MORGANTE DA PERUGIA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1434      MORGANTE DA PERUGIA  (Margotto Pallaio, Margutte da Perugia, Margutte Piccinino)

+ 1535 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1512  

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Venezia Francia   Veneto

Si trova al campo di Vicenza con 105 provvigionati.

Giu.  

 

 

 

 

 

Veneto

Ha ai suoi ordini 121 fanti.

Ago.  

 

 

 

155 fanti Veneto

 

Sett.  

 

 

 

200 fanti Lombardia

Prende parte all’assedio di Brescia inquadrato nella seconda squadra di riserva che deve sostenere l’attacco alle mura cittadine.

Nov.  

 

 

 

 

 

Lombardia

A Pontevico con 144 fanti.

1526  

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov. Venezia Impero  

 

Lombardia

Si segnala alla battaglia di Borgoforte. Nel combattimento uccide un marchese tedesco che milita con i lanzichenecchi e cattura la moglie di costui che combatte al suo fianco. La donna si impadronisce di un pugnale e si uccide.

1527  

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Chiesa Impero  

 

Emilia

Di stanza nel piacentino. Alla testa di una compagnia di archibugieri segue Paolo Luzzasco, Claudio Rangoni e Cesare Farina in un assalto al campo imperiale vicino al Trebbia. E’ dato l’allarme, i fanti spagnoli si difendono con gli archibugi e quattro sagri;  costringono gli attaccanti a ritirarsi.

1528  

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Chiesa Rimini  

 

Romagna

Contribuisce a scacciare Sigismondo Malatesta da Rimini.

1529  

 

 

 

 

 

 

 

 

Dic. Firenze Chiesa Impero  

 

Toscana.

Alla difesa di Firenze. Presenzia alla rassegna delle truppe fiorentine tenuta da Malatesta Baglioni al Monte di San Miniato.

1530  

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Toscana

Lascia Castiglion Fiorentino e si sposta alla difesa di Volterra.

Mag.  

 

 

 

 

 

Toscana

Asseconda Ottaviano Signorelli nel suo attacco alla Colombaia.

Giu.  

 

 

 

 

 

Toscana

Assediato in Firenze viene inviato nottetempo al ponte delle Mosse, alla testa di 150 archibugieri, per appoggiare una sortita di Stefano Colonna contro i fanti tedeschi asserragliati in San Donato in Polverosa: all’alba è richiamato dal Baglioni con i suoi uomini per timore che la via della ritirata dei fiorentini possa essere intercettata dalla cavalleria imperiale ferma sulla sponda opposta dell’Arno.

1535  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Ne la militia strenuo.” FALUGIO

“Che fu stimato in la battaglia un Marte.” ROSEO

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleMORGANTE DA PARMA
Next articleMICHELE DI PIEMONTE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email