MENICUCCIO DELL’AQUILA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

MENICUCCIO DELL’AQUILA  (Menicuccio Ugolini, Menicuccio d’Ugolino, Domenicuccio de Amicis). Di Preturo.

+ 1440 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

……………..

Milita nella compagnia di Alberico da Barbiano.

1408 Napoli Antipapa Emilia

Entra in Bologna con 400 cavalli per soccorrervi il legato del papa Gregorio XII Giacomo Isolani.

1412
Ago. Antipapa Romagna

Si trova a Lugo con 400 cavalli.

Sett. Emilia

E’ chiamato a Bologna dal partito nobiliare al fine di restaurarvi  il dominio dell’antipapa Giovanni XXIII.

1424
…………….. Chiesa Re d’Aragona Abruzzi

Segue con milizie abruzzesi Jacopo Caldora e Ludovico Colonna; si sposta alla difesa di L’Aquila  assediata da Braccio di Montone.

Giu. Abruzzi

Partecipa alla battaglia dell’Aquila dove ha il comando dell’ avanguardia con il Colonna. Assalito da Pietro Giampaolo Orsini e dal conte di Popoli Antonio Cantelmi, è costretto a ritirarsi dall’ Aterno. Di seguito con Federico di Matelica frena  le squadre di Niccolò Piccinino, Brandolino Brandolini e del Gattamelata.

1429
…………….. Chiesa Emilia

E’ segnalato ancora in Emilia.

Lug. Romagna

Si trova a Forlì;  con Simone dell’Aquila viene invitato a pranzo dal governatore di Bologna Domenico di Capranica.

1431
…………….. Chiesa Colonna Lazio

Assale in Nepi Giovanni Malavolti.

…………….. Chiesa Vico Lazio

Si unisce a Vetralla con Ranuccio Farnese e Niccolò Fortebraccio per attaccare  Giacomo di Vico ed il Malavolti.

1432
Feb. mar. Chiesa Pesaro Marche

Contrasta nelle Marche Carlo Malatesta con Maso da Fiesole e Giorgio da Narni. Entra in Senigallia ed assedia Fossombrone.

Ago.     ott. Chiesa Vico Lazio

Lascia la marca d’Ancona per affiancare il Fortebraccio con 500 cavalli e 200 fanti ai danni di Giacomo di Vico, che si è fortificato in Vetralla. Si accampa vicino alla rocca verso Viterbo e prende parte a varie scaramucce che terminano ad ottobre con la resa della località.

1433
…………….. Chiesa Fortebraccio Lazio

Si accampa a Toscanella (Tuscania).

Apr. Lazio

Esce da Tuscania; si unisce con Ranuccio Farnese e Micheletto Attendolo per assalire ancora Vetralla, difesa ora dal Fortebraccio. Prende parte all’assedio della Montagnola; negli stessi giorni precede in Tuscania  Angelo di Roncone e lo cattura con più di 100 fanti.

Mag. Lazio

Ritorna sotto Vetralla dopo avere lasciato l’assedio di Montagnola. Entra nella città vecchia; viene sorpreso da 60 cavalli che provengono da Castelnuovo e che impediscono ai suoi uomini di superare la cinta muraria.

…………….. Lazio

Alla notizia dell’arrivo del Fortebraccio con 1500 cavalli e 3000 fanti segue Micheletto Attendolo a Borgo a Sesto; gli avversari si attestano, a loro volta, verso Montefiascone e nella piana di Viterbo.

Ago. Lazio

A Tuscania allorché Niccolò Fortebraccio si sposta all’assedio di Castiglione in Teverina. Si trasferisce poi con 200 fanti alla guardia di Orvieto.

…………….. Lazio

Si porta a Tivoli; sulla fine dell’anno è scacciato dalla città dalla fazione ghibellina.

1434
Feb. Chiesa Lazio

Alla conclusione di una tregua tra il papa Eugenio IV ed il Fortebraccio chiede il saldo delle sue paghe che ammontano a 22000 fiorini. Avuta risposta negativa, passa agli stipendi dei veneziani.

Mar. Venezia 250 lance e 200 fanti

Viene condotto dalla Serenissima per un anno di ferma ed uno di rispetto.

…………….. Napoli Re d’Aragona Puglia

Non rispetta i suoi impegni con la Serenissima in quanto  preferisce militare in Puglia per il Caldora contro gli aragonesi ed il principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo. Allorché il Caldora rientra negli Abruzzi, egli rimane in Terra d’Otranto con il conte di Morcone Onorato Gaetani al comando di 1000 uomini d’arme; assedia Brindisi. Attaccato nei suoi accampamenti, è sbaragliato e respinto dai nemici da tutta la provincia.

Autunno

Licenziato, passa al servizio degli aragonesi che gli concedono un’analoga condotta.

1435
Feb. Re d’Aragona Napoli 500 cavalli e 300 fanti Puglia

Combatte agli ordini del principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo.

Primavera Puglia

Con Giovanni Ventimiglia dissuade il principe di Taranto ad accettare la sfida di battaglia campale che gli viene lanciata a Turi da Antonio Caldora.

…………….. Puglia e Campania

Aiuta Giovanni Orsini del Balzo a recuperare la Terra d’Otranto; di seguito punta su Francolise, nel casertano, ed entra alla difesa di Capua, che è  minacciata dal Caldora.

Giu.

Raimondo Caldora si fa mallevadore nei suoi confronti con i veneziani per la restituzione della prestanza di 8500 ducati, ottenuta a suo tempo; costui promette di consegnare la somma nel caso che il condottiero non si presenti nei tempi stabiliti nei domini veneti.

Ago. Re d’Aragona Milano Campania

E’ sconfitto e catturato nella battaglia navale di Ponza. Condotto a Genova da Biagio Assereto, vi è trattato umanamente.

Sett. Campania

Viene fatto liberare dal duca di Milano Filippo Maria Visconti. Ritorna alla difesa di Capua; alla testa di 1000 cavalli assale Berlingieri Caldora, che con 500 cavalli sta cercando di congiungersi con l’avanguardia di Antonio da Pontedera.

1436
Feb. Re d’Aragona Angiò Chiesa 200 lance

Fronteggia con forza gli angioini.

Primavera Lazio e Campania

Con Onorato Gaetani segue Alfonso d’Aragona nei suoi spostamenti tra Gaeta e Capua.

Lug. Abruzzi

Raggiunge Francesco Piccinino con Riccio da Montechiaro; è così costituito un esercito di 2500 cavalli e di 1000 fanti. Entra nell’ aquilano e si accampa davanti alla città. Gli vengono contro Raimondo Caldora ed Antonuccio dell’Aquila che lo assediano in Penne e lo costringono a ritirarsi in Chieti. Bloccato in tale località dai pontifici del patriarca Giovanni Vitelleschi, obbliga in tre giorni gli avversari a ripiegare.

Sett. Abruzzi

E’ nominato viceré dell’ Abruzzo con Riccio da Montechiaro; approfitta  del fatto che il Caldora si trovi in Puglia per effettuare alcune scorrerie negli Abruzzi.

Ott. Abruzzi

Occupa nottetempo Pescara  e vi cattura Lionello Accrocciamuro. Si solleva allora Chieti; il Caldora non può fare altro che devastare i territori circostanti.

Nov.

Gli sono consegnati 500 ducati per le necessità dei suoi uomini.

1437 Re d’Aragona Sforza Marche

Segue Giosia Acquaviva nella marca di Ancona contro Francesco Sforza.

1438
…………….. 400 lance
Mag. Abruzzi e Campania

Gli sono consegnati 400 ducati;  lo stesso giorno, su accusa del principe di Taranto, viene imprigionato con i fratelli Sebastiano e Marino. E’ rinchiuso nel castello di Gaeta ove viene sorvegliato dal castellano Giovanni di Castel Bisbol.

1439
Apr. Sicilia

E’ trasferito nell’isola di Pantelleria.

1440

Muore.

 CITAZIONI

“Prode capitano.” FARAGLIA

“Ben commatteo Lodovico Colonna,/ E Minicuccio, e soi altri fratelli,/ E federico comel mare che onna/ Recependo li culpi molto felli,/ Tanta era ardita la gente, e frebonna/ Chi li Braccischi romppe ogni chiavelli/ Nicolò con soa gente, e Brandolino,/ Gattamelato, e tolse lu terrino.” CIMINELLO

“Lodovyco Colonda ne staffe fermosse,/ Co Minycuccio se mosse in certano,/ E ll’usse squatre et l’altre inconfrontose/ Nel campo dicto Asprito a llance in mano.” VALENTINI

Con Uliviero da Lecce e Sante Carillo “Prenominati illustrissimi et magnifici capitanii li quali tucti portavano stendardo.” BROGLIO

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email