LUDOVICO MANFREDI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0990      LUDOVICO MANFREDI  (Ludovico da Marradi) Conte. Signore di Marradi, di Gattara e di altri castelli del val di Lamone. Cognato di Alberico da Barbiano, Obizzo da Polenta e Niccolò Roberti.

+ 1465 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1410 Manfredi Chiesa  

 

Romagna

Aiuta Giovanni Galeazzo Manfredi a recuperare la signoria in Faenza.

1411 Antipapa Faenza  

 

Romagna

Appoggia l’antipapa Giovanni XXIII contro i congiunti. Gli viene tolta Gattara.

1413  

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.  

 

 

 

 

 

Romagna

E’ investito dall’ antipapa, a spese dei Manfredi di Faenza, di Brisighella,  Torre di  Calamello,  Rocca San Casciano,  Fernazzano,    Montevecchio,  Montemaggiore e  Montalbergo dietro il censo annuo di un cane e di un falco.

1414  

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.  

 

 

 

 

 

 

 

In occasione della pace fra il re di Napoli Ladislao d’Angiò e l’antipapa è compreso tra i collegati dei fiorentini.

…………. Bologna Faenza  

 

Romagna

 

1418  

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.  

 

 

 

 

 

 

 

E’ raccomandato dai fiorentini al papa Martino V. Nell’anno ha una vertenza con il signore di Ravenna Obizzo da Polenta che è risolta a Ferrara.

1423  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Emilia

Scorta con 40 cavalli da Bologna a Castel Bolognese l’ambasciatore fiorentino Rinaldo degli Albizzi che deve incontrarsi con Antongaleazzo Bentivoglio: gli uomini di Ludovico Manfredi sono colti alla sprovvista e non riescono ad impedire la cattura del fiorentino.  Antongaleazzo Bentivoglio si scusa per il malinteso e libera i prigionieri.

1424  

 

 

 

 

 

 

 

 

………….  

 

 

 

 

 

Romagna

Convince il cognato Alberico da Barbiano ad abbandonare lo stipendio dei veneziani ed a ritornare in Romagna per riprendersi il castello di Lugo che è stato occupato dal marchese di Ferrara Niccolò d’Este per conto dei viscontei.

Primavera  

 

 

 

 

 

Toscana

Scoppia la guerra tra fiorentini e viscontei;  i primi non accettano le sue pretese per combattere i ducali. Si trova a Marradi.

Ago. Firenze Milano  

 

Romagna

Gli è promessa dai fiorentini la signoria di Faenza in caso di conquista della città.

1425  

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Romagna

Induce Niccolò Piccinino a scorrere in Val di Lamone. Gli è ordinato di entrare nel territorio dall’alto delle colline mentre i fiorentini vengono incontro a Ludovico Manfredi nella pianura. Il grosso dell’esercito cade in un agguato a Pieve d’Ottavio; il condottiero si salva con la fuga. Si preoccupa della sorte del fratello Jacopo rimasto ferito nello scontro, catturato e rinchiuso in carcere a Faenza: supplica i fiorentini di richiedere una tregua per potere riscattare il congiunto.

………….  

 

 

 

 

 

Romagna  Toscana

I fiorentini si alleano con i Manfredi di Faenza: Ludovico si fortifica in Castiglione, molesta i congiunti  istituendo nuovi pedaggi a loro carico. L’amico Francesco Soderini insiste affinché si rechi a Firenze. Lascia Marradi con un salvacondotto;  a Firenze viene rinchiuso nel carcere delle Stinche. Gli sono tolti poco dopo i suoi castelli. La  cattura provoca le proteste del  papa Martino V.

1426  

 

 

 

 

 

 

 

 

Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana

Vi è un intervento a suo favore del cardinale di Santa Croce Niccolò Albergati per conto del nuovo pontefice Eugenio IV: il risultato è ancora negativo.

………….  

 

 

 

 

 

Toscana

Durante la sua prigionia Ludovico Manfredi ricorre molte volte all’aiuto dei Medici: ciò provoca un peggioramento delle sue condizioni carcerarie.

1434  

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov.  

 

 

 

 

 

Toscana

Si rivolge ancora una volta a Lorenzo dei Medici, fratello di Cosimo: la smania di essere liberato lo spinge ad un atto inconsulto (una delazione?) per cui la sua pena viene aggravata.

………….  

 

 

 

 

 

Toscana

Nel luglio 1440 e nel dicembre 1448 contatta Cosimo dei Medici; un’altra supplica indirizzerà a Giovanni dei Medici nel settembre 1455; pressioni a suo favore saranno  fatte dal duca di Milano Francesco Sforza nel 1458 e nel 1460.

1465  

 

 

 

 

 

Toscana

E’ probabilmente liberato e muore verso il 1465. Poeta.

 CITAZIONI

Rinchiuso in carcere “Se pensasti con fraude uscir di fore/ mal si par che del mal ti sia corretto;/ e sai, ch’eg’è provato e comun detto,/ che ‘nganno merta inganno e non favore.” Da un sonetto di F. ALBERTI riportato dal FLAMINI

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email