MONTINO DEL MONTE A SANTA MARIA

0
1424

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1140      MONTINO DEL MONTE A SANTA MARIA  (Giacomo del Monte a Santa Maria) Di Monte Santa Maria Tiberina. Marchese. Del ramo di Ancona. Genero di Ascanio della Cornia. Cavaliere dell’ordine di San Giacomo.

1515 – 1585

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1536UrbinoChiesaMarche

Giovanissimo, è inviato alla corte del duca di Urbino Francesco Maria della Rovere. Combatte i pontifici nella guerra di Camerino; è segnalato a Fermo ed a Ascoli Piceno.

1538UrbinoChiesaMarcheMilita al servizio del nuovo duca di Urbino Guidobaldo della Rovere. Lo coadiuva alla difesa del ducato di camerino, minacciato ora dal papa Paolo III.
1542LazioA Roma a rendere atto di omaggio al pontefice.
1543
Lug.Emilia

Si reca a Busseto dove si trova al momento l’imperatore Carlo V. Ottiene la conferma del suo marchesato ed è preso sotto la sua protezione.

1547
……….VeneziaMaestro di campo 60 lance

Segue Guidobaldo della Rovere al servizio dei veneziani; è nominato maestro di campo ed ha il comando di una compagnia di 60 uomini d’arme.

……….ChiesaMaestro di campoLazio

Affianca ancora il duca di Urbino allorché costui viene eletto capitano generale dello stato della Chiesa: a Montino del Monte a Santa Maria  è nuovamente affidato l’incarico di maestro di campo. Viene aggregato alla nobiltà romana.

1552Umbria

E’ nominato dal papa Giulio III governatore di Orvieto; è spedito sui confini della Toscana allo scopo di sorvegliare i movimenti dei senesi in guerra con i fiorentini.

1555LazioAlla morte del papa Marcello II entra nel Borgo Leonino a Roma per controllare il buon andamento dei lavori del conclave.
1558MarcheGovernatore di Senigallia.
……….Umbria ed Emilia

Milita al servizio del papa Pio IV: ricopre inizialmente l’incarico di capitano d’armi in Umbria e nel Patrimonio di San Pietro;  otterrà più tardi la responsabilità della legazione di Bologna.

1565VeneziaVenetoI veneziani gli conferiscono, a titolo onorifico, il comando di un colonnello di fanti.
1571VenetoGovernatore di Padova. Ha il compito di ispezionare le fortificazioni cittadine.
……..UrbinoUmbriaAbbandona il mestiere delle armi e si ritira nel ducato di Urbino. Per qualche tempo esercita la carica di viceduca di Gubbio.
1585Umbria

Muore a Lippiano in Val Tiberina; è sepolto nella chiesa di San Sebastiano. Sposa Caterina della Cornia, figlia di Ascanio e Faustina Monaldeschi.

  CITAZIONI

-“Lascia di sé il nome di uno dei più bravi capitani del suo tempo.” TIRIBILLI-GIULIANI

-“Condottiere d’armi.” BOSI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi