Viterbo. Sono qui imprigionati nel fondo della torre del podestà, ora torre del Comune. Ad ottobre è richiamato a Roma con il da Carrara in occasione dell’elezione al soglio pontificio di Innocenzo VII.
1405  

 

 

 

 

 

 

 

………….. Chiesa Napoli  

 

Lazio

Al servizio del papa Innocenzo VII. Ha l’incarico di presidiare il Borgo Leonino.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lazio

Sono fatti uccidere da Ludovico Migliorati undici dei principali cittadini di Roma; la città si ribella ai pontifici. Mostarda da Forlì rientra a Roma con l’Orsini;  con Ceccolino dei Michelotti ed il Beccarino sconfigge gli avversari ai Prati di Nerone;  costringe Pieretto de Andreis, Gentile da Monterano e Giovanni Colonna a ripiegare nella campagna romana.

Sett.  

 

 

 

 

 

Lazio

A fine mese viene fatto uccidere dall’Orsini in una sala del Palazzo Apostolico davanti al pontefice: compiono fisicamente l’omicidio  Antonio Orsini ed alcuni familiari di Paolo. Il condottiero viene sepolto a Roma nella chiesa di Santa Petronilla, che sorgeva accanto all’antica basilica di San Pietro.

 CITAZIONI

“Bravo Condottier d’armi.” MURATORI

“Valente capitano.” DE MINICIS

“Il cui nome fu assai celebre nelle cose della guerra.” CAMPANO

“Ductorem gentium et strenuum ac bellicosum in armis.” ANNALES FOROLIVIENSES

“Huomo molto famoso in quei tempi.” PELLINI

“Valorosissimo Capitano.” ROSCIO

“Optimas dotes sortitus est, non solum ad sui nominis, ac familiae, sed patriae ipsius ornamentum. Eximie validum corpus illi dedit natura, et ad militiae labores aptissimum, gravem oris habitum, et consiliorum vehementer ad cavenda pericula ingenium. ..Erat Mostarda exigua facie, augusta fronte, quam non obliquae, sed rectae rugae intersecabant; magnis et mirantibus oculis, naso exili, barba brevi et ritorta, ut ex naturali effigie comperitur.” VIVIANI

“Fortissimum in armis ductorem.” CRIVELLI

“Famoso Capitano..Questo Mostarda dicono fosse il primo che insegnò d’armare i soldati da capo a piedi tutti di ferro, che prima erano soliti armarsi di corame.” MARTORELLI

“Bravo guerriero.” TALLEONI

Con altri condottieri romagnoli “Rei autem bellicae gnaros et in eo munere claros habuit patria nostra.” BIONDO

“Celebrato tra li capitani più illustri di Forlì..Udivasi spesso gloriarsi d’aver riportate sino a cento ferite, di cui mostrava le cicatrici: era d’una complessione e forza meravigliosa, sì che in frequentissimi duelli n’uscì sempre vincitore.” P. BONOLI

“Segnalato guerriero.” TORIGIO

“Gran Capitano, e degno de’ più antichi tempi..Fu uno de’ ristoratori della militar disciplina, ed egli fu, che togliendo ai soldati l’uso dei vestire di cuojo inventò le armature tutte di ferro introdotte poi nell’Italia comunemente, ed altrove.” COLUCCI

“Il primero che inventasse nella militia l’uso delle armi di ferro invece di cuoio.” MARCUCCI

“Celebre capitano.” FERRANTI

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleMELEAGRO DA FORLI
Next articleNERI DELLA FAGGIUOLA
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email