MANFREDO FAGGIN/MANFREDO FACINO

0
1376

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

0632      MANFREDO FAGGIN/MANFREDO FACINO  (Manfredo Fazin) Di Verona.

  • 1509 (agosto)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1495
Lug.VeneziaFranciaEmiliaPrende parte alla battaglia di Fornovo.
Ott.VenetoA Venezia. Assiste con Brunoro da Serego alla stipula della condotta di Niccolò Orsini con la Serenissima avvenuta a San Giovanni dell’Oro.
……….VeneziaFirenzeToscanaViene inviato in Toscana in soccorso dei pisani.
1508VeneziaImppero100 fantiVenetoOpera nel veronese.
1509
Mag.VeneziaFrancia ImperoLombardia

Prende parte all’espugnazione di Treviglio: durante il sacco della città penetra in una chiesa e vi rapisce una monaca. Diserta successivamente a favore degli imperiali a seguito della sconfitta di Agnadello.

Giu.ImperoVenezia50 lanceVenetoAlla guardia di Padova.
Lug.Veneto

Cerca di contrastare Zitolo da Perugia nel suo ingresso in Padova: respinto, è costretto a rinchiudersi in un primo momento nel castello e, successivamente, ad arrendersi nelle mani dei veneziani. Il provveditore generale Andrea Gritti, suo vecchio amico, lo fa subito liberare. Contro ogni promessa Manfredo Faggin continua a combattere per gli imperiali.

Ago.Veneto

E’ catturato a Longare; è portato immediatamente a Padova dove è fatto impiccare da Andrea Gritti. Si narra che di fronte ai giudici che lo stanno condannando a morte dichiari che la sua diserzione non è stata tanto dovuta all’odio verso la Serenissima, quanto alla consapevolezza che solo con gli imperiali avrebbe goduto di un prestigio pari al suo casato.

 CITAZIONI

-“E così venne la notte impiccato al palagio il più pomposo sodato e di più altillatezza ch’io abbia mai conosciuto, e, come privato, tutto pieno di animosità e di gentilezza, ottimo musico, ottimo versificatore e pratico nella militar disciplina. Mentre ch’egli era legato e che menato era alle forche, e mentre che il manigoldo (il boia) del maggior vestimento lo spogliava, sempre giva ricordando i morti suoi e chi lo aveva a tal morte condannato.” DA PORTO

-“Qualificato soggetto.” VERDIZZOTTI

-“Nato sotto infelice & rio destino/ Ma pur chi al male fe compra a sua posta/ Suol dir ogniun habbi il mal el malanno:/ Romper la fede sempre caro costa:/ Erpoi col tempo se ha vergogna e danno.” CORDO

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi