MARIANO CORSO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

MARIANO CORSO

  • 1529 (settembre)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1484
………ChiesaColonna 

 

Lazio

All’assedio di Paliano. Ha l’incarico di scortare dal campo a Roma alcuni cittadini romani, fra i quali il diarista Gaspare Pontani, per la via di Valmontone e di Cave.

1494
Sett.FirenzeFrancia 

 

Romagna

Al campo aragonese di Barbiano con Francesco da Napoli ed il Pisanello.

Ott. 

 

 

 

 

 

Romagna

Passa alla difesa di Granarolo e di Solarolo.

1503
Nov.Venezia 

 

 

 

Puglia

Di stanza a Monopoli, sostituisce il padre Biancone al comando della sua compagnia.

1513
EstateVeneziaSpagna Impero102 fantiVeneto

Alla guardia di Treviso.

Ott. 

 

 

 

 

 

Veneto

Partecipa alla battaglia di Creazzo.

Dic. 

 

 

 

150 fantiFriuli

Viene inviato in Friuli per sostenervi l’azione di Baldassarre di Scipione.

1514
Feb. 

 

 

 

 

 

Friuli

Con Michele Schiaveto alla guardia di Cividale del Friuli (200 fanti). Attaccato dai nemici, abbandona la località.

Mar. 

 

 

 

70 fantiFriuli

Segue Bartolomeo d’Alviano a Pordenone;  prende parte all’omonima battaglia in cui sono sconfitti gli avversari. Dopo il sacco della città si sposta ad Udine con 70 fanti.

Giu. 

 

 

 

 

 

Friuli

All’assedio di Marano Lagunare. Con Fracasso da Pisa (40 fanti) porta un attacco al bastione di San Giovanni che è respinto con gravi perdite fra gli assalitori. Mariano Corso è ferito da un sasso; il suo comportamento nell’azione viene elogiato da Girolamo Savorgnano.

Lug. 

 

 

 

 

 

Friuli

E’ catturato con il provveditore Giovanni Vitturi a Castions. Trattenuto prigioniero, è condotto a Gradisca d’Isonzo.

1515
Mag. 

 

 

 

 

 

Friuli

Si impadronisce di un convoglio, che porta 600 ducati destinati alla guarnigione di Marano Lagunare. Sono catturati 80 schioppettieri boemi.

1516
Dic.71 fantiFriuli
1517
Gen. 

 

 

 

40 fantiFriuli

Alla conclusione della guerra rimane in Friuli con 40 fanti: gli è riconosciuta una provvigione di 10 ducati per paga.

Mag. 

 

 

 

 

 

Friuli

E’ abbandonato da molti dei suoi uomini a causa del ritardo delle paghe.

1518
Mar. 

 

 

 

100 fantiCipro

E’ inviato a Cipro con Toso da Bagnocavallo: ai soldati viene concesso di trasportare venti carri di vino, destinato all’ autoconsumo, senza pagare alcun dazio.

1519
Giu. 

 

 

 

150 fantiCipro

Si trova a Famagosta. Sorge una forte inimicizia con  Toso da Bagnocavallo, che il capitano della città cerca invano di sedare. Un suo uomo è ferito da un fante della compagnia dell’altro capitano: costui viene ammazzato da un suo figlio. I due schieramenti si affrontano, finché non interviene il governatore Giacomo Novello. Mariano Corso è inviato con il figlio a Nicosia; anche Toso da Bagnocavallo è trasferito.

1521
Mag. 

 

 

 

39 fantiCipro

A Famagosta, per la mostra dei suoi uomini.

Ago.71 fantiCipro
1526
……….VeneziaImpero 

 

 

 

Lascia Cipro per ritornare in Italia e combattere gli imperiali.

Nov. 

 

 

 

50 fantiVeneto

Alla difesa di Bassano del Grappa per fronteggiare i lanzichenecchi di Giorgio Frundsberg. Rimane alla guardia della città per le insistenze del  provveditore.

Dic. 

 

 

 

 

 

Lombardia

A Brescia, per prendere il posto di Giovanni Francesco da Brescia.

1527
Mag.Venezia 

 

300 fantiLombardia

Agli ordini del provveditore generale Domenico Contarini con 300 fanti.

Nov. 

 

 

 

 

 

 

 

Il Collegio gli rinnova il comando di 300 uomini.

1528
Apr. 

 

 

 

 

 

Veneto

Viene spostato alla difesa di Verona con 200 fanti.

Mag. 

 

 

 

 

 

Veneto

Ha l’incarico di sorvegliare il tratto di mura dalla porta di San Pietro al castello di San Felice.

Giu. 

 

 

 

 

 

Veneto

Rimane alla guardia di Verona con Giacomo Novello quando Francesco Maria della Rovere ne esce per affrontare gli imperiali.

……….Veneto

ha il comando di 300 fanti.

1529

Sett.

Muore.

 CITAZIONI

-“Homo valoroso.” SANUDO

-Con Francesco da Napoli “Reputati assai in questo campo (aragonese).” DOVIZI

-Alla battaglia di Pordenone “Il corso anchora lui non stava a bada,/ ma per il campo da dover da sopra./ E combatteva con una gran spada/ mandandone più d’un li sottosopra,/ tal ch’era sangue tutta quella strada.” DEGLI AGOSTINI

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email