MANOLI CLADA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0463      MANOLI CLADA  Di Sparta. Zio di Teodoro.

+ 1527

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1500
Lug. Venezia Impero Ottomano Grecia

Lascia Corfù con Giorgio Rali;  si porta a Nista per spiare i movimenti dei turchi.

1503
Dic. 20 stradiotti Montenegro

Viene assalito da Giorgio Rali (50 cavalli ed alcuni albanesi) mentre si sta recando a Budua; corre il pericolo di essere ucciso dall’ avversario. Si reca a Cattaro ed il collaterale Giovanni Filippo Aureliano gli riconosce una condotta di venti cavalli leggeri.

1508 Montenegro

Sempre a Cattaro. La sua paga complessiva ascende a 683 ducati.

1510
Mag. Venezia Francia Impero Veneto

Salpa da Cattaro e giunge nel padovano.

Giu. Montenegro

Combatte in Friuli con il nipote Teodoro Clada e Dimitri Megaduca. Rientra a Cattaro con sedici cavalli a causa del forte ritardo del soldo.

Lug. Friuli

Gli è consegnata una paga e rientra in Friuli.

Ago. Friuli

A Gradisca d’Isonzo.

Sett. 30 stradiotti Friuli
1511
Lug. Venezia Francia Impero 26 stradiotti Veneto

Staziona nel veronese.

Ago. Veneto

Alla difesa di Treviso con ventidue stradiotti.

1512
Gen. Friuli

Ha pochi uomini ai suoi ordini, sempre a causa del ritardo del soldo.

Feb. Veneto

Si trova al campo di Vicenza con 24 stradiotti.

Giu.

Nella sua compagnia militano 29 stradiotti.

1513
Apr. Venezia Spagna Impero 30 stradiotti Veneto

Al campo di San Bonifacio.

Mag. giu. Veneto

E’ sconfitto a San Bonifacio da Guglielmo di Rogendorf e da Federico Gonzaga da Bozzolo; messo in fuga, si pone in salvo con il provveditore Sigismondo Cavalli,  Giovanni  Forti e  soli 50 cavalli a Cologna Veneta. Assediato nella rocca, il provveditore decide di arrendersi in breve tempo.

Lug. Veneto

Alla rassegna di Padova (30 stradiotti).

Nov. Veneto

Alla rassegna di Padova (25 stradiotti).

1514
Feb. Friuli

Gli è aumentata la provvigione mensile da 14 a 16 ducati.

Apr. Friuli

Con 70 stradiotti ed alcuni fanti si pone in agguato alla chiesa di Romans per cogliervi 50 cavalli imperiali e molti fanti usciti da Gorizia per mettersi all’inseguimento di 25 stradiotti. Nell’ azione sono catturati cinque cavalli, uccisi 40 fanti e fatti prigionieri altri tredici.

Giu. 34 stradiotti Friuli

Con Niccolò Paleologo ed il provveditore Giovanni Vitturi tende un’imboscata nella campagna di Gradisca d’Isonzo a Cristoforo Frangipane che viene catturato con 60 cavalli. Si reca a Venezia per scortarvi il capitano imperiale. Gli è ritoccata la provvigione a 19 ducati mese.

Sett. Friuli

Si muove alla volta di Latisana con Teodoro dal Borgo; si riposa al ponte di Palazzolo dello Stella; nel bosco di Presens cade in un agguato organizzato dalla guarnigione di Marano Lagunare (120 cavalli e tre bandiere di fanti). Costretto a ripiegare, si rifugia a Latisana; gli abitanti non lo vogliono prestare soccorso. Guada allora il Tagliamento inseguito dal fuoco degli archibugi: perde sette uomini, mentre altri otto sono catturati. Dopo qualche giorno, è rotto il ponte di Palazzolo dello Stella ed è lasciato dal provveditore generale Piero Marcello ad Ariis con 120 cavalli leggeri.

1515
Ott. V.Giulia

A Monfalcone.

1517
Gen. 60 stradiotti
Giu. 46 stradiotti

Il costo complessivo della sua compagnia è valutato nell’anno ascendere a 1096 ducati.

1519
Feb. Venezia Impero Ottomano Croazia

Alla guardia di Zara con Niccolò Paleologo e Niccolò Rali (70 cavalli) per difendere il territorio dalle incursioni dei predoni turchi. Il Consiglio dei Savi ordina che ciascuno dei tre capitani raccolga a Zante o a Cefalonia 50 cavalli.

1520
Feb. Croazia

A Nadino. Con il Rali ed il Paleologo affronta 600 cavalli turchi condotti da Mechmeth Beg: vi sono alcune scaramucce.  In una di queste è ferito al ventre (perdita di tre uomini e cattura di tredici turchi).

Mar. Croazia

Respinge una seconda incursione ( tra i turchi, tre sono gli uccisi e quattordici i prigionieri).

1524
Lug.

Gli viene aumentata la provvigione mensile da 19 a 22 ducati: sempre nel periodo  contrasta con successo nuove scorrerie di turchi e di martellossi (predoni di origine ungherese) nel territorio di Zara.

1525
Ott. Croazia

Al comando di 50 stradiotti.

1526
Lug. Croazia

Ai suoi ordini sono 44 stradiotti.

Ago. Croazia

A Zara con 50 stradiotti.

1527
Mar. Venezia Impero Emilia

E’ segnalato nel bolognese. Con il provveditore degli stradiotti Andrea Civran, Piero Frasina, Giorgio Busicchio, Niccolò Rali e la copertura di 3000 fanti e di molti cavalli leggeri, risponde ad una scorreria operata a San Giovanni in Persiceto da 400 cavalli leggeri, da una banda di uomini d’arme e da molti archibugieri imperiali. Nello scontro sono catturati tra gli avversari 60 cavalli; altri restano uccisi.

Mag. Toscana

Affianca il provveditore generale Alvise Pisani con 40 stradiotti.

………….. Marche

Muore in combattimento nei pressi di Camerino.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleMANFREDO DA CORREGGIO
Next articleMARCANTONIO COLONNA
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email